Appello ai dislessici adulti...

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Avatar utente
CHIARA
Messaggi: 56
Iscritto il: ven mar 04, 2005 8:43 am
Località: Milano-provincia

Messaggio da CHIARA » mer nov 02, 2005 2:43 pm

EMANUELA ha scritto: VORREI TANTO UNO SPOT CHE FA VEDERE CHE SENZA I DISLESSICI :idea: SAREMMO QUASI CERTAMENTE NELLE CAVERNE...
CHISSA' FORSE ANCHE CHI HA INVENTATO LA RUOTA ERA DISLESSICO

Un bacio a tutti

EMANUELA, SAREBBE UNA BELLISSIMA IDEA QUELLA DELLO SPOT, SENZ'ALTRO SAPRESTE IMMAGINARLO E REALIZZARLO BENISSIMO.

SE NON UNO SPOT POTREBBE ESSERE UNA PRESENTAZIONE IN POWER POINT, QUALCOSA DA POTER ANCHE DIVULGARE PER AIUTARE ANCHE GLI INSEGNANTI A PRESENTARE LA DISLESSIA AI COMPAGNI DI CLASSE(ORA MI COLLEGO AD UN ALTRO ARGOMENTO)
Chiara

Avatar utente
EMANUELA
Messaggi: 602
Iscritto il: mar mar 29, 2005 9:11 pm

Messaggio da EMANUELA » mer nov 02, 2005 7:11 pm

cara :D Mary poppins

non ti sei collegata affatto ad un'altro argomento :lol: .

Il :oops: mio problema più grande è, dato che ho una bimba con il mio stesso problema, far capire ai frequentatori della scuola (adulti e bambini) che non siamo affatto dei ritardati ma che, a differenza loro, abbiamo la parte opposta del cervello che governa le nostre azioni; ci sono cose che facciamo meglio di loro (senza spreco di energie) e altre che invece.....
Non so come affrontare l'argomento....
(ho aperto un forum chiedendo suggerimenti a riguardo)

comunque, io non so usare il computer nelle sue moderne funzioni ma, stavo pensando di scrivere una letterea aperta indirizzata alle famiglie, dove con parole semplice e qualche allegato, introducevo l'argomento.

Il depliant dell'AID mi sembra un pò difficilotto e poco coinvolgente.

:idea: Lancio un appello a qualche vignettista ed a esperti in comunicazione efficace per un depliant CURIOSO INVITANTE e soprattutto in grado di creare ENPATIA

grazie e ciao
manu

Avatar utente
Ritina
Messaggi: 6
Iscritto il: dom nov 06, 2005 1:49 pm
Località: BELGIO!

scusami se metto anche il post qui , ma sono disperata!!

Messaggio da Ritina » dom nov 06, 2005 3:38 pm

...ho una domanda....con 4 colleghi facciamo un progetto.....
Per il nostro progetto dobbiamo visualisare i libri di scuole per un bambino di 10anni con disfasia e dislessia...
Ma dobbiamo anche fare un studio internazionale e noi (miei 4 colleghi ed io) abbiamo deciso di andare a Milano..Dobbiamo andare ad una uni dove si studia quasi la stessa cosa che noi (una sorta di pedagogia)... ma anche per il nostro progetto dobbiamo incontrare persone chi hanno qualcosa da raccontare sulla dislessia o altri disturbi di linguaggio....
Per questo ho bisogno del vostro aiuto...
Qualcuno che sà qualcosa sulla dislessia....o altre problemi di linguaggio...???

Noi siamo a Milano dal 21 Novembre fino al 24 Novembre...

Spero davvero che qualcuno mi puoi aiutare!!

Ho già mandato mails a mille università...Senza risposta


GRAZIE!!!!

Avatar utente
EMANUELA
Messaggi: 602
Iscritto il: mar mar 29, 2005 9:11 pm

Messaggio da EMANUELA » dom nov 06, 2005 6:43 pm

CHE MERAVIGLIA :lol:

FINALMENTE QUALCOSA SI MUOVE.....

IO NON SO I TERMINI TECNICI

MA "LA CAUSA " DI TUTTO SEMBREREBBE ESSERE L'EMISFERO DESTRO CHE PREVALE SU QUELLO SINISTRO

VI CONSIGLIO LA LETTURA DI
R.DAVIS "IL DONO DELLA DISLESSIA"
E R.GRENCI "LE AQUILE SONO NATE PER VOLARE

SONO MOLTO CHIARI

VI CHIEDO UNA CORTESIA
NEL VOSTRO PROGETTO C è ANCHE LA POSSIBILITà DI AVERE DEI LIBRI PER I NOPSTRI RAGAZZI SCRITTI TENENDO CONTO DELLE LORO PARTICOLARITA'?
TENGO A PRECISARE CHE IL DISLESSICO ECC... HANNO SOLO UN DIVERSO MODO DI APPRENDERE E DEI LIBRI DI TESTO FATTI PER LORO,DA POTER USARE COME FANNO I LORO COETANEI E AMICI,LI AIUTEREBBE MOLTO.

UN GRANDISSIMO GRAZIE PER TUTTO QUELLO CHE RIUSCIRETE A FARE
manu

Avatar utente
Ritina
Messaggi: 6
Iscritto il: dom nov 06, 2005 1:49 pm
Località: BELGIO!

Messaggio da Ritina » lun nov 07, 2005 11:49 am

Ciao Emanuele,
grazie per la risposta.....
scusami, ma non ho capito bene quale cortesia mi domandavi...puoi essere più chiara? l'italiano non è la mia lingua madre...per questo non capisco tutto...provo provo :):)

Tu non sei di Milano vero???



NESSUNO DI MILANO QUI??????????????

Avatar utente
elenanardoni
Messaggi: 50
Iscritto il: ven mar 04, 2005 11:02 am
Località: foligno
Contatta:

Messaggio da elenanardoni » lun nov 07, 2005 8:33 pm

Caro Daniele
chiedi ri caccontare la nostra storia,la mia è molto simile a molte di quelle lette sul forum, solo con in più, che quando andavo a scuola non era stata ancora creata la parola dislessia.
Sono una dislessia adulta un pochino veccietta, 50 anni, e ti garantisco che le mie esperienze scolastiche sono state veramente dure,oggi si parla di mobbing, e ai "normali" sembra una cosa assurda e da combattere; ma noi ,la subiamo dall'età di sei anni in poi, tutti i giorni per cincque ore al giorno per tutto l'anno per almeno otta anni e più a seconda se decidi di continuare o meno gli studi.
Io ho continuato gli studi, fino all'università, certe esperienze o ti distruggono o ti rendono forte, anzi fortissima, e dura come un diamante, e credo proprio di essere diventata un diamante, non è presunzione, è una costatazione della realtà.
Non mi mette più paura nessun ostacolo, devo sempre provare a superarlo, prima di arrendermi, e pensare che ci è stato un tempo
che cercavo di nascondermi, mimetizzarmi con l'ambiente circostante, pur di non essere notatan e messa alla prova.
CIAO A PRESTO
ELENA

Avatar utente
Dnaiele
Messaggi: 1242
Iscritto il: ven ott 01, 2004 2:35 pm
Località: Reggio Emilia
Contatta:

Quello che dici è tutto vero!

Messaggio da Dnaiele » ven nov 11, 2005 6:55 pm

Cara Elena,
anche io sento la stessa sensazione. Mi sento che inidpendentemente dalle mie attitudini potrei fare qualunque cosa, ho solo bisogno di tempo.
Non lo dico per superbia, lo dico perchè lo sento davvero...
Poi non è che quando ho raggiunto un risultato che mi ero prefissato mi dico del bravo, trovo un nuove traguardo e giù a pancia bassa a passo del giaguaro... Il giochino dell'invisibilità l'ho fatto anche io, fingevo di essere l'uomo invisibile, insignificante al punto che camminando in mezzo alla gente nessuno si accorgesse di me perfino camminando in mezzo alla gente.... Ora ho imparato di non essere poi così insignificante...

Cioa a tutti
dnaiele!
http://dnaiele.blogspot.com/
"Non si volta chi a stella è fisso" Leonardo Da Vinci
http://www.youtube.com/watch?v=CNc-w8n5XjY

Avatar utente
chica1870
Messaggi: 49
Iscritto il: lun dic 19, 2005 4:46 pm
Località: gallarate

Messaggio da chica1870 » mer feb 15, 2006 3:12 pm

I miei bambini sono dislessici e mio marito, dopo la diagnosi a Francesco, ha fatto un' attenta analisi di tutte le sue difficoltà e ha ammesso che con tutte le probabilità lo è anche lui.
La neuropsichiatra che ha diagnosticato Francesco si è detta disponibile a valutarlo perchè lui ora vuole fortemente la certezza di una diagnosi che fughi tutte le insicurezze che per più di 40 anni lo hanno accompagnato e perseguitato, portandolo a smettere di studiare ed a pensare di essere un pò "tardo".
Due anni fa ha ricominciato a studiare la sera, dopo il lavoro, e ha conseguito l' idoneità alla terza ITIS. E' stata durissima soprattutto per la matematica, per l' italiano scritto, e per l' inglese scritto ( come Francesco del resto ), ma con sforzi enormi di volontà ce l' ha fatta.
Ora spera che l' eventuale diagnosi di dislessia lo aiuti a raggiungere il tanto agognato diploma, non più certo per il lavoro che comunque ha, ma per una soddisfazione personale, una sorta di rivalsa pur se tardiva.

Avatar utente
Dnaiele
Messaggi: 1242
Iscritto il: ven ott 01, 2004 2:35 pm
Località: Reggio Emilia
Contatta:

GRANDISSIMO!!!

Messaggio da Dnaiele » mer feb 15, 2006 6:57 pm

Orgoglio e forza di volontà.
Questo sì che è un esempio! Complimenti!!! Sei grande!!!!

In bocca al lupo per le prossime tappe!
dnaiele!
http://dnaiele.blogspot.com/
"Non si volta chi a stella è fisso" Leonardo Da Vinci
http://www.youtube.com/watch?v=CNc-w8n5XjY

t'object
Messaggi: 45
Iscritto il: ven giu 02, 2006 7:45 pm

Messaggio da t'object » mar giu 27, 2006 6:45 pm

Ciao a tutti! :D :D
Sinceramente è la prima volta che leggo alcuni messaggi su Top Ten giacché ho sempre visitato Discussioni sulla dislessia e mai altri! :!:
Se avessi letto prima questo topic avrei scritto qui la mia storia!
Cmq, sta scritta su Discussioni sulla dislessia in " Segreti di una vita da cancellare"!
Forse non ho tanta esperienza come voi però ho sempre i miei vent'anni e quindi ho deciso anche di scrivere qui!
P.S. se volete potete rispondermi qui direttemente visto che si tratta dello stesso argomento! :D :D
Se riesci a vedere in un fiore di campo il cielo, sarà speranza di vita!

Avatar utente
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack » mar giu 27, 2006 6:59 pm

Secondo me puoi benissimo mettere un linK sulla tua storia in modo che sia visibile anche da questo Topic e confrontabile con altre:

Io farò lo stesso e vedremo se qualcun'altro ci seguirà

Avatar utente
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack » mar giu 27, 2006 7:02 pm


t'object
Messaggi: 45
Iscritto il: ven giu 02, 2006 7:45 pm

Messaggio da t'object » ven giu 30, 2006 8:40 pm

Grazie all'aiuto e ai consigli di Jack, posso ora introdurre il mio link:
http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=1054
Ciao a tutti!
Se riesci a vedere in un fiore di campo il cielo, sarà speranza di vita!

Avatar utente
Jack
Messaggi: 2118
Iscritto il: ven mag 26, 2006 5:05 pm
Scuola: Ingegneria Informatica
Skype: Jackajil
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Jack » ven giu 30, 2006 11:08 pm

Complimenti ci sei riuscito =clap =ya

Avatar utente
Alayka
Messaggi: 2
Iscritto il: mer ott 04, 2006 8:31 pm
Località: Cagliari

Messaggio da Alayka » mer ott 04, 2006 10:40 pm

Ciao a tutti,
mi chiamo Francesca...sono capitata qui per caso ma contavo i minuti che mi separavano dall'iscrizione a questo bellissimo forum tutto da visitare (e nel quale non mancherò di inserire tutte le mie considerazioni).

Sono una dislessica in fase di diagnosi.
Questo avviene con non poche difficoltà: complice un carattere che ha fatto di me una ragazza fragile...soffro di depressione e sono in cura con i farmaci da 3 anni.

Ho delle oggettive difficoltà a leggere (salto, confondo, anagrammo le parole); leggo come una bambina di prima elementare e questo mi ha fatto letteralmente ODIARE la lettura (mi viene il panico ogni volta che devo leggere in pubblico o in presenza di qualcuno e certe volte mi vergogno anche quando leggo a voce alta da sola). :oops:
A scuola ho sempre avuto difficoltà in matematica a ricordare le tabelline (cosa che ho tutt'ora...passando da ignorante) e a risolvere alcuni problemi ma ero/sono perfettamente in grado di svolgere un'equazione di secondo grado!

Ho sempre avuto una grande difficoltà a studiare, soprattutto adesso che sono all'università...oggi mi sono iscritta al primo anno fuori corso: sono indietrissimo con gli studi e purtroppo devo rassegnarmi davanti al fatto che saranno ancora lunghi...perchè nessuno capisce la mia situazione: i miei genitori, il mio ragazzo, i miei professori (il colmo è che io studio psicologia)! Non credo sia colpa loro: la dislessia è un disturbo che si sta ancora studiando e viene confuso troppo spesso con la pigrizia o con delle lacune negli studi precedenti.

Due settimane fa ho trovato un lavoro come apprendista restauratrice in un cantiere (premetto che ho sempre avuto delle notevoli doti grafiche e musicali, forse per sopperire a queste carenze) dove lavoro 8 ore al giorno e dopo il quale sono troppo stanca per studiare...il lavoro mi piace ma il mio sogno è un altro: aiutare le persone in crisi e in difficoltà come me...per farle sentire un pò meno sole, abbandonate...come mi sento io adesso: abbandonata dall'università, dalla scuola, dalla gente che non capisce che non sono incapace ma solo un pò diversa...come tutti!

Mi sono iscritta in questo forum perchè vorrei parlare del mio problema con qualcuno che capisce e ha le mie stesse difficoltà e che magari mi possa dare qualche consiglio per vivere senza paura dei miei limiti.

Rispondi