inglese spiegato in modo semplice

Letteratura, Filosofia, Storia, Storia dell'Arte, Geografia

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Avatar utente
mamma Rosa
Messaggi: 3815
Iscritto il: lun lug 21, 2008 3:57 pm
Scuola: Alexander: 5° Alb Polovalboite
Località: Padova

inglese spiegato in modo semplice

Messaggio da mamma Rosa » gio apr 02, 2009 9:24 am

Ho già detto tutto nel titolo, quindi vi segnalo il link :wink: :

http://www.englishgratis.com/1/risorse/ ... anding.htm
Esser la mamma di un dislessico è inebriante!!!

Dare un nome alle cose è il primo passo per affrontarle.

Avatar utente
mamma Rosa
Messaggi: 3815
Iscritto il: lun lug 21, 2008 3:57 pm
Scuola: Alexander: 5° Alb Polovalboite
Località: Padova

Re: inglese spiegato in modo semplice

Messaggio da mamma Rosa » sab mag 16, 2009 12:30 am

Sono andata ad un corso AID sulle lingue straniere.
La formatrice, ci ha spiegato le difficoltà che i nostri ragazzi (a dir la verità ero uno dei pochi genitori...come al solito!) incontrano nelle lingue straniere.

In merito all'esame di terza media, vabbe' non si dovrebbe chiamare così...lei affermava che nella prova di lingua starniera, il ragazzo con DSA dovrebbe fare una prova adeguata alle sue conoscenze.

Il testo di una letterina di presentazione, come proposto per mio figlio è sbagliato assolutamente. Nel caso di un'esercitazone di comprensione del testo, questo deve essere letto da un insegnate, il quale deve assicurarsi della comprensione di questo da parte dello studente, nel caso invece si decida per un cloze, l'insegnate deve assicurarsi della comprensione del testo, della conoscenza del significato dei vocaboli da inserire (o della capacità di usare il vocabolario, anche informatico)...naturalmente il sistema scelto deve essere ben conosciuto dallo studente, l'esercitazione all'uso di tale sistema deve essere naturale per lui, ecc.

Nell'interrogazione orale, nel caso di mio figlio ad esempio, hanno studiato le invasioni della Gran Bretagnia, il ragazzo deve dimostrare di conoscerle, quindi se non è in grado di dimostrare di saperle in inglese, deve essere interrogato usando l'italiano per spiegarsi e raccontare quello che ha imparato!!!

La formatrice ha ribadito più volte che: non deve esistere che per incapacità dell'insegnante si trovi in difficoltà lo studente!
Esser la mamma di un dislessico è inebriante!!!

Dare un nome alle cose è il primo passo per affrontarle.

Rispondi