...e adesso medito vendetta !!!

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Avatar utente
vale63
Messaggi: 79
Iscritto il: dom ott 10, 2004 2:48 pm
Località: Ferrara
Contatta:

...e adesso medito vendetta !!!

Messaggio da vale63 » sab nov 06, 2004 2:29 pm

Ciao a tutti e scusate della cattiveria, ma a quanto pare dopo 9 lunghi anni di difficoltà, arrabbiature, insegnanti inesistenti, discussioni e tanto tanto tanto...lavoro, mi ritrovo a dover meditare vendetta !!!

Così finalmente dopo alcuni anni di calma e successi, mi ritrovo di fronte ancora una volta la tipica insegnante che crede di saper tutto e che lei risolverà tutto senza capire che alla base ci sta un vero problema.
"Non si preoccupi io gliela farò amare la storia" così mi ha risposto in maniera molto propositiva la nuova insegnante di mia figlia Sara (2 liceo sociale) quando sono andata da lei a spiegarle il problema della dislessia e soprattutto il fatto che in storia, come in italiano, eravamo in alto mare.

E visto che gliela doveva far amare, in un mese in cui doveva " visionarla" :shock: le ha fatto fare una bella verifica scritta di storia e le ha dato il voto più basso della classe, dicendole che non era per niente contenta di lei e adirittura facendole confrontare il suo compito con quelli delle compagne che avevano preso 9.

Ora che faccio ??!! L'ammazzo !!!! :evil:

Non ha capito un acca di ciò che le ho spiegato.
E sinceramente se poteva rischiare di causare un blocco in Sara c'è riuscita perfettamente.
Ora il muro si sta innalzando, e non so se riuscirò a fermarlo!! :(

Lunedì ha il giorno di ricevimento e io andrò a trovarla. Ho intenzione di lasciarla parlare e poi attaccare.
Non ho intenzione di essere disponibile perchè io ero andata già proprio per metterla in condizione di capire dove stava l'ostacolo e lei mi ha dato la disponibilità che poi non ha dato a Sara.

Se non capisce andrò direttamente dal preside.
Non ho intenzione di lasciar mettere Sara in una posizione di inferiorità e di dubbio su un eventuale debito.

Che dite sono eccessiva ? :roll:
Si in verità adesso sono molto arrabbiata!!
Meglio che il colloquio ci sia lunedì così avrò il tempo di calmarmi e ragionare.

Datemi suggerimenti vi prego !!!!

Grazie e ciao a tutti.
Valentina

Avatar utente
titta
Messaggi: 560
Iscritto il: sab ott 02, 2004 2:53 pm
Località: Milano-provincia

vai, vale!

Messaggio da titta » sab nov 06, 2004 3:49 pm

che dire, non sei eccessiva!
Ogni volta che crediamo di avere risolto...arriva qualche imbecille a ricordarci che le nostre difficoltà non finiranno mai.:(
un abbraccio,
Margherita

Avatar utente
Annamaria Dellisanti
Messaggi: 55
Iscritto il: lun ott 04, 2004 12:57 pm
Località: Roma

Come è andato il colloquio con la prof ???

Messaggio da Annamaria Dellisanti » mar nov 09, 2004 9:43 am

Come è andato il tuo incontro?
Sono interessata a saperlo xchè anche io mi confronto con una prof che crede di sapere tutto, soprattutto di sapere come "sistemare" mio figlio mentre non sortisce altro effetto che irritarlo ed allontanarlo dallo studio...
Hai per caso pensato di coinvolgere tua figlia in prima persona in questi colloqui ? Lo dico perchè ho pensato che una strategia di tal tipo potrebbe forse avere un effetto di responsabilizzazione di entrambi i soggetti (studente e insegnante) coinvolti nella "relazione educativa", che presi singolarmente hanno sempre qualcosa da lamentare al povero genitopre che si trova come un asino in mezzo ai suoni. E' chiaro che in qualità di genitore mi sento di essere sempre e comunque dalla parte di mio figlio, ma ci terrei che vedesse i suoi professori (e le loro ragioni) così come li vedo io quando mi reco ai colloqui e altrettanto vorrei poter fare con i professori, che vedessero, cioè, mio figlio fuori dal banco di scuola, come un interlocutore/fruitore della scuola e non solo un "oggetto di lavoro".
Forse è utopia la mia ma penso proprio che se quando sono piccini c'è la mamma a "gestire i rapporti" man mano che crescono i figli (tutti ma in particolare i nostri) dovrebbero essere aiutati a spiegare direttamente e responsabilmente ad un insegnante le loro necessità ed ascoltare da questi le loro osservazioni. Francamente sono stanca di situazioni in cui ciascuno "scarica" sul genitore (che a scuola non c'è) le scorie di rapporti spesso viziati da frustrazioni ed incomprensioni di carattere personale.
Cosa ne pensi ???
anna

Avatar utente
vale63
Messaggi: 79
Iscritto il: dom ott 10, 2004 2:48 pm
Località: Ferrara
Contatta:

Messaggio da vale63 » mar nov 09, 2004 11:01 am

Cara Anna, sono felice che tu mi abbia risposto soprattutto xchè mi sembra che abbiamo vicende simili.

Sono d'accordo con te su questa storia di scaricamenti vari sui genitori.

Personalmente, comunque, credo che sia meglio non interagire direttamente con figlia e insegnante insieme x via di una visuale diversa tra uno e l'altro.
Mi spiego: con mia figlia parlo ed esprimo esattamente cosa penso nei confronti suoi e dei suoi insegnanti, tentando di rassicurarla ma non vittimizzarla. Con gli insegnanti parlo di mia figlia in modo positivo e propositivo, ma lasciando un'ombra di dubbio che loro possano raccogliere come una gratificazione personale verso il loro lavoro di insegnante nei confronti di un problema più complesso del solito.

Sai purtroppo tessere le tele del ragno attorno a queste situazioni non è mai facile!! Soprattutto xchè non vorrei mai prendere subito di testa questi professori, spesso sbruffoni come questa, che pensano di poter risolvere la situazione con due o tre appunti ben fatti!

IL MURO DELL'OSTRUZIONISMO viene costruito molto, troppo in fretta!!!

D'altra parte però, non vorrei mai che mia figlia pensasse che sto dalla parte degli insegnanti che non le danno man forte!!

E' per questo che preferisco portare avanti le due cose separatamente e devo dire che sembra che tutti ne siano soddisfatti.

Per quanto riguarda la prof di storia, oggi sono riuscita a parlarle e, OVVIAMENTE, è stata super-propositiva. :shock:
Mi ha detto che nel compito non si era espressa come doveva e che aveva sbagliato alcune domande; ha insistito nel confrontare il compito con quelli dei ragazzi che avevano preso 9; ecc..., ma comunque è sicura che Sara avesse studiato xchè dal compito lo si capiva :?
Io molto gentilmente (SIA CHIARO CHE E' L'ULTIMA VOLTA) le ho spiegato che per un ragazzo disl fare una verifica scritta di storia è come metterlo davanti ad un plotone di esecuzione!!
Mi sono fatta assicurare che le prossime saranno verifiche ORALI e l'ho rassicurata sul fatto che Sara è preparatissima nelle lezioni fatte.
Mi ha dato l'impressione di accettare la cosa, ma sai che ti dico?
QUESTA E' DA TENERE D'OCCHIO!! NON C'E' DA FIDARSI !! /p

Quindi la sfuriata è solo rimandata alla prossima volta!!! -->

Ti saluto e aspetto le tue considerazioni

Con simpatia =thx
Valentina

Avatar utente
Annamaria Dellisanti
Messaggi: 55
Iscritto il: lun ott 04, 2004 12:57 pm
Località: Roma

sono molto d'accordo

Messaggio da Annamaria Dellisanti » mar nov 09, 2004 12:49 pm

cara Valentina
il tuo ragionamento sulle strategie mi trova assolutamente concorde, proprio perchè anche io sperimento la difficoltà di gestire "su due tavoli" il narcisismo degli insegnanti e l'autostima di mio figlio (che ovviamente è quella che mi interessa di più) Proprio per questo anche io (come molti se non tutti noi) mi sto specializzando in "cerchiobottismo" : un colpo al cerchio, uno alla botte e così via.... D'altronde l'ho già fatto con il figlio maggiore, che non è dislessico, ma a scuola ha avuto ugualmente tanti problemi di relazione con gli insegnanti volendo "interagire alla pari" e ovviamente facendolo da ragazzo quale egli era. Infatti ritengo che il più grosso dei problemi scolastici sia proprio quello della gestione della comunicazione che io chiamo "responsabile" (che tenga conto del punto di vista dell'altro e sia accurata e non lanci messaggi "a caso") e noi genitori ci troviamo in mezzo, portandoci appresso anche noi tanti problemi di comunicazione e tante paure nostre.
L'idea della interazione diretta mi è nata proprio dall'esperienza scolastica del primo figlio, perchè se è stata così tosta per il più grande, figurati per il secondo che ha altre sue specifiche difficoltà da far valere e da gestirsi. Da qui la mia convinzione che piano piano (non dico subito, non tutto insieme) e con i dovuti modi vorrei che imparasse (e vorrei applicarmi molto in questo) una "gestione personale" diretta e non distorta della relazione con gli insegnanti, oggi, e con il vasto mondo domani.
Ti consiglio la lettura dell'ultimo messaggio giunto nello spazio dedicato ai ragazzi. E' molto interessante.
Fammi sapere, se vuoi, cosa ne pensi. Sono certa che, comunque, con un approccio saggio e meditato tutte le cose si sistemano evolvono e trovano una soluzione
ciao
anna

Avatar utente
vale63
Messaggi: 79
Iscritto il: dom ott 10, 2004 2:48 pm
Località: Ferrara
Contatta:

sono molto d'accordo

Messaggio da vale63 » mar nov 09, 2004 1:39 pm

Anch'io sono molto d'accordo con ciò che hai scritto. Anzi D'ACCORDISSIMO!!!!

Ho letto il post che mi hai indicato e anche in questo caso non posso che concordare con ciò che hai suggerito.

Anch'io spingerei mia figlia ad attaccare, sempre con i dovuti modi, e a proporre un metodo che le sia confacente.

Il fatto purtroppo è che esiste anche un problema generazionale: la società dei nostri figli è troppo cambiata rispetto a quella di molti di questi professori. Come una volta si andava all'eccesso nel mondo dei dotti insegnanti, tanto da sembrare inquisitori, ora si tende all'eccesso nella vita quotidiana di questi 13-18enni a cui a volte tutto sembra dovuto.
Non dimentichiamoci che questi nostri figli dislessici, per uno strano caso che li accomuna, saranno anche iperattivi o troppo introversi, ma sono sicuramente molto più maturi.
Avrebbero a mio parere le capacità di confrontarsi in maniera moderata e costruttiva anche con insegnanti scettici, riuscendo a far valere le loro ragioni.
Ma il rischio è che questi insegnanti che ormai vivono in punta di piedi con le armi spianate, fraintendano le buone intenzioni con manifestazioni di superiorità o strafottenza innalzando quel famoso muro di ostruzionismo di cui si è già parlato!!

E allora, cara Anna, ecco che tocca ancora a noi, fenomenali genitori (posso dirlo?) a far da mediatori e a tirare, come dici tu, un colpo al cerchio e uno alla botte!!

Scrivimi ancora e fammi sapere i vostri successi!!

Con simpatia =kisses
Valentina

Avatar utente
Annamaria Dellisanti
Messaggi: 55
Iscritto il: lun ott 04, 2004 12:57 pm
Località: Roma

è proprio tutto vero!!!!

Messaggio da Annamaria Dellisanti » mer nov 10, 2004 1:26 pm

Accidenti è proprio tutto assolutamente vero quello che dici. L'ho sperimentato anche io e condivido e sottoscrivo le tue riflessioni.
C'è molta materia per pensare, non può essere casuale e, quindi, questo scambio di esperienze è veramente utile non tanto e non solo per sfogarsi, confrontarsi, non sentirsi soli ecc. ecc. ma per trovare delle soluzioni o delle strategie. Per creare qualcosa
anna

Avatar utente
vale63
Messaggi: 79
Iscritto il: dom ott 10, 2004 2:48 pm
Località: Ferrara
Contatta:

è proprio tutto vero!!!!

Messaggio da vale63 » gio nov 11, 2004 12:24 pm

E sono nuovamente d'accordo con te cara Anna.

Mi sembra che ci assomigliamo molto!

Ed è vero che tutto ciò può portare ad un aiuto reciproco.
Perchè non mi scrivi la vostra esperienza dall'inizio. Io ti scriverò la nostra.
Se preferisci ti do la mia e-mail:
malagutti.orlandi@aliceposta.it


Con simpatia
=kisses
Valentina

Rispondi