LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Avatar utente
Andre
Messaggi: 1004
Iscritto il: ven gen 13, 2006 1:45 pm
Scuola: II media
Località: San Donato Milanese
Contatta:

Re: LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

Messaggio da Andre »

Lucia:Secondo il mio parere personale e per come ho capito io leggendo su internet, è proprio lì il problema, non riuscire a dare importanza più ad una cosa e meno ad un'altra, quando si legge un testo. Mio figlio trova questa difficoltà.
Lui non ha fretta di finire, anzi! La fretta la sente da parte di chi gliela mette, sia a casa che a scuola.[/quote]



si in effetti anche mio figlio fa fatica a puntare l'attenzione sulle cose piu' importanti, perche' dipende cosa in realta' lui intende per importante! da cosa la sua mente o la sua fantasia viene catturata.
secondo me , per il fatto che il suo ragionamento e' legato all'aspetto visivo /immagine delle cose, qualsiasi concetto lo riporta a delle immagini, anche le sfumature prendono forma e sono meritevoli di attenzioni!
quando mi ripete le lezioni magari si dimentica "la parte piu' importante" ma ha una memoria spettacolare per i particolari!
Cristina

La nostra felicità è nel bene che facciamo, nella gioia che diffondiamo, nelle lacrime che asciughiamo, nel sorriso che facciamo fiorire

il mio blog

facebook:evento la mia letterina di Natale
Avatar utente
lucia17
Messaggi: 2784
Iscritto il: sab gen 26, 2008 10:40 am
Scuola: figlio Roby 96 2*ITIS 11/12
Skype: Filibertona
Località: Italia prov. di Roma

Re: LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

Messaggio da lucia17 »

Andre ha scritto:si in effetti anche mio figlio fa fatica a puntare l'attenzione sulle cose piu' importanti, perche' dipende cosa in realta' lui intende per importante! da cosa la sua mente o la sua fantasia viene catturata.
secondo me , per il fatto che il suo ragionamento e' legato all'aspetto visivo /immagine delle cose, qualsiasi concetto lo riporta a delle immagini, anche le sfumature prendono forma e sono meritevoli di attenzioni!
quando mi ripete le lezioni magari si dimentica "la parte piu' importante" ma ha una memoria spettacolare per i particolari!

Tuo figlio, sembra il gemello del mio
Avatar utente
Andre
Messaggi: 1004
Iscritto il: ven gen 13, 2006 1:45 pm
Scuola: II media
Località: San Donato Milanese
Contatta:

Re: LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

Messaggio da Andre »

:fun
Cristina

La nostra felicità è nel bene che facciamo, nella gioia che diffondiamo, nelle lacrime che asciughiamo, nel sorriso che facciamo fiorire

il mio blog

facebook:evento la mia letterina di Natale
Avatar utente
dany72
Messaggi: 50
Iscritto il: ven set 01, 2006 7:29 pm
Località: OSSONA(MI)

Re: LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

Messaggio da dany72 »

ciao a tutti , è da tempo che non scrivo nel forum , ma questo argomento lo sento molto personale ,
sono mamma di 2 figli , il piccolo che frequenta la quinta elementare , è dislessico medio sul grave (le ultime parole dette nell'ultimo incontro con logopedista e neuropsichiatra ) senza diagniosi, perchè non serve a nulla dato che tutto ciò è stato riferito a voce alle insegnanti nelle vari appuntamenti tra neuropsichiatra , logopedista ed insegnanti (queste son sempre parole dette dalla neuropsichiatra).
mio figlio scoperto dislessico alla fine della prima elementare , stà frequentando logopedia 2 volte a settimana dalla seconda .
in terza elementare si incomincia a studiare , beh.....dalle sue maestre per lui era tutto troppo difficile , senza cercare altri metodi compensativi .
io ....molto demoralizzata , ma quando mi sento tale , mi carico ancor di più per cercare di trovare metodi che facilitano a mio figlio l'apprendere , più che apprendere è il cercare di facilitare quel processo nella sua fantastica testolina , di andare ad aprire il cassetto giusto dove c'è la parola che in quel momento gli serve .
con l'aiuto di questo fantastico forum , con le esperienze ascoltate nelle varie riunioni tra genitori ad albairate e sotto consiglio della logopedista , incomincio a schematizzare ogni lezione che lui doveva studiare, risultati.....non molti , vorrei precisare che mio figlio questi schemi non li studiava da solo , subito , c'era e c'è tutt'ora uno studio di base insieme . all'inizio di quest'hanno ho incominciato a cambiare il modo di schematizzare, se prima erano parole scritte in grossi e colorati quadrati , ora cerco di usare delle immagini (trovate su internet ) con qualche parola chiave , la mia difficoltà è schematizzare in questo modo la storia , non sempre riesco, beh.....risultato ? molto meglio.
il mio pensiero è capire come farò il prossimo anno alle medie...
l'insegnante d'inglese, m'ha già detto che mio figlio non ha una predisposizione neanche nell'ascolto......ma....se il suo libro è pieno di traduzioni scritte in matita è per merito mio , poi se fa gli esercizzi deve scrivere le parole nel modo corretto, io ho cercato di facilitargli il compito facendogli scrivere le parole come le pronunciava e lei non ha voluto.....ogni parola che scrive deve guardarla lettera per lettera......ma cosa impara?.....beh tanto , detto da lei non è predisposto.
Passiamo alla figlia più grande , alle elementari abbastanza bene , la sua fatica era capire i problemi , ma , dalle sue insegnianti .... non sarà predisposta per la matematica (una delle prime con le tabelline , e per fare i conti è ok ), arriviamo alle medie , apparte la confusione giornaliera che regnia in quella classe , professori che si lamentano....noi che dobbiamo fare a scuola.....possiamo metterci seduti in classe a vigilare la sitazione ?....no , l'avrei fatto volentieri se si poteva.
ritornando a mia figlia , difficoltà a comprendere ciò che è scritto sui libri.... molta , ma la mia domanda è ......la difficoltà di comprensione spiega la difficoltà di capire e risolvere un problema ? o di rispondere ad una domanda di storia , pur avendo studiato la lezione nella sua globalità ?...o mettere in pratica le regole memorizzate ?
non sempre è così , mia figlia fa alti e bassi....può essere l'adolescenza e la testolina che viaggia sulle nuvole?.
scusate se sono stata un po' contorta con i miei pensieri, spero almeno di essermi fatta capire.
un saluto a tutti.
The Matrix
Messaggi: 385
Iscritto il: gio set 11, 2008 1:03 pm
Località: Roma

Re: LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

Messaggio da The Matrix »

margherita59 ha scritto:CIAO A TUTTI. SONO MADRE DI 7 FIGLI; GLI ULTIMI 2 SONO DISLESSICI E DISGRAFICI (ANCHE SE IN FORME DIVERSE) E HANNO 14 E 11 ANNI. IN ENTRAMBI, DOPO UN 'ESPERIENZA ELEMENTARE ABBASTANZA FELICE ( A PARTE IL TRAUMATICO CAMBIO DI SCUOLA INIZIALE), HO RISCONTRATO SERI PROBLEMI DI APPRENDIMENTO ALLE SCUOLE MEDIE, CHE HANNO FATTO PASSARE IN SECONDO PIANO LA DIFFICOLTA' DI LEGGERE E/O SCRIVERE ( ALLE QUALI POSSONO ESSERCI RIMEDI DI VARIO TIPO).
OLTRE ALLA DISORGANIZZAZIONE NEL GESTIRE IL DIARIO, LA CARTELLA, I QUADERNI, IL MATERIALE - CHE NON SONO PROBLEMI BANALI - HO RISCONTRATO IN ENTRAMBI UNA GRANDE DIFFICOLTA' A CAPIRE IL LINGUAGGIO TEORICO, NOZIONISTICO E SCHEMATICO CHE ALLE MEDIE TUTTE LE INSEGNANTI UTILIZZANO. I CONCETTI TEORICI NON VENGONO CAPITI NE' TRATTENUTI. E' COME SE LA LORO TESTA FOSSE UN CONTENITORE INDIFFERENZIATO NEL QUALE VANNO A FINIRE TUTTE LE PAROLE CHE VENGONO UTILIZZATE NELLE SPIEGAZIONI E NEI TESTI E DA LI' RIPESCATE CASUALMENTE ( E PARZIALMENTE)AL MOMENTO DELLE VERIFICHE O INTERROGAZIONI, SENZA LA CAPACITA' DI MEMORIZZARLE E ORGANIZZARLE IN UN DISCORSO LOGICO. COSI', AL LUNGO E PESANTE LAVORO DI PREPARAZIONE DOMESTICA PER LE VERIFICHE (QUASI TUTTE SCRITTE), SEGUONO REGOLARMENTE RISULTATI DISASTROSI A SCUOLA! L'USO DEL COMPUTER, DELLA CALCOLATRICE E DI SCHEMI E' LA SOLUZIONE DI CUI SENTO CONTINUAMENTE PARLARE MA IN REALTA' NON E' EFFICACE NEL RISOLVERE QUESTO TIPO DI PROBLEMI.
OGGI TUTTE LE MATERIE SCOLASTICHE ( COMPRESE ARTE, MUSICA E PERFINO EDUCAZIONE FISICA!!) SI BASANO ANCHE SU CONCETTI DI TEORIA. ANCHE LE INSEGNANTI PIU' BENDISPOSTE NON PERCEPISCONO QUESTA DIFFICOLTA'E IMPUTANO LE CATTIVE PERFORMANCES AD UNO STUDIO NON ADEGUATO E ALLA FACILITA' A DISTRARSI DURANTE LE SPIEGAZIONI.
QUALCUNO DI VOI HA AVUTO PROBLEMI SIMILI AI NOSTRI? ESISTE, TRA GLI AUTORI, QUALCHE CONFERMA CHE TALI DIFFICOLTA' SONO IN LINEA CON LA FORMA MENTIS DEL DISLESSICO? AVETE QUALCHE SUGGERIMENTO PER AIUTARE I MIEI FIGLI AD APPRENDERE MEGLIO?GRAZIE PER LA VS DISPONIBILITA'.
Io vi racconterei la mia di esperienza che sto riscontrando anche in mio figlio. Essa riguarda in particolare la matematica e ci ha fatto e ci fa vedere i sorci verdi a scuola.
Eppure abbiamo una sorta di predisposizione per essa. Se non che il modo di approccio comune è talmente distante da come affronto io la matematica da rendermela incomprensibile se devo per forza adottare quel metodo.
E anche i concetti teorici sui quali viene basata, gli schemi, insomma, tutto quanto, sono qualcosa che nulla hanno a che fare su come la matematica è (almeno dal mio punto di vista).
Il peggio è che la scuola pretende non che si arrivi al risultato, ma che si dimostri la comprensione. E la comprensione viene dimostrata attraverso passaggi logici che per me non solo non sono logici, ma rasentano l'assurdità. Cercare di rispondere a questa esigenza ci obbliga ad adeguarci ad un sistema incomprensibile e a pescare a casaccio in una sorta di calderone nel qual forse oggi, con la maturità, riuscirei a mettere un pò di ordine.
Cercare di spiegare questa cosa è difficile e io cerco di farlo in questo modo: per me la matematica è qualcosa di dimensionale che io vedo chiaramente nello spazio. Se devo trovare un risultato vedo chiaramente i processi banali e logici che mi permettono di ottenerlo. Anche se tali processi risultano complicati, per me sono chiari come una strada che da qui mi conduce laggiù a soli 100 metri di distanza. Li vedo con la stessa semplicità con la quale ognuno di noi può affermare, solo guardandolo, che il cielo è azzurro. Quando mi si chiede quale sia il processo e le formule applicate cominciano i guai. Quali processi, quali formule, se da qui vai lì fai i passi necessari, che c'è da spiegare? Che c'è da spiegare in un cielo azzurro? Si vede! E li mi domando se non mi si chieda di spiegare quali processi chimici e fisici producono un cielo azzurro, ma quelli che mi vengono presentati non sono processi nè chimici nè fisici, ma qualcosa di assurdo, come se si ritenesse che per camminare ci vogliano per forza le stampelle.
Insomma, due lingue talmente diverse da far ritenere agli insegnanti che se ottengo quel risultato, siccome non ho compreso la loro 'assurda' logica, devo per forza aver copiato.
Quello che mi dispiace è che nel passare il tempo a cercare di rapportarmi con un metodo per me incomprensibile, nessuno mi ha proposto un metodo che mi permettesse di sviluppare questa abilità.
Non so se qualcuno conosce il film 'Will Hunting genio ribelle', è che quando lo vidi trovai molti punti in comune.
Avatar utente
anna68
Messaggi: 4495
Iscritto il: ven dic 16, 2005 12:37 pm
Scuola: 1°UNIVERSITA -3 LINGUISTICO

Re: LA DIFFICOLTA' DI APPRENDERE CONNESSA ALLA DISLESSIA

Messaggio da anna68 »

Ciao Dany proprio per il passaggio alle medie chiedi di mettere per iscritto che tuo figlio usa le mappe.
Il fatto di usare le immagini va benissimo è molto utile per loro.
Io mi batterei comunque per avere una diagnosi.
Ho visto che qui i professori sono molto disponibili, spero anche nell'istituto dove andrà alle medie.
Per la grande non hai pensato di farle fare lo stesso i test per capire, magari è assolutamente l'adolescenza o magari il fatto che non tutti gli argomenti sono semplici da capire.
Magari anche la prof non si spiega bene.
Comunque le mappe servono anche ai non dsa proprio per capire meglio l'argomento.
Per i problemi di matematica dipende molto da come sono scritti a volte ci si perde proprio per il contenuto strano ovviamente mai semplificato.
Prova magari a vedere di usare le mappe anche per lei e vedi come reagisce.
Con lo spagnolo come va?
E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio. (Albert Einstein)
Sito: Sito: http://www.dislessia-passodopopasso.it/
Blog: http://www.dislessia-passodopopasso.blogspot.com/
https://sites.google.com/site/spagnoloinregole/
Rispondi