esonero dalle lingue straniere in forma scritta

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Avatar utente
CHIARA
Messaggi: 56
Iscritto il: ven mar 04, 2005 8:43 am
Località: Milano-provincia

esonero dalle lingue straniere in forma scritta

Messaggio da CHIARA »

Buona sera a tutti,
nell'ultima valutazione della neuropsichiatra infantile che ha visto mia figlia ,durante l'estate ,al termine del ciclo delle scuole elementari, mi è stato "suggerito" l'esonero dalle lingue straniere in forma scritta.
Qualcuno ha avuto già esperienza di come si debba procedere in modo formale presso la scuola media?
Ci sono moduli o richieste scritte già strutturate?
E' sufficiente fare riferimento alle circolari del ministero?

Ringrazio chiunque mi possa essere d'aiuto.
Chiara
Rossella
Messaggi: 5471
Iscritto il: gio giu 01, 2006 1:13 pm
Località: Potenza
Contatta:

Messaggio da Rossella »

Vedi su Argomenti Principali, dovresti trovare quello che ti serve.
Ciao
IL MIO BLOG E I MIEI LIBRI: http://www.rossellagrenci.com
Avatar utente
CHIARA
Messaggi: 56
Iscritto il: ven mar 04, 2005 8:43 am
Località: Milano-provincia

Messaggio da CHIARA »

grazie Rossella,

ho sbirciato un po ma non mi sembra di aver trovato nulla.
Anzi mentre ricercavo il materiale per la richiesta alla scuola mi sono sorti molti dubbi.
Io avrei fatto una richiesta basandomi sulla circolare Prot. n 4099/A/4 del 05.10.2004
"Per gli strumenti dispensativi, valutando l’entità e il profilo della difficoltà, in ogni singolo caso, si ritiene essenziale tener conto dei seguenti punti:
- Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline.
- Dispensa, ove necessario, dallo studio della lingua straniera in forma scritta. :lol: - Programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa.
- Organizzazione di interrogazioni programmate.
- Valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma."
-
Sono però molto perplessa per i contenuti delle più recente circolare in merito agli esami (C.M. n. 28 del 15 marzo 2007, prot.n. 2613 e C.M. prot 4600 – 10 maggio 2007

"In ordine allo svolgimento delle prove di esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione …omissis….” Per quanto riguarda gli studenti con disturbi di apprendimento (dislessia, disgrafia, discalculia), nel richiamare le disposizioni contenute nella circolare n. 28/2007, si conferma che non vi può essere nei loro confronti dispensa dalle prove scritte :cry: ma che, più opportunamente, viene consentito loro un tempo più disteso per lo svolgimento delle prove, prevedendo altresì che la valutazione delle stesse avvenga tenendo conto prevalentemente del contenuto più che della forma.
In definitiva si suggerisce alle sottocommissioni di esame di adottare nella svolgimento delle prove scritte e orali le misure compensative e dispensative impiegate in corso d’anno nel limite della compatibilità consentite alla particolare circostanza delle finalità dell’esame.
(v. allegato C.M. 4600.pdf)


Come è possibile che venga previsto l’esonero dalla forma scritta, ma poi non sia previsto l’esonero per l’esame?

Qualcuno può aiutarmi?!
Chiara
Avatar utente
namaste80
Messaggi: 357
Iscritto il: mar lug 18, 2006 11:41 am
Località: Trapani

Messaggio da namaste80 »

Scusami se mi permetto, ma fossi in te ci penserei molto bene a perseguire una strada del genere. Valuta profondamente i pro ed i contro di un esonero tanto importante. Io ho imparato l'inglese decentemente bene(sicuramente lo scrivo peggio di come lo parlo in verità...però è abbastanza naturale) la conoscenza delle lingue straniere è di grandissima importanza per trovare sbocchi di lavoro. Oggi, nella vita di ogni giorno, è importantissimo saper parlare, ma nell'ambito lavorativo non basta...bisogna saper scrivere! A parte che se non sono PIU' CHE INDISPENSABILI non sono molto d'accordo con le misure dispensative!
Immagine

Namastè a tutti!
Leonardo
Messaggi: 2609
Iscritto il: mar gen 03, 2006 9:44 pm
Scuola: 5° anno ITIS Informatica
Skype: leonardo88ro
Località: Dueville(VI)
Contatta:

Messaggio da Leonardo »

namaste80 ha scritto:Scusami se mi permetto, ma fossi in te ci penserei molto bene a perseguire una strada del genere. Valuta profondamente i pro ed i contro di un esonero tanto importante. Io ho imparato l'inglese decentemente bene(sicuramente lo scrivo peggio di come lo parlo in verità...però è abbastanza naturale) la conoscenza delle lingue straniere è di grandissima importanza per trovare sbocchi di lavoro. Oggi, nella vita di ogni giorno, è importantissimo saper parlare, ma nell'ambito lavorativo non basta...bisogna saper scrivere! A parte che se non sono PIU' CHE INDISPENSABILI non sono molto d'accordo con le misure dispensative!
quoto, lo avevo già detto una volta e mi hanno preso per matto, ormai se non sai l'inglese non puoi fare niente ed è inutile negarlo è diventata la lingua principale e in molti lavori devi conoscerla, io tempo fa ho dovuto mandare delle email in inglese e visto che in inglese non sono tanto bravo ho dovuto scriverla con il traduttore di google e sapete che i traduttori scrivono ancora peggio di qualsiasi persona che non sa niente di inglese, c'è poco da fare l'inglese bisogna cercare di impararlo, se non lo sai sei escluso dal mondo, non puoi comunicare e non basta solo saperlo parlare perchè molte volte bisogna anche scriverlo.
Ormai serve anche per giocare, anni fa quando giocavo a un gioco in internet con dei miei amici eravamo in un server straniero e tutti parlavano ovviamente inglese (apparte un australiano che avevo incontrato che sapeva un pò l'italiano perchè lo aveva studiato a scuola) e io ero messo male, il mio ex compagno di classe qualcosa la sapeva io dovevo sempre aspettare qualcuno di loro che lo sapevano e dovevo sempre farmi tradurre da loro ed era solo un gioco.
Avatar utente
CHIARA
Messaggi: 56
Iscritto il: ven mar 04, 2005 8:43 am
Località: Milano-provincia

Messaggio da CHIARA »

Grazie mille, per il vostro intervento di persone direttamente coinvolte.
Vorrei solo spiegare il mio obiettivo ,che non è assolutamente quello di evitare a mia figlia di imparare l’inglese anche in forma scritta.
Purtroppo alle elementari ha già avuto una devastante esperienza con verifiche completamente “rosse” per le correzioni con l’unico risultato di un odio viscerale per la materia.
Considerando che non si possa studiare una lingua solo oralmente senza imparare ad usarne anche la forma scritta (come potrebbe leggere?), io vorrei che lei seguisse in modo assolutamente uguale ad ogni altro alunno tutto l’insegnamento della materia.
Utilizzerei l’esonero solo per consentire all’insegnante di non dover avere l’assillo della valutazione ufficiale , bensì l’unico scopo di migliorare l’apprendimento.
Ad esempio mia figlia potrebbe fare tutte le verifiche, ma senza che il risultato possa inficiare la valutazione complessiva, ma bensì come”verifica” effettiva dei progressi fatti.

Attendo volentieri i vostri commenti

ciao
Chiara
Avatar utente
namaste80
Messaggi: 357
Iscritto il: mar lug 18, 2006 11:41 am
Località: Trapani

Messaggio da namaste80 »

L'idea di per se potrebbe anche avere dei risvolti positivi...non saprei. Non c'è il rischio che tua figlia se ne infischi delle prove scritte e si impegni solo nella parte orale?...non lo so, ma credo che io avrei fatto così...non facevo mai cose che non erano strettamente indispensabili!Sono stato(e ancora quando gioco a basket lo sono) uno dei pionieri del "RISPARLMIO ENERGETICO"! :D
Immagine

Namastè a tutti!
Rispondi