datemi un consiglio

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Avatar utente
mammadaniela
Messaggi: 163
Iscritto il: ven ott 01, 2004 6:39 pm
Località: roma

datemi un consiglio

Messaggio da mammadaniela » mar ott 05, 2004 5:27 pm

Oggi il mio ragazzo è tornato a casa con il compito d'italiano( fatto ieri pomerigio a casa) tutto pastrocchiato dai segni della prof...

Mi spiego meglio :wink:
Da quest'anno sta utilizzando il <pc per i compiti in casa, è diventato così veloce....e ne è <contento, gli rimane un pò di tempo per uscire un pochino. Il problema è la prof. davanti a tutti lo rimprovera per aver usato il pc invece di scrivere a mano, e gli pasticcia il foglio non solo con correzzioni sottolineate fino allo stremo, ma ci aggiunge anche (ogni volta) il suo disappunto <per l'utilizzo del pc.
Datemi unconsiglio......vado a ripeterglielo di nuovo che mio figlio è <dislessico, oppure la strangolo direttamente :twisted:
"chi insiste e resiste, raggiunge e conquista"

Avatar utente
gloria
Messaggi: 2273
Iscritto il: ven ott 01, 2004 1:02 am
Località: Roma e Viareggio

Messaggio da gloria » gio ott 14, 2004 10:46 pm

...certo l'istinto di strangolarla è forte :evil: ....purtroppo però gli insegnanti hanno il "coltello dalla parte del manico" e noi genitori temiamo sempre di fare interventi controproducenti.
Non è semplice darti un consiglio senza conoscere la personaltà di tuo figlio.
Un comportamento "diplomatico" potrebbe essere quello di far capire all'insegnante che l'uso del PC va a vantaggio di entrambi; spesso la calligrafia del dislessico risulta difficile da decifrare e quindi la correzione è molto più semplice se si solleva l'insegnante dalla fatica di dover capire cosa c'e' scritto sul compito. Insomma il ragazzo potrebbe sdrammatizzare la cosa dicendo: -"Prof...ma io lo faccio per Lei...non vorrà mica passare le sue serate a capire cosa scrivo io...?"

che ne pensi?
ciao - gloria

Avatar utente
Roberta68
Messaggi: 1043
Iscritto il: mar ott 12, 2004 11:34 am
Scuola: 3° media-1°(bis)sup
Località: Beinasco (TO)

Messaggio da Roberta68 » ven ott 15, 2004 7:29 am

La cosa giusta è senz'altro strangolarla, ma il problema è che se usiamo questa tecnica con tutti gli insegnanti del genere ....bè...temo ne rimangano pochini!
Da me ( per ora) ha funzionato far parlare la logopedista con le insegnanti ( davanti a noi genotori!) con tanto di fogli scritti, hai già provato? se non l'hai fatto, ne hai la possibilità?

Ciao, buona giornata!
Roberta

Non insegnate ai bambini
ma coltivate voi stessi il cuore e la mente
stategli sempre vicini
date fiducia all'amore il resto è niente.

G.Gaber

Avatar utente
Henry
Messaggi: 32
Iscritto il: ven ott 01, 2004 3:15 pm
Località: Napoli

Messaggio da Henry » ven ott 15, 2004 7:30 am

.... vero... si profondamente vero, il corpo insegnante ha il così detto coltello dalla parte del manico ( almeno lo usassero per fare karakiri!!!! ) e di conseguenza è sempre meglio optare per una soluzione più morbida e la più indolore possibile e Gloria mi sembra che ne abbia suggerita una valida. Io sono più cattivo e schietto di conseguenza la diplomazia è sicuramente un ambito da me ben poco conosciuto, ma comunque ti suggerirei di chiedere consiglio ad una insegnate OPS! Ce n’è giusto una che ha scritto ultimamente in questo Forum ( vedi POST “Ciao a tutti sono Viviana... insegnante e mammaâ€
Henry

Avatar utente
mammadaniela
Messaggi: 163
Iscritto il: ven ott 01, 2004 6:39 pm
Località: roma

re

Messaggio da mammadaniela » ven ott 15, 2004 7:45 am

Ragazzi, grazie a tutti, ma i vostri consigli sono arrivati tardi :roll: ...l'ho già strangolata :twisted: .
ora sarà il turono della prof di inglese :x
Ciao Daniela
"chi insiste e resiste, raggiunge e conquista"

Avatar utente
Ferrera Brunella
Messaggi: 202
Iscritto il: gio ott 07, 2004 8:21 am
Località: Genova

Messaggio da Ferrera Brunella » ven ott 15, 2004 10:01 am

Ciao Mammadaniela, hai fatto benissimo a strangolarla!
Ne ho strangolate un paio anch'io! Per quanto riguarda l'utilizzo del computer per fare i compiti, anche Giulia alle medie lo ha sempre fatto, anche se qualche insegnante (chissà poi perchè le chiamano così?) pensava che fossi io a fare i compiti per lei e utilizzassimno il computer per non mostrare una calligrafia diversa.
Però ora che è in prima Istituto per il Turismo,e ha come materia "Trattamento Testi" che riguarda appunto l'informatica, e che li preparerà agli esami per acquisire il patentino europeo, lei è quella che se la cava meglio, e addirittura l'unica a saper scrivere senza guardare la tastiera e a meritare, quindi, ottimi voti. Siamo soddisfattissimi di questo, almeno una materia nella quale essere dislessici è una marcia in più.
Parlodi materie,non di vita...nella vita essere dislessici è sempre una marcia in più.
Ciao, Brunella.
Brunella

Avatar utente
mammadaniela
Messaggi: 163
Iscritto il: ven ott 01, 2004 6:39 pm
Località: roma

re

Messaggio da mammadaniela » ven ott 15, 2004 3:30 pm

Domani il mio ometto avrà il primo compito in classe di italiano e naturalmente andrà a scuola con pc :twisted: .....e naturalmente sprovvisto di foglio protocollo a righe e penna :twisted: .
Ormai è guerra.....
Vi farò sapere :wink: vai Matteo stupiscila :§
"chi insiste e resiste, raggiunge e conquista"

Avatar utente
mammadaniela
Messaggi: 163
Iscritto il: ven ott 01, 2004 6:39 pm
Località: roma

re

Messaggio da mammadaniela » sab ott 16, 2004 2:21 pm

E' andata malissimo :x povero il mio ometto :cry: ...........essere furibonda è dir poco, dall'inizio della lezione l'ha tormentato, non gli ha accettato il compito gli ha scritto una nota sul registro...una lunghissima sul diario....minacciato di mandarlo fuori per il compito con l'insegnante di sostegno la prossima volta a meno che non porti un certificato che autorizzi l'uso del pc in quanto come disabile alle mani non può scrivere :shock: ..........secondo voi non dovrei XXXXXXXX ora?? Mio figlio è a pezzi, quella cretina non solo ha spiattellato a tutta la classe che il :x ragazzo ha il sostegno (nonostante avessimo chiesto di non darlo a vedere)ma lo ha offeso più volte deridendo la sua disabilità, non ci sto è troppo. Ora come lo consolo???........mi ha detto che non vuole più andare a scuola, che ha fatto una figura tremenda davanti ai suoi amici :x
"chi insiste e resiste, raggiunge e conquista"

Avatar utente
pam
Messaggi: 356
Iscritto il: lun ott 04, 2004 9:06 pm
Località: roma

NON CI SONO COMMENTI DA FARE!!!

Messaggio da pam » sab ott 16, 2004 3:31 pm

SCUSA, NON SO COME AIUTARTI MA MI VIENE UNA RABBIA:
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH
GGGGGGGGGGGGGGGGRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!
E' da strozzarla!!! Altro che diplomazia!!!
Scusa, non vorrei mettere fuoco sul fuoco ma visto che ormai tuo figlio, tesoro, sta come sta, tanto vale fargli vedere che si fa battaglia per lui! Non credi? Spero che non mi darai retta perché sto parlando con troppa rabbia nel cuore ma penso che ormai il rapporto sia talmente rovinato che fare della diplomazia un'arma sia tardi. Semmai fai della calma un'arma e rivolgiti ad un avvocato chiedendo se sia possibile intentare qualcosa contro questa incompetente e strafottente persona! O quanto meno per farle capire che siete pronti a fargliela pagare! Ricordi che sono state intentate tante cause (praticamente tutte vinte!) verso i datori di lavoro che penalizzavano e vessavano verbalmente e psicologicamente una persona (il famoso "mobbing")? Ecco, qualcosa del genere. Sai, non credo che si possa distruggere l'autostima di qualcuno potendola passare liscia. Poi magari dici a qualcuno quello che pensi di lui e vai in galera!!! E all'aspetto psicologico non pensiamo? Non è molto più importante? Magari chiedi a qualcuno di questo forum, chissà... forse c'è qualche avvocato che naviga fra di noi...
Perdonami e cerca di non darmi retta perché non so se questo sia un buon consiglio (generalmente i consigli non vanno dati a caldo e con i nervi) però io farei proprio così, magari perdendo ma facendo vedere a mio figlio che per lui si lotta, sempre e comunque... Tanto poi quelli che devono lavorare come dei matti per fargli tornare un po' di autostima siamo sempre noi genitori! Almeno ti sfoghi anche tu!
Senti... e di cambiare scuola non ne vuol nemmeno sentir parlare, vero?
Grazie e fammi sapere.
Pam
P.S. Scusa di solito i miei toni sono più calmi, rosei e ottimisti ma queste persone fanno venire certi nervi!!!
Perché non dai un'cchiata al sito www.mobbingonline.it ? Magari c'è qualcosa che ti può aiutare. E' vero che si tratta dell'ambiente del lavoro ma credo che vessare una persona sia un comportamento errato ovunque e con chiunque.
pam

Avatar utente
titta
Messaggi: 560
Iscritto il: sab ott 02, 2004 2:53 pm
Località: Milano-provincia

per mammadaniela

Messaggio da titta » sab ott 16, 2004 3:39 pm

Strozzala! :x
Questa è la prima reazione.
Non arrenderti, rivolgiti più in alto! Un atteggiamento del genere merita una sanzione.
Intanto se fosse mio figlio prenderei in seria considerazione la possibilità di un cambio di scuola. Chiedi comunque consiglio a qualcuno esperto. Forse lo terrei a casa qualche giorno per avere il tempo di pensare al da farsi. Non devi permettere a quella strega di trattare un ragazzino in quel modo. :cry:
Un bacione e... non vorrei essere nei tuoi panni! :(
Ciao,
Margherita

Avatar utente
mammadaniela
Messaggi: 163
Iscritto il: ven ott 01, 2004 6:39 pm
Località: roma

re

Messaggio da mammadaniela » sab ott 16, 2004 6:13 pm

Certo il cambiodi scuola sarebbe la cosa più facile, ma a parte il fatto che darei a vedere a mio figlio che davanti ai problemi è <meglio scappare che affrontarli, c'è anche da tener conto del fatto che lui ha delle amicizie all'interno della classe e a parte la "cretina" le cose vanno per il meglio.
Vi riporto quello che oggi aveva iniziato a scrivere per il tema e la "cretina" (ormai è questo il suo nome) non ha voluto nemmeno guardare:

titolo del tema
Adolescenza:età spensierata o età difficile. Esprimi la tua opinione facendo eventualmente riferimento alle tue conoscenze letterarie.


La pre adolescenza e l’adolescenza sono praticamente collegati fra loro, in questa fase c’è uno sviluppo fisico lento e cominciano le prime problematiche adolescenziali ad esempio il rapporto con i genitori è in un continuo variare ad esempio ci sono ragazzi che il rapporto con i genitori è molto problematico e altri invece sono buoni . certe volte capita che l’adolescente si isola da tutti e questo significa che magari a delle problematiche in famiglia oppure non a famiglia, anche se il ragazzo appare sorridente e scherzoso magari a delle ferite profonde interne che non vuole mostrare. L’adolescente ad un certo periodo deve scegliere tra delle diverse comunità , capita che l’adolescente non sa se andare nella comunità dei bambini oppure in quella degli adulti.
Altre volte capita che non sa quale scegliere allora si rifugia nelle diverse comunità.

magari se avesse potuto finire.......e se non avesse avuto qualcuno che gli urlava dietro la schiena :? ...
"chi insiste e resiste, raggiunge e conquista"

Avatar utente
titta
Messaggi: 560
Iscritto il: sab ott 02, 2004 2:53 pm
Località: Milano-provincia

per mammadaniela

Messaggio da titta » dom ott 17, 2004 11:20 am

Fai bene a resistere, se vi sentite in grado di reggere!
La mia considerazione partiva solo dal mio carattere. Di fronte alle persone isteriche non reggo. :evil: Le evito per pura sopravvivenza. :?
Ciao,
Margherita

Avatar utente
anoukcristina
Messaggi: 97
Iscritto il: mar ott 05, 2004 3:01 pm
Località: verona
Contatta:

Messaggio da anoukcristina » dom ott 17, 2004 5:19 pm

Che rabbia leggere queste cose!!!
Io ti consiglio di parlare con chi segue tuo figlio (logopedista, neuropsichiatra) e farti scrivere un qualcosa che certifichi che tuo figlio ha bisogno dell'uso del pc a casa e in classe. Chi lo segue avrà avuto sicuramente altre esperienze del genere e ti saprà consigliare come muoverti. Comunque io non mi rivolgerei più all'insegnante, ma andrei direttamente del preside, con certificazione e logopedista. Coraggio vedrai che ce la farete.

Avatar utente
pam
Messaggi: 356
Iscritto il: lun ott 04, 2004 9:06 pm
Località: roma

stasera sono più comprensiva...

Messaggio da pam » dom ott 17, 2004 9:28 pm

Ciao e scusa per l'altro messaggio, ero fuori di me per la rabbia. Poi in realtà io sono così, sto calma e tranquilla ma quando esagerano allora esplodo!!! Sai, penso che la tua considerazione sul fatto di non dover fuggire davanti alle difficoltà sia giusta però credo fermamente che ci siano alcune esperienze nella vita che non vanno fatte. Non penso che sia vero il fatto che ogni esperienza negativa porta qualcosa di positivo. Per esperienza, dico che tante cose negative che ho passato non mi hanno lasciato altro che l'amaro in bocca e nulla di positivo da tirarci fuori. Per fortuna nulla di tanto negativo e, ancora per fortuna, ho un carattere ottimista e positivo ma ritengo che le cose negative di me vengono sempre e solo da queste esperienze negative. Cosa le abbiamo vissute a fare? So che il discorso a questo punto diventerebbe lungo ma questa è la risposta finale a un grande lavoro introspettivo fatto per capire se davvero tutte e proprio tutte le esperienze negative possano servire nella vita. NO!
Un abbraccio.
Pam
pam

Avatar utente
Mammapatrizia
Messaggi: 555
Iscritto il: mer ott 06, 2004 11:43 am
Località: Venaria Reale TORINO

....Eliminazione della "cretina"

Messaggio da Mammapatrizia » lun ott 18, 2004 2:20 pm

Mi chiedo se sono davvero così intoccabili questi insegnanti, insomma nel mio lavoro se sbaglio il mio capo mi "raddrizza" ma loro?
Non hanno un capo?
Chi controlla il loro operato, non c'è una direzione, un provveditore agli studi, un AVVOCATO!!!
Insomma basta distruggere psicologicamente ragazzini inermi!
Io con Alice ho fatto parlare la Logo con le insegnanti, ogni tanto sul diario chiedo se va tutto bene e faccio la "lecchina" quando le incontro, ma cavolo sono stufa di prostituirmi (anche se per la buona causa della mia bambina).
Alice non vuole portare a scuola il PC, nonostante la logo io ed il papà abbiamo concordato con le insegnanti che è da utilizzare,
forse se la sua insegn. di italiano la incoraggiasse apertamente non arriverebbe a casa con la testa in esplozione!!
Tieni duro e non mollare se vuole un certificato sbattiglielo sul muso, non è necessario che tuo figlio lo sappia.
E minacciala pure di provvedimenti TOSTI se si permette di violare la privacy del ragazzo sbandierando una diagnosi medica che come tale è riservata.
Cavolo (e avrei voluto scrivere altro!) verrei io li a strozzarla sta cretina!
Patrizia & C

Rispondi