E se avessi cambiato idea?

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Rispondi
svillani
Messaggi: 5
Iscritto il: lun apr 30, 2012 8:35 am

E se avessi cambiato idea?

Messaggio da svillani » mar nov 20, 2012 12:02 pm

Buongiorno a tutti.
Mi accingo ad aprire questa nuova discussione perchè sono stata colta da dubbi.
Mia figlia, che frequenta il 1° superiore presso il liceo delle scienze sociali; è stata riconosciuta alla fine della 3° media, con una difficoltà della comprensione del testo e delle lievi difficoltà in matematica e presso la ASL invece ha un "ritardo borderline" dovuto ad un parto difficile.
Dopo 2 anni (2° e 3°) di grandi difficoltà scolastiche in tutte le materie, conseguenti ripetizioni, qualche atto di bullismo di cui è stata vittima; mia figlia arriva alle superiori
diversa..... Studia da sola con buoni risultati (> 6) e sottolineo DA SOLA, anche materie come la matematica; diritto e scienze umane per lei le ultime 2 nuove.
Sinceramente non so cosa pensare....
Ho richiesto il PDP e tra poco dovrei firmarlo ma ho cambiato idea e non vorrei + usufruire del PDP ma il referente mi ha detto che la ASL dovrebbe dichiarare che mia figlia è guarita, in realtà la dislessia non è una malattia, quindi non vedo come si puo' risolvere. Vorrei sapere se sotto la propria responsabilità di genitori è possibile rinunciare al PDP.
NON vorrei essere fraintesa perchè credo che non ci sono + problemi di dislessia; ma se io come genitore volessi dare fiducia a mia figlia e rinunciare ad una richiesta ufficiale perchè non sono libera di farlo se me ne assumessi la responsabilità?
Inoltre il PDP si potrebbe variare nel corso dell'anno, e penso che non sia un contratto.
Credo che dopo riflessione usero' il PDP al minimo che ritengo opportuno, poichè credo di piu' nella volontà di mia figlia e perchè sono convinta che le 2 sue diagnosi siano state appesantite da 2 anni di difficoltà psicologiche.
Spero al più presto di avere una ulteriore diagnosi, per mettere la parola fine... in un labirinto di parole; non so se ci riusciro'......
Grazie per l'attenzione.

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da PINGHI » mar nov 20, 2012 12:38 pm

Ciao Svillani,ma il tuo timore ê che avere un pdp possa sminuire tua figlia agli occhi dei professori?...solitamente la stesura di un pdp dovrebbe tutelare e aiutare uno studente,ma non per questo dovrebbe essere fonte di sensi di"colpa"....se hai presentato tua figlia alla scuola CON DIAGNOSI ...ê la scuola stessa che ê tenuta a rilasciare un piano personalizzato di studio...altrimenti se ritieni di non volerne piû asufruire per qualsiasi ragione,basta che ne parli con il preside e il tutor della scuola per il prossimo anno però........Tante volte i voti dei nostri ragazzi vengono "alzati" rispetto ad altri compagni:roll: in presenza proprio di una diagnosi....attenta a non pentirti....dopo!!!ciao

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da PINGHI » mar nov 20, 2012 2:11 pm

opsss....Tante volte i voti dei nostri ragazzi vengono "alzati" rispetto ad altri compagni....no non è bella la frase che ho scritto ,volevo dire...mi correggo... vengono ri :wink:VALUTATI appunto grazie alla presenza di diagnosi...un 5,5 diventa un 6 e grazie a un pdp studiato appositamente per i nostri ragazzi.(non sempre :roll: )ciao

pingu
Messaggi: 766
Iscritto il: dom nov 27, 2011 10:05 am

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da pingu » mar nov 20, 2012 4:05 pm

ciao silvia, non capisco la tua perplessità perdonami, cosa cambia per voi avere un PDP, vostra figlia è sempre la stessa no!! e poi chi non ti dice che quando tua figlia andrà avanti nella scuola non possa incontrare delle difficoltà?? :?: poi cosa farai??? pensaci....è chiaro a te la scelta, sei tu il genitore....

ornella casaula
Messaggi: 254
Iscritto il: ven ott 28, 2011 8:33 am

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da ornella casaula » mar nov 20, 2012 5:02 pm

Sai, fosse mia figlia non rinuncerei al PDP. Questo documento è la sua possibilità di utilizzare gli strumenti compensativi più opportuni, ma questo non vuol dire che lei debba farlo.
Mia figlia che è in III media, nel PDP, è autorizzata ad utilizzare il PC in classe, il vocabolario digitale, le mappe, le schede riepilogative, ecc. ma, al momento, utilizza esclusivamente le mappe. Ciò non toglie che, ovemai necessario, potrebbe usufruire di ulteriori mezzi.
La stesura del PDP, come vedi, non obbliga nessuno a far niente...sarà stesso lei a dirti se e di cosa ha bisogno al momento opportuno ma, fossi in te, le lascerei sempre la porta aperta. Come tu giustamente sottolineavi, la dislessia non è una malattia. Tua figlia può aver compensato, possono aver esagerato nella diagnosi ma, se tu non studi con lei giorno dopo giorno, non puoi esattamente conoscere le sue difficoltà. La fiducia che tu riponi in lei è giusta, giustissima, DEVE fare da sola, per lei, per la sua autonomia, sapessi quanto lavoro io con la mia piccola in tal senso e porto a casa i primi risultati...Ma non sarà certo un documento ad influire negativamente sulla sua sfera psicologica, anzi, questo può solo esserle d'aiuto, la renderà più tranquilla e sicura di sé.
In tutto questo...hai provato a chiederle cosa ne pensa? Non è più una bambina.

Mat
Messaggi: 667
Iscritto il: lun giu 04, 2012 2:19 pm

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da Mat » mar nov 20, 2012 6:51 pm

Ribadisco che ad ogni diagnosi DSA deve corrispondere un PDP...
Si cerca la condivisione con la famiglia (o dovrebbe essere così!)
ma se non la si trova si prosegue lo stesso...
E' un diritto del ragazzo, non della mamma o del papà...
Tra l'altro il PDP non deve essere per forza pieno zeppo di
mezzi didattici ad hoc; non è detto che il ragazzo abbia bisogno
di tutta la gamma degli strumenti compensativi e delle misure
dispensative: alcuni alunni abbisognano soltanto di calcolatrice
o di un po' di tempo in più. Perchè negare un diritto che uno specialista
ha sancito sulla base di un disturbo specifico rilevato?
Perchè levare gli occhiali ad un ragazzino che ha anche solo una debole
miopia che gli impedisce di leggere da lontano....?
Parlo in senso generale, è chiaro che il caso specifico qui è diverso ;)

Avatar utente
mb84
Messaggi: 1550
Iscritto il: mar mag 27, 2008 12:14 am
Scuola: 3a media Davide e IVel Francy
Località: Milano

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da mb84 » mer nov 21, 2012 9:28 am

ciao
anche io non capisco le tue perplessità tra l'altro se hai protocollato già la diagnosi in segreteria come fai a sapere se a scuola hanno già adottato qualche strumento dispensativo che permetta a tua figlia di essere valutata correttamente? e se le fai togliere il PDP (sempre che tu possa farlo) la metti in condizione di svantaggio, poi che fai? Io ci penserei molto bene.
Barbara

"Tutto ciò che facciamo è solo una goccia nell'oceano ma se non lo facciamo l'oceano sarebbe privo di quella goccia"
Madre Teresa di Calcutta

Avatar utente
Africa
Messaggi: 1461
Iscritto il: mar ott 26, 2010 6:18 pm
Località: Frosinone

Re: E se avessi cambiato idea?

Messaggio da Africa » mer nov 21, 2012 8:44 pm

Ciao Silvia, perdonami ma non ho capito se questo è esclusivamente un tuo desiderio o se è una richiesta di tua figlia. Perché nel primo caso ti consiglierei di non negarle un diritto, e nel secondo di aiutarla a comprendere l'importanza di un piano didattico personalizzato.
RACCOLTA FIRME per il rispetto della legge n.170 ai test di ammissione universitari

"L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo". Albert Einstein

Rispondi