Pagina 1 di 1

Università: test d'ingresso a numero chiuso

Inviato: sab set 24, 2016 10:37 am
da aurorap
Ho provato martedì scorso il test universitario a numero chiuso per la facoltà di psicologia. Sono di Bari. In questa università è possibile richiedere alcuni mezi dispensativi e compensativi. Richeido una clacolatrice, mezz'ora in più e una persona che potese leggermi le varie domande, perchè io ho difficolta nella lettura e nel capire i numeri e spesso ci impiego più del tempo dovuto per leggere ma soprattutto capire anche solo una parola. Insomma arrivato il fatidico giorno, mi presento li mi siedo e vedo che ancora non avevo avuto nulla. Dopo un po' arriva un signore che di fronte a tutte le centinaia di persone sedute ad aspettare di iniziare il test con me, mi mette in imbarazzo urladno il mio nome, dandomi la calcolatrice e urlando se qualcuno mi potesse aiutare a fare il test (cosa mal interpretata dagli altri presenti li perchè hanno subito pensato che fossi una favorita e che mi dovessero suggerire o aiutare a svolgere il test per riuscire a passare subito, quindi occhiataccie e persone che parlavano tra loro . Invece il tipo in malo modo, esprimendosi male aveva detto alle colleghe li presenti se fossero disposte a leggermi le cose - loro non erano a conoscenza di nulla ne del problema- quindi si stavano ritraendo pensando invece che dovessero suggerirmi. Lui va vicino ad una di queste e pensando io non ascoltassi le dice: fai sto sacrificio tanto devi solo leggerle veloce... se la vede lei poi come fare se ti capisce o no) poi mi hanno fatto sedere al primo posto. zero privacy e riservatezza. Ero molto imbarazzata e agitata, mi aspeettavo un trattamento diverso al riguardo. Non ho mai avuto trattamenti particolari, anzi per questa DSA ho dovuto sempre faticare più degli altri, perchè come ben sapete c'è molta ignoranza in merito e non l'accettano tutti. Comunque facendola breve alla fine ho fatto il test da sola, senza nessuno che mi leggesse. perchè dopo la figuraccia ho preferito fare quello che potevo da sola. Tanto anche se ci fosse stato qualcuno accanto a me, l'aiuto sarebbe stato vano. Vi dico solo che mentre stavamo svolgendo il test è squillato un telefono e le tipo sono subito venute diretta a me pensando fossi il mio.....
Ho risptosto a 41 domande su 75 e a molte ho risposto a cavolo perchè non capivo cosa richiedessero. A voi sembra giusto tutto cio? Vi sembra mai possibile che rischio di non entrare in questa facoltà e di rimanere cosi senza fare nulla, senza realizzare il sogno di laurearmi e diventare una psicologa un giorno? Non è giusto che ci sia ancora tanta ignoranza e poco tatto in merito!!!!
Per chi come me ha fatto in passato il test per una facoltà a numero chiuso, come gli è stato valutato? E' riuscito ad entrare? Avete riscontrato difficolta? E che voi sappiate, per i DSA com'è la procedura? come li valutano ecc... sto molto giù perchè ho molta paura di non esser stata presa... mi ero impegnata tanto questa estate.. nonostante avessi avuto pure un probema alla cornea e quindi non riuscisi a vedere bene da un occhio. Ho cercato di fare il possibile. Davvero non è giusto!! :sad:
Scusate il papiro e le mille domande. Scusate lo sfogo...
Mi piacerebbe avere delle delucidazioni in merito di qualsiasi tipo. Tutto per stare un po' più serena.... Scusate se ci sono errori.
Vi ringrazio tanto se risponderete, buona giornata a tutti voi

Re: Università: test d'ingresso a numero chiuso

Inviato: mer ott 05, 2016 7:32 pm
da hokuto
ciao, mi dispiace per come la gente sia sempre informata sui Dsa, premetto che non so veramente nulla sull'università e non so perche nessuno ti ha ancora risposto, pero io proverei a informarmi al Ministero del Istruzione o prova a rivolgerti al Dottor Stella, anche mandandogli una mail lui dovrebbe saperne di piu! non Mollare ciao!

Re: Università: test d'ingresso a numero chiuso

Inviato: mar ott 25, 2016 7:02 pm
da Africa
Orribile quello che ti è capitato e la cosa peggiore è che non sono per niente stupita. Raramente ho visto persone che dimostrassero non dico sensibilità, ma un po' di educazione. Non si tratta una persona così, anche se non approvi, anche se la ritieni indegna di stare lì. A pensare a quello che ti è capitato riprovo tutta la rabbia per le ingiustizie che ho subito ai miei tempi. Io con i test d'ingresso ce l'ho fatta perché scelsi una facoltà tecnica e sono solo dislessica, niente problemi nel calcolo (solo lentezza).

Scrivi una mail al rettore e metti in copia il Ministero dell'Istruzione.