E' vero che i giovani non sanno più scrivere?

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Rossella
Messaggi: 5471
Iscritto il: gio giu 01, 2006 1:13 pm
Località: Potenza
Contatta:

E' vero che i giovani non sanno più scrivere?

Messaggio da Rossella »

Come si può vedere esistono insegnanti che sanno mettersi al passo coi tempi e che sono...creative! Chi vuole leggere l'articolo completo vada su: http://ted.sophia.it/cgi-bin/WebObjects ... snip=47221

È vero che i giovani non sanno più scrivere?
Intervento di Lucia Failla, docente di Italiano dell’ITIS “Galileo Ferraris” di Verona

......Ma cosa succede in Italia? Beh in Italia la situazione non sarebbe molto diversa, almeno secondo quanto affermano i docenti di Linguistica dei vari Atenei d’Italia che riscontrano nelle nuove generazioni di studenti universitari la sempre minore confidenza con carta e penna. E ci si può quindi imbattere, leggendo un saggio, in una bella “x” al posto della preposizione “per” oppure “qlc” al posto dell’obsoleto “qualcosa” e così via.

A questo punto sarebbe facile e perfino scontato emettere una sentenza di condanna nei confronti di computer e telefonini, ritenuti unici responsabili dello smarrimento mentale dei giovani.

E se l’errore consistesse nel considerare le nuove tecnologie come avversarie da combattere, piuttosto che delle alleate da utilizzare saggiamente nella prassi didattica?

Si potrebbe cominciare con il considerare la video-scrittura un elemento di forte motivazione intrinseca e non il semplice trasferimento di un testo scritto in formato elettronico, in quanto consente agli studenti di appassionarsi alla scrittura con modalità a loro più congeniali, attraverso mezzi con cui hanno dimestichezza nella vita extrascolastica.

E perché non usare il computer come strumento per contrastare il dilagante fenomeno dell’impoverimento lessicale dei giovani?

È noto che uno dei problemi maggiori, rilevati nella redazione di un testo, riguarda la ripetitività di alcuni vocaboli a cui si può ovviare con una rapida ricerca all’interno del programma informatico di scrittura. La scelta del sinonimo appropriato avrà anche il vantaggio di ampliare il bagaglio lessicale dello studente.

Un’altra facilitazione da non sottovalutare è la possibilità di poter vedere e rivedere il proprio lavoro e intervenire laddove sia necessario e segnalato, nella logica sottesa alla video-scrittura che è quella del work in progress.

Con questo spirito e sulla base di queste considerazioni sto sperimentando già da qualche anno presso la scuola di appartenenza e, attraverso un’attività di disseminazione sul territorio, consistente in formazione e aggiornamento di altri docenti, un progetto di “Laboratorio di scrittura”, - che può diventare attività didattica ordinaria e come tale inserito nei percorsi curriculari.

BUON LAVORO ALLA PROF.!!!
IL MIO BLOG E I MIEI LIBRI: http://www.rossellagrenci.com
Avatar utente
Susanna
Messaggi: 139
Iscritto il: mar ott 17, 2006 10:30 pm
Località: Gorizia

Messaggio da Susanna »

Credo purtroppo di dover dare ragione all'articolo non per il computer o i messaggini, ma forse perchè i nostri giovani non hanno più neppure il tempo fisico per scrivere per passione.
Secondo me sono troppo oberati di tutto, e non hanno più tempo per la FANTASIA.
Io che sono del 63 ho sempre scritto molto, ma quando ero ragazzina io, non c'era nulla,nessuno o quasi aveva impegni pomeridiani per sport, musica, danza ecc.
Ammetto anche che io vivevo e vivo tuttora in un piccolissimo paese (1200 anime allora, 1400 oggi)
Quindi non c'era davvero nulla, la radio per la musica, e un paio di bar con i soliti 4 vecchietti.
E i pomeriggi te li dovevi inventare, quindi io scrivevo, ho vinto un concorso di poesia alle medie e scrivo tuttora piccoli racconti fantasy.
Samantha un po per il suo problema di dislessia, un po perchè preferisce il violino alla penna, non ha mai scritto nulla, anche i temi il più delle volte sono scarni e privi di fantasia.
Ma ho notato che la gran parte delle sue amiche è uguale, anche se non dislessiche, non sanno più scrivere, non saprebbero inventare una storia, una poesia e credo che anche scrivere una lettera a un amico sarebbe molto tvttttb, qlc, x, nn , ecc ecc.
Secondo me avrebbero bisogno di qualcuno che gli insegni a SOGNARE DI NUOVO.
Leonardo
Messaggi: 2609
Iscritto il: mar gen 03, 2006 9:44 pm
Scuola: 5° anno ITIS Informatica
Skype: leonardo88ro
Località: Dueville(VI)
Contatta:

Messaggio da Leonardo »

mi è bstato leggere ITIS che mi è passata la voglia di leggere, forse lo farò con calma dopo
Avatar utente
Susanna
Messaggi: 139
Iscritto il: mar ott 17, 2006 10:30 pm
Località: Gorizia

Messaggio da Susanna »

Leonardo ha scritto:mi è bstato leggere ITIS che mi è passata la voglia di leggere, forse lo farò con calma dopo
Luca Luca !!!
Non saranno mica tutti uguali i professori dell'ITIS? ;)
E cmq l'articolo non parla dell'Itis, ma della voglia di scrivere che voi giovani non avete più.
Leonardo
Messaggi: 2609
Iscritto il: mar gen 03, 2006 9:44 pm
Scuola: 5° anno ITIS Informatica
Skype: leonardo88ro
Località: Dueville(VI)
Contatta:

Messaggio da Leonardo »

lo so che non parla dell'itis ma cmq vedere che è scritto da un professore dell'itis mi da già una motivazione per non leggerlo cmq adesso l'ho letto, e anche se io apparte cmq(che scrivo solo sui forum e non nei compiti a scuola) non uso abbreviazioni non vedo il motivo di essere così contrari
Avatar utente
Susanna
Messaggi: 139
Iscritto il: mar ott 17, 2006 10:30 pm
Località: Gorizia

Messaggio da Susanna »

Tu da giovane diciottenne, ti cimenteresti mai nella scrittura di una poesia o di un racconto di tua fantasia?
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack »

lui forse no , ma io ho scritto un romanzo a 12 anni
e una rivisitazione poetica ispirata da notte sul monte calvo .
Avatar utente
Susanna
Messaggi: 139
Iscritto il: mar ott 17, 2006 10:30 pm
Località: Gorizia

Messaggio da Susanna »

Jack ha scritto:lui forse no , ma io ho scritto un romanzo a 12 anni
e una rivisitazione poetica ispirata da notte sul monte calvo .
Tu sei speciale, e l'avevo gia capito leggendo la tua presentazione.
Ma ora voglio farti una domanda: Se tu non fossi stato dislessico, come sarebbe la tua vita ora?
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack »

non voglio fare il bastian contrario , ma se la gente non ha più voglia di scrivere il motivo va ricercato nell'opposizione che la didattica stessa impone.

una mia amica ha dovuto sceglere se fare i suoi temi con il cuore oppure se adeguarsi alla struttura che il suo professore le ha imposto

soggetto verbo complemento . a capo soggetto verbo complemento ....

la morte della letteratura italiana (e Dante è d'accordo con me credo )

lui per il suo tempo è stato contestato da tutti quindi io non mi preoccupo e scrivo temi quadrati solo in classe, mentre a casa do libero spazio alle frasi vere.
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack »

sei io non fossi nato dislessico non scriverei probabilmente perchè non avrei sentimenti forti di cui parlare.
Avatar utente
Susanna
Messaggi: 139
Iscritto il: mar ott 17, 2006 10:30 pm
Località: Gorizia

Messaggio da Susanna »

era quello che volevo sentirti dire.
I ragazzi che non hanno sentimenti forti non hanno neppure idee da scrivere.
Ma questo mi fa venire in mente solo una cosa, che i giovani d'oggi non hanno più sentimenti e non è una bella sensazione :?
Avatar utente
mammaba
Messaggi: 61
Iscritto il: mar set 19, 2006 8:37 pm
Località: frosinone

Messaggio da mammaba »

ciao sono d'accordo con voi Jack e Susanna ma dipende da chi insegna a scuola iniziando dalle elementari non fanno fare più temi dove il sentimento è presente esempio nicol ha svolto un tema sui nonni e alla sua insegnante non gli è garbato molto perche parlava del suo nonno che ha una malattia grave che è l'alzaimer ma lei l'ho a scritto con tanto sentimento per la sua età . :D
mammmaba
Avatar utente
Susanna
Messaggi: 139
Iscritto il: mar ott 17, 2006 10:30 pm
Località: Gorizia

Messaggio da Susanna »

Gia siamo passati dai temi interrogatorio che facevo a scuola io, del tipo racconta la tua famiglia, e ancora un po la maestra voleva sapere anche quanti soldi avevamo in banca.
Ai temi di oggi in cui nulla deve essere troppo personale.
Ma possibile che in Italia non ci sia mai una via di mezzo, per qualsiasi cosa?
Leonardo
Messaggi: 2609
Iscritto il: mar gen 03, 2006 9:44 pm
Scuola: 5° anno ITIS Informatica
Skype: leonardo88ro
Località: Dueville(VI)
Contatta:

Messaggio da Leonardo »

guarda, io anche se per me non era molto fuori tema, nel tema di italiano ho scritto cmq la mia storia e quello che provavo anche se sapevo che la prof avrebbe detto qualcosa, ma cmq per me dovevo scriverlo visto che avevo la possibilità.
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack »

trovo che sia stupido proseguire con questa tesi , rischiamo di cadere in frasi fatte.

- non ci sono più le mezze stagioni
- si stava meglio quando si stava peggio
- io alla tua età avevo già un anno in più
- i giovani non leggono e non scrivono più

la verità è che l'idealizzazione del passato della scorsa generazione punta a livellare i giovani partendo dal presupposto del loro essere inetti e in questo modo tende a farli diventare inetti sul serio.

io mi preoccupo quando dicono che i giovani non leggono più i giornali , ma quando penso che sul giornale potrebbero leggere un'articolo della pelly capisco che è meglio così .

non lamentiamoci in modo non costruttivo , puntiam a dare consigli piuttosto.
Rispondi