Nuova provocazione della Pellegrino!

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

paola 62
Messaggi: 171
Iscritto il: lun mag 21, 2007 9:12 pm

Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da paola 62 » mar ott 16, 2012 12:33 pm

E' pazzesco e vergognoso leggere nuovamente e puntualmente quanto fango getti questa persona? sui dsa! Io mi domando perchè si dia spazio a queste sue teorie non supportate da niente! P.S. Io mi chiedo se esista veramente, perchè se così fosse,meriterebbe di essere invitata ad un pubblico dibattito e sbugiardata pubblicamente da persone competenti, così da farla tacere una volta per tutte....che io sappia ciò non è mai avvenuto....quindi tutto si puoò supporre!
"Una scuola malata" di Margherita Pellegrino. Italia chiama Italia - Lettere al Direttore.( Leggetelo se volete rodervi il fegato!)
paola62

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da PINGHI » mar ott 16, 2012 1:10 pm

ciao paola...io non la trovo!!!puoi fare un copia incolla? :wink:

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da PINGHI » mar ott 16, 2012 1:33 pm

PINGHI ha scritto:ciao paola...io non la trovo!!!puoi fare un copia incolla? :wink:
...no grazie l'ho trovata....vergognoso!!!!......... :evil: sono uscita dalla scuola dove lavoro, disgustata e preoccupata :evil: ........... SIAMO NOI DISLESSICI a essere disgustati per quello che lei ha scritto...SIAMO NOI DISLESSICI a essere felici che una persona come lei abbia lasciato la scuola...non ha nulla da INSEGNARE una persona che non può C A P I R E.

paola 62
Messaggi: 171
Iscritto il: lun mag 21, 2007 9:12 pm

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da paola 62 » mar ott 16, 2012 2:22 pm

Scusa, ma non ha lasciato la scuola....purtroppo continua ad insegnare....era semplicemente uscita dal CDC..sob!
paola62

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da PINGHI » mar ott 16, 2012 2:30 pm

troppa foga e rabbia nel leggere l'articolo che ho frainteso il BUON PROPOSITO :lol: di aver lasciato scuola...perdonami.... al di là di tutto mi è rimasto l'amaro in bocca per quello che ha scritto...che schifo.ciao

Avatar utente
Marco72
Messaggi: 727
Iscritto il: mar nov 08, 2011 11:37 pm
Località: roma

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da Marco72 » mar ott 16, 2012 3:43 pm

Cara Maestra, maestra mia..

E' trascorso tanto tempo, forse troppo tempo da quei cinque anni passati insieme.

Quando si è piccoli , bambini, anche fisicamente non c'è scampo, non c'è soluzione.

E' strano, ma quando si scrivono certe cose si è consapevoli di non essere soli, è come se quel gesto, se quel movimento fosse fatto da migliaia, milioni di persone.

E' una sensazione magica, un brivido misterioso, che parte dalla mente ed arriva come una meteora nel fondo della tua anima.

Solo un istante.

Cara Maestra, maestra mia.

Non ci sei più, non sei più carne come lo sono io adesso.

Io voglio scriverti in questo momento e non comprendo perché è trascorso così tanto tempo, forse troppo.

Nella tua Terra ci sono stato tante, tantissime volte.

In quella terra a forma di triangolo , con contorni non definiti.Con Isole che sanno di Grecia.

Sai il mio sangue non era così diverso dal tuo, un mio nonno....sai....parte di me è nata lì.

Ti immagino quando anche tu bambina volevi raccogliere quelle arance così alte.così lontane da te..

Cosa si è spezzato in te?, cosa hanno visto i tuoi occhi così piccoli?, cosa il tuo corpo ha provato per mani più grandi di te?.

Io penso che anche tu non abbia conosciuto come fa ogni bambino la felicità con i giocattoli, con i sorrisi di papà e le carezze di mamma.

Io penso che dentro di te hai affrontato ,forse, più difficoltà di me, forse anche tu ti confondevi con le direzioni.

Forse anche tu..

Forse anche tu avevi pianto lacrime simili alle mie.

Cara maestra, maestra mia.

Io voglio scriverti una lettera bellissima, cerco ma non riesco.

In questo mondo maledetto dove la meccanica si beffa di noi con l'elettricità.

Solo vorrei, mi sarebbe piaciuto, ma..

Se solo avessi potuto imparare alla pari come te.

Calcolare come te.

Scrivere come te.

Altro come te.

Non era colpa mia. No!

Non è stato così.No!

maestra, solo adesso ti scrivo , ti dico, che vorrei cercare il tuo ultimo giaciglio.

Non solo, ma con tanti fratelli conosciuti da poco, e con loro regalarti i fiori più belli.

Solo ora ho compreso quanto sia bello amare e chi come te, non sapeva nulla di
cosa fossero la dislessia e le sue sorelle.

Sai ancora adesso mi chiedono, mi pressano, mi indagano come se fossi malato..

maestra, solo adesso trovo il coraggio di scriverti.

maestra, se puoi, dall'alto parla alle tue amiche e spiega loro che non eravamo malati, ma solo già immensi sognatori di idee fantastiche.

Fà che i bambini possano solo correre felici, saltare e scarabocchiare le pareti della scuola, così grige.

Io lì ho perso parte di me, che con tanta fatica cerco adesso.

ciao, amica mia.

dormi in pace. anch'io verrò un giorno da te, e quando ti vedrò vorrò solo consolarti ...e forse abbracciarti.

Io so solo amare. Solo questo.


Questa è la lettera che penso di spedire a questo giornale, nella speranza che sia pubblicata.

Avevo solo 8 anni, ed ho avuto il coraggio di scriverla a quasi 40 anni.

Quello che accadeva a noi bambini degli anni 70, non deve più succedere, mai più

Vorrei che questa professoressa potesse piangere anche un pò lei.

Perché tanti di noi , non hanno avuto né la forza, né l'opportunità .

Non voglio aggiungere altro.

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da PINGHI » mar ott 16, 2012 5:20 pm

Ciao marco...troppo tenere e dolci le tue parole verso chi ignorava quelle difficoltà che giorno dopo giorno inconsapevolmente ci portavano verso un percorso tortuoso fatto di umiliazioni e sgridate ,rendendoci la vita oggi fatta di rimpianti...e come se qualcuno avesse infranto la nostra infanzia,avesse distrutto una parte di noi.hai scritto una lettera dedicata alla tua maestra......io scriverei una lettera a mia madre per quanto male mi ha fatto....ma solo chi ha un trascorso come il nostro può capire il nostro sfogo.bello poterne parlare...meno male cê questo forum....e tante persone capaci virtualmente di starti vicino.ciao pinghi

Avatar utente
lagazza
Messaggi: 125
Iscritto il: lun set 24, 2012 9:20 am

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da lagazza » mar ott 16, 2012 5:36 pm

... mamma mia,
ho letto anch'io l'articolo della prof.ssa Pellegrino... c'è da rabbrividire per come riassuma un coacervo di pregiudizi/non-conoscenze. Io spero che i prof. che la pensano come lei diminuiscano col tempo. Ho sentito più d'un collega chiedersi come mai ci siano tante diagnosi di dislessia, come sia possibile... e questo dubbio portarli a credere che forse si esagera, possibile che ci siano sempre più dislessici nelle classi? Io rispondo: no, attenzione, non è che aumentino col tempo; non è nemmeno, temo, allarmismo eccessivo (magari fosse così)!; il fatto è che tempo addietro il problema era meno conosciuto e studiato, meno vagliato e controllato; spariva nei banchi degli asini, nelle bocciature, negli esami a settembre, nel consigliare un istituto professionale; e in altro ancora, magari in botte fisiche, psicologiche ecc. Oggi la questione si sta via via chiarendo, sia negli studi che nelle strategie per possibili recuperi. Chiedete a Giacomo Stella e a tutti gli studiosi che vi si dedicano da anni. No, no si sta esagerando con le diagnosi; semplicemente sta emergendo una situazione prima taciuta, soffocata, rimossa. Non si sta esagerando; si affaccia nelle classi un problema che c'è sempre stato e che non aveva nome. Ora che il nome esiste, nessuno può esimersi dal chiamarlo, dall'esserne chiamato.

Mat
Messaggi: 667
Iscritto il: lun giu 04, 2012 2:19 pm

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da Mat » mar ott 16, 2012 8:34 pm

ecco il link, per leggere cosa pensa la Prof.ssa Pellegrino:
http://a.marsala.it/scuole/item/62752.html
Questa insegnante, come alcuni miei colleghi, ha un'opinione
negativa dalla Legge 170, perchè lei vorrebbe
prove tangibili frutto di esami strumentali ( radiografia, risonanza
magnetica ecc.), non rendendosi conto dei traguardi immensi
che un alunno DSA raggiunge quando gli viene garantita un'
attenzione didattica che, in passato non esisteva.
Leggendo le sue dichiarazioni mi sono ritornate alla mente
i racconti di mio padre, fortemente miope, picchiato dalla maestra
alle elementari dei primi anni '40 in quanto incapace di leggere alla
lavagna, o una mia compagna di classe degli anni '70 che non riusciva proprio
a leggere in modo fluente e che veniva insultata dalla nostra
insegnante di lettere del tempo, ''leggi zucca vuota, leggi'', le
diceva.
I ragazzi DSA, in passato, erano i ''zucconi'', quelli che venivano
sbattuti in fondo alla classe e lasciati là, finchè non abbandonavano
la scuola.
Che tristezza leggere parole così dure di una collega, incapace di
vedere e di sentire. Incapace di comprendere, percepire al di là di ciò che
prova in prima persona, ma incline alla critica e al giudizio giudizio.
Lei non è mai stata una bambina incapace di fare i calcoli,
o incapace di leggere in modo rapido, immagino.
Io sono un insegnante, non sono mai stato dislessico, eppure
le sue parole mi danno fastidio, perchè insultano.


Non siamo tutti così noi insegnanti.
Non siamo tutti uguali noi esseri umani.
PER FORTUNA

roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da roberta » mar ott 16, 2012 8:40 pm

al minuto -23.30 circa viene posta la stessa domanda sulla "cellula" la risposta di Stella non ha bisogno di altri commenti. Che sia proprio la signora in questione?

paola 62
Messaggi: 171
Iscritto il: lun mag 21, 2007 9:12 pm

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da paola 62 » mar ott 16, 2012 9:15 pm

Purtroppo è la stessa lettera che io ho segnalato, cambia solo il giornale...ma se andassimo a cercare nella rete ci saranno un sacco di testate che le hanno pubblicato la lettera. Ormai ad ogni inizio di scuola è la solita solfa...inonda, inonda il web delle sue false affermazioni....purtroppo nel mucchio qualcuno le crede...ahimè!
paola62

paola 62
Messaggi: 171
Iscritto il: lun mag 21, 2007 9:12 pm

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da paola 62 » mar ott 16, 2012 9:18 pm

Per Roberta....cosa vuol dire alminuto-23,30? Non lo conosco...è forse una trasmissione televisiva o qualcosa di simile? Puoi essere più chiara....così vado a vedere di cosa si trattta...Grazie!
paola62

roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da roberta » mar ott 16, 2012 9:28 pm

no mi è scappato il link!!! scusami sto dormendo... http://video.corriere.it/siamo-tutti-di ... 446f94a4e2

:oops: :oops: :oops: :oops:

trovi la domanda al minuto -23.30

Carica101
Messaggi: 208
Iscritto il: gio set 20, 2012 3:43 pm
Scuola: scuola primaria, 3° e 4°

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da Carica101 » mer ott 17, 2012 9:05 am

Gent.ma Prof.ssa Pellegrino, esprime il Suo disappunto sulla L.170 -libera di farlo e ci mancherebbe altro!-, facendo una fotografia di una scuola superiore (4 5 alunni con dsa per classe in 1° superiore),...forse si sbaglia? La L.170 è del 2010... due anni mi sembrano un po' pochini per asserire che gli strumenti compensativi-dispensativi hanno fatto così tanti danni a certi alunni considerato che è più facile il contrario, ossia che non gli sia stato permesso di usarli all'interno della classe di provenienza (l'esperienza e i dati dicono questo). Forse sanno scrivere male e leggere altrettanto male proprio perché non ne hanno usufruito a sufficienza fin dalle elementari. Sui dsa e la diagnosi effettuata: le domande che lei pone e si pone dovrebbe farle all'OMS.
Definizione OMS sulla dislessia, ad es.:"La dislessia è una disfunzione
dell’apprendimento del linguaggio scritto, in bambini con
un curriculum scolastico normale, in assenza di patologie
organiche e di deficit cognitivo; non è imputabile neppure ad un
ambiente socio-culturale od affettivo sfavorevole", pertanto " E‘ riconosciuta ufficialmente a livello medico-scientifico e deve
essere differenziata dalle difficoltà generiche
d’apprendimento". Non credo che l'OMS si sia presa tanto disturbo solo per fare un dispetto a quelli che la pensano come lei. La L. 170 si basa su questo principio, e che sia faticosa da attuare lo sanno per primi i diretti beneficiari. Non dice niente di nuovo sul fatto che la scuola sia "malata": tagli di fondi e di valide figure professionali vanno a inficiare la qualità dell'insegnamento/apprendimento e tendono a uniformare i metodi e le persone anche dove l'evidenza dice che questo non è possibile. Che le piaccia o no questa è la realtà. La L.170 esiste. Se uno non è in grado di sostenerla potrebbe domandarsi se non sia il caso di lasciare il passo a chi invece ha tutti i requisiti per farlo e nel migliore dei modi. Potremmo restare entrambe sorprese nel vedere che in giro, senza un posto di lavoro assegnato nella scuola pubblica, ce ne sono molte.
Distinti saluti.
B.B.
La perfezione... una noia mortale. B.B.

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Nuova provocazione della Pellegrino!

Messaggio da PINGHI » mer ott 17, 2012 10:17 am

VARESE NEWS...lettere al direttore ho trovato questo scritto.....Sono la mamma di due ragazzi dislessici.
Leggere la lettera che è stata pubblicata dalla prof. Margherita Pellegrino il 15/10/2012 mi ha spinto a scrivere questa risposta, che spero verrà pubblicata.
Purtroppo sono ancora molti gli insegnanti in Italia che pensano che la dislessia sia un’invenzione dei Neuropsichiatri. Però purtroppo per noi non è così.
Io sono sicura che gli insegnati che parlano come lei, non sanno cosa significa passare pomeriggi interi a studiare accanto ai nostri figli,che nonostante le loro difficoltà vogliono imparare A TUTTI I COSTI; non sanno cosa significa passare due o tre pomeriggi a settimana in macchina o sugli autobus per portare i nostri figli nei centri per la logopedia; attraversare la città, perchè di questi centri convenzionati ce ne sono pochissimi e magari non è possibile pagare un logopedista privato.
Questi ragazzi devono lottare non solo contro le loro difficoltà, ma anche contro insegnanti che, come lei ,li invitano a SFORZARSI.

La sua cultura e probabilmente la facilità che ha incontrato nei suoi studi, le impedisce di capire cosa significa trovarsi davanti a un libro, e al posto della parole con il loro significato, vedere delle macchie, delle lettere che non vanno al loro posto.
La dislessia è una disabilità silente, che si manifesta solo in ambiti didattici o dove è necessario leggere o scrivere, ma non per questo non invalidante.
Molti ragazzi dislessici , a caro prezzo si sono laureti, affrontando giorno dopo giorno il “ DEMONE BIANCO “ come lo chiama Giacomo Cutrera nel suo libro. Un altro libro che le consiglio di leggere è un libro pubblicato nel 1984 e scritto da un famoso sceneggiatore italiano ,Ugo Pirro, che si intitola : MIO FIGLIO NON SA LEGGERE,
Le segnalo anche un video di SUPERQUARK che la informerà sui studi che stanno facendo per la diagnosi strumentale dei DSA:
http://www.youtube.com/watch?v=P29TzTXPOec
Le volevo inoltre fare presente che l’Italia è indietro sul tema DISLESSIA ,non solo rispetto al resto d’Europa ma anche del mondo, e a proposito di questo ,la invito a vedere un bellissimo film indiano che parla della dislessia che si intitola : STELLE SULLA TERRA, tanto per dimostrarle che sei lei parla di scuola malata di dislessia, riferisce questo non solo alla scuola italiana , ma a quella mondiale.
Concludo questa lettera nella speranza che gli insegnanti che la pensano come lei si ricredano, per il bene dei nostri ragazzi a cui già basta affrontare quotidianamente la battaglia dello studio, e anche nella speranza che in un futuro lei si rivolga con più rispetto verso argomenti che toccano la vita di tante persone.

Rispondi