Cosa posso fare per mio figlio?

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

SilviaGi
Messaggi: 18
Iscritto il: dom dic 14, 2008 6:18 pm

Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da SilviaGi » dom dic 14, 2008 10:21 pm

Sono molto preoccupata e confusa...spero che mi possiate aiutare!
Ho un figlio di 16 anni, terza liceo scientifico.E' un ragazzo dolcissimo e molto sensibile.
All'asilo l'insegnante mi aveva consigliato un controllo dalla logopedista,(perchè parlava poco, cosa che fa tuttora) secondo la quale sembrava tutto ok.
Con la scuola è cominciato un certo disagio, ma è andato bene fino alla media, poi il rendimento è andato sempre più in declino, ora è un disastro, specialmente in latino ed italiano.
Vi descrivo alcune cose, sperando mi possiate aiutare.
Non so se è importante (sto leggendo tutto quello che posso sulla dislessia): da piccolo non ha mai gattonato, non imparava mai a legarsi le scarpe, anche adesso fa difficoltà a fare un fiocco, ma fa molto bene i nodi marinari, ha imparato molto tardi ad andare in bici senza le ruotine,nelle attività fisiche è molto "legato", fa difficoltà a manifestare le proprie emozioni con il corpo (tipo urlare allo stadio).
Non ama leggere, ma è bravissimo con costruzioni di ogni tipo, puzzle, meccano,ogni lavoro manuale.
A scuola è stato oggetto di bullismo, non cose gravi, ma dispetti e prese in giro continuative, a causa della sua timidezza.
Quando deve raccontare delle cose che gli stanno a cuore parla ad una velocità tale che impedisce all'ascoltatotre di distinguere le parole; scrive malissimo, a caratteri molto spigolosi, ultimamente scrive in stampatello (per farsi capire dagli insegnanti), ma anche così è poco chiaro.
Da piccolo scambiava le sllabe e a volte le cifre (tipo 21 e 12). Ha una difficoltà terribile a memorizzare i verbi latini, e li dimentica in pochi giorni.Quando studia, non gli viene naturale farsi specchietti o prendere appunti, e con la mano sinistra giocherella sempre con qualcosa.
Quando ha iniziato a studiare latino, mi sono accorta che non riusciva a leggere alcune parole.
Ora ha avuto un crollo in tutte le materie, anche perchè in quella scuola hanno sostituito le interrogazioni con scritti valevoli per l'orale, mentre lui negli orali riesce meglio.
All'ultimo colloquio mi hanno detto di cambiarlo di scuola,almeno dove non ci sia latino.
Dicono che ha un lessico ed una sintassi scarsa, e che non è capace di operare collegamenti; che sa bene le regole, ma non riesce a metterle in pratica: dà l'idea di essere "uno che non ci arriva", ma poi è velocissimo nel calcolo e opera procedimenti matematici complicati. Purtroppo l'insegnante di lettere è una persona molto rigida e con poca esperienza.
Lui si dispera, perchè vuole assolutamente terminare il liceo per poi fare una facoltà scientifica.
Studia 3-4 ore al giorno con questi risultati...è veramente un momento critico, per lui e per tutta la famiglia.
Come carattere è sempre più chiuso, fa fatica a comunicare con gli altri nel gruppo classe, (assume addirittura una mimica facciale alterata). Con i suoi amici al di fuori della classe invece è rilassato e sereno.
Mi chiedo come sia stato possibile arrivare a questo punto, dove abbiamo sbagliato, e soprattutto che cosa sia possibile fare.
Scusate la lunghezza dello sfogo...grazie!

Babsi
Messaggi: 31
Iscritto il: dom ott 05, 2008 7:53 pm

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da Babsi » dom dic 14, 2008 11:21 pm

Cara Silvia,
io penso che la prima cosa da fare per tuo figlio, sia quella di richiedere la valutazione di un neuropsichiatra,
per sapere se è dislessia o no, poi avuta la valutazione intraprenderai la strada opportuna.
Comunque quì troverai preziosi consigli che hanno aiutato tanto anche me.
Non disperare, vedrai che troverai una buona soluzione.
ciao
la nostra paura più profonda
non è quella di essere inadeguati.
La nostra paura più grande è che noi siamo potenti
al di là di ogni misura......
Quando ci liberiamo dalle nostre paure,
la nostra presenza automaticamente libera gli altri.
Nelson Mandela

Avatar utente
gloria
Messaggi: 2273
Iscritto il: ven ott 01, 2004 1:02 am
Località: Roma e Viareggio

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da gloria » dom dic 14, 2008 11:37 pm

......La valutazione a suo tempo fu fatta con la somministrazione di tutti i test previsti dal protocollo (di solito si fanno in 2/3 giorni)?
i casi, secondo me, sono tre:

1. sei sicura della prima valutazione = tuo figlio non e` dislessico = bisognera` comunque supportarlo nelle materie dove ha difficolta`

2. forse la valutazione non era adeguata > ripetere valutazione = e` dislessico e si gioverebbe di strumenti compensativi e dispensativi

3. come sopra ma, considerata la timidezza e il carattere del ragazzo, non vorrebbe comunque essere trattato in maniera diversa dai compagni

In tutte le ipotesi bisogna instaurare un colloquio con la scuola, far sentire l'appoggio al figlio, spronarlo a non abbattersi perche` deve invece sforzarsi di trovare le sue strategie di apprendimento.
Molti ragazzi, dislessici e non, fanno il liceo portandosi dietro materie nelle quali hanno difficolta` ma riescono comunque a concluderlo :wink:

In ogni caso: forza e coraggio! Tenete duro, all'universita` di solito e` meglio.

gloria

[mamma di dislessico universitario che non ha mai accettato nessun tipo di aiuto :roll: ]

Avatar utente
Roberto
Messaggi: 2137
Iscritto il: dom set 16, 2007 8:46 am
Località: Brenno Useria (VA)
Contatta:

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da Roberto » dom dic 14, 2008 11:53 pm

gloria ha scritto:
In tutte le ipotesi bisogna instaurare un colloquio con la scuola, far sentire l'appoggio al figlio, spronarlo a non abbattersi perche` deve invece sforzarsi di trovare le sue strategie di apprendimento.
Molti ragazzi, dislessici e non, fanno il liceo portandosi dietro materie nelle quali hanno difficolta` ma riescono comunque a concluderlo :wink:

In ogni caso: forza e coraggio! Tenete duro, all'universita` di solito e` meglio.

gloria

[mamma di dislessico universitario che non ha mai accettato nessun tipo di aiuto :roll: ]
Torniamo sempre al solito discorso, quello che manca è la PROFESSIONALITÀ di troppi insegnanti.
Se ci fosse questa, i nostri bambini/ragazzi (certificati si o certificati no) non avrebbero proprio bisogno di altro.

Sempreallegri

Avatar utente
Lulù
Messaggi: 1463
Iscritto il: dom nov 16, 2008 4:54 pm
Scuola: Logopedista Dislessica

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da Lulù » lun dic 15, 2008 2:04 am

Roberto ha scritto: Torniamo sempre al solito discorso, quello che manca è la PROFESSIONALITÀ di troppi insegnanti.
Se ci fosse questa, i nostri bambini/ragazzi (certificati si o certificati no) non avrebbero proprio bisogno di altro.

Sempreallegri
Ovviamente.....come sempre.......sono d'accordissimo anzi.......DI PIU'!!!!!!
L'umanità degli insegnanti farebbe molto più di qualsiasi altra cosa.......la rigidità non porta da nessuna parte.

Ad ogni modo, Silvia, puoi far fare una corretta valutazione neuropsichiatrica e logopedica a tuo figlio e nel caso fosse positiva (conferma della diagnosi di DSA) iniziare il percorso previsto che sicuramente tranquillizzerà molto tuo figlio, che essendo grande saprà relazionarsi nel modo migliore con gli specialisti che, se capaci, gli sapranno presentare al meglio tutto il percorso da seguire nella maniera più serena possibile esclusivamente per la sua serenità scolastica.......in bocca al lupo!!!!

:yes :yes :up
Stupido è chi lo stupido fa............
Lulù


Qui tutto l'elenco degli strumenti/software da utilizzare con il computer http://www.acuilone.com/

Costanza
Messaggi: 2843
Iscritto il: gio mag 22, 2008 8:26 pm
Scuola: Eevee Universit Supernick 3med

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da Costanza » lun dic 15, 2008 10:11 am

Ciao :P
Come ti è già stato consigliato penso che sia importantissimo portare tuo figlio dal neuropsichiatra in modo da avere le idee più chiare.
Penso che tu debba aiutare tuo figlio in questo momento difficile come sicuramente stai già facendo per fare in modo che lui recuperi la sua autostima.
Io ho una ragazza di 14 anni che da poco è stata diagnosticata e le sue difficoltà somigliano molto a quelle di tuo figlio (lacci scarpe, scambio di lettere, scrittura incomprensibile, conosce le regole ma non riesce a metterle in pratica in inglese e latino, ecc.), anche lei frequenta il liceo scientifico (primo anno) e anche lei :cry: è stata oggetto di non gravi (forse per gli insegnanti ma non per lei) atti di bullismo anche per la sua timidezza. E' molto brava in matematica e anche lei vuole dedicarsi alle scienze. Scoprire di essere dislessica l'ha aiutata molto perchè ha capito il motivo delle sue difficoltà e adesso si sente molto più sicura di sè e determinata a realizzare i suoi obiettivi. L'ha aiutata molto anche scrivere su penne adolescenti e leggere le testimonianze di tanti altri ragazzi dislessici come lei che sono riusciti a concludere brillantemente il liceo e anche l'università.
E' importante che tu trovi un BRAVO neuropsichiatra.
Facci sapere!
Ciao :P
Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini. (G. Falcone)

Avatar utente
claudia g
Messaggi: 26
Iscritto il: lun set 08, 2008 2:42 pm
Località: milano

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da claudia g » lun dic 15, 2008 12:06 pm

Cara SilviaGi, da psicologa ti consiglio di farlo nuovamente valutare, probabilmente allora hanno fatto dei test differenti da quelli che farebbero adesso.
In questo modo ti togli tutti i dubbi e se non dovesse essere dislessico (cosa che ti auguro con tutto il cuore) ti potrebbero cmq suggerire degli accorgimenti per aiutarlo. .
Se invece si scoprisse che è dislessico potrebbe usufruire di tutti gli strumenti compensativi e dispensativi che la legge prevede, come l'uso di tabelle per le regole, formulari e soprattutto interrogazioni orali! cosa nella quale tuo figlio va sicuramente meglio..
per quanto riguarda cambiare scuola, mi sembra che tuo figlio ci tenga a finire il liceo.. e allora perchè non cercare un liceo differente dove magari hanno una tipologia di insegnamento e verifica differente..
Non ti preoccupare vedrai che tutto andrà bene!

In bocca al lupo!
Claudia Galbiati


SilviaGi ha scritto:Sono molto preoccupata e confusa...spero che mi possiate aiutare!
Ho un figlio di 16 anni, terza liceo scientifico.E' un ragazzo dolcissimo e molto sensibile.
All'asilo l'insegnante mi aveva consigliato un controllo dalla logopedista,(perchè parlava poco, cosa che fa tuttora) secondo la quale sembrava tutto ok.
Con la scuola è cominciato un certo disagio, ma è andato bene fino alla media, poi il rendimento è andato sempre più in declino, ora è un disastro, specialmente in latino ed italiano.
Vi descrivo alcune cose, sperando mi possiate aiutare.
Non so se è importante (sto leggendo tutto quello che posso sulla dislessia): da piccolo non ha mai gattonato, non imparava mai a legarsi le scarpe, anche adesso fa difficoltà a fare un fiocco, ma fa molto bene i nodi marinari, ha imparato molto tardi ad andare in bici senza le ruotine,nelle attività fisiche è molto "legato", fa difficoltà a manifestare le proprie emozioni con il corpo (tipo urlare allo stadio).
Non ama leggere, ma è bravissimo con costruzioni di ogni tipo, puzzle, meccano,ogni lavoro manuale.
A scuola è stato oggetto di bullismo, non cose gravi, ma dispetti e prese in giro continuative, a causa della sua timidezza.
Quando deve raccontare delle cose che gli stanno a cuore parla ad una velocità tale che impedisce all'ascoltatotre di distinguere le parole; scrive malissimo, a caratteri molto spigolosi, ultimamente scrive in stampatello (per farsi capire dagli insegnanti), ma anche così è poco chiaro.
Da piccolo scambiava le sllabe e a volte le cifre (tipo 21 e 12). Ha una difficoltà terribile a memorizzare i verbi latini, e li dimentica in pochi giorni.Quando studia, non gli viene naturale farsi specchietti o prendere appunti, e con la mano sinistra giocherella sempre con qualcosa.
Quando ha iniziato a studiare latino, mi sono accorta che non riusciva a leggere alcune parole.
Ora ha avuto un crollo in tutte le materie, anche perchè in quella scuola hanno sostituito le interrogazioni con scritti valevoli per l'orale, mentre lui negli orali riesce meglio.
All'ultimo colloquio mi hanno detto di cambiarlo di scuola,almeno dove non ci sia latino.
Dicono che ha un lessico ed una sintassi scarsa, e che non è capace di operare collegamenti; che sa bene le regole, ma non riesce a metterle in pratica: dà l'idea di essere "uno che non ci arriva", ma poi è velocissimo nel calcolo e opera procedimenti matematici complicati. Purtroppo l'insegnante di lettere è una persona molto rigida e con poca esperienza.
Lui si dispera, perchè vuole assolutamente terminare il liceo per poi fare una facoltà scientifica.
Studia 3-4 ore al giorno con questi risultati...è veramente un momento critico, per lui e per tutta la famiglia.
Come carattere è sempre più chiuso, fa fatica a comunicare con gli altri nel gruppo classe, (assume addirittura una mimica facciale alterata). Con i suoi amici al di fuori della classe invece è rilassato e sereno.
Mi chiedo come sia stato possibile arrivare a questo punto, dove abbiamo sbagliato, e soprattutto che cosa sia possibile fare.
Scusate la lunghezza dello sfogo...grazie!

SilviaGi
Messaggi: 18
Iscritto il: dom dic 14, 2008 6:18 pm

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da SilviaGi » lun dic 15, 2008 5:58 pm

Grazie a tutti per l'aiuto chiaro e tempestivo.
Ancora qualche domanda...come trovare un bravo neuropsichiatra a Torino? Nel pubblico (ho il servizio di neuropsichiatria e logopedia dell'ASL a due passi da casa) o è meglio privato? Mercoledì ne parlo col medico di base attuale, o forse sarebbe meglio farsi indirizzare dall'ex pediatra?

E c'è un altro aspetto che mi sta a cuore: mio figlio ha problemi di memoria per quanto riguarda lo studio: ricorda il discorso, ma non i termini specifici, anche se ripetuti decine di volte, mentre è molto attento ed ha memoria per i particolari dell'ambiente che lo circonda , anche se visti una sola volta.
Tutto questo può rientrare nel quadro?

Babsi
Messaggi: 31
Iscritto il: dom ott 05, 2008 7:53 pm

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da Babsi » lun dic 15, 2008 6:06 pm

Ti consiglio di chiedere all'AID della tua città, loro sapranno indirizzarti nel luogo giusto.
Per quanto riguarda la memoria di tuo figlio, io non sono un'esperta, ma è abbastanza diffuso nei DSA.
Facci sapere come và, a presto
barbara
la nostra paura più profonda
non è quella di essere inadeguati.
La nostra paura più grande è che noi siamo potenti
al di là di ogni misura......
Quando ci liberiamo dalle nostre paure,
la nostra presenza automaticamente libera gli altri.
Nelson Mandela

Avatar utente
chicca
Messaggi: 2663
Iscritto il: sab feb 10, 2007 5:45 pm
Scuola: V Elementare e II Liceo Scien
Località: Valle Bormida -Savona-
Contatta:

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da chicca » lun dic 15, 2008 7:51 pm

A Torino c'è la bravissima Claudia Cappa, sul forum scrive col nick " mostrillo", che può aiutarti e consigliarti.
Io non conosco la realtà di Torino, ma ricorda che tuo figlio, come tutti i ragazzi a rischio, ha bisogno di una buona valutazione.
Non pensare solo alla comodità,valuta la qualità.

micio
Messaggi: 22
Iscritto il: lun dic 15, 2008 11:56 am
Località: Rovigo-Savona

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da micio » lun dic 15, 2008 11:40 pm

Gentile Signora,
mi scusi ma il suo ragazzo, oltre alla segnalazione di trattamento logopedico, non ha mai fatto una valutazione neuropsicologica o almeno cognitiva? Mi fa pensare, scervellare questa sua affermazione sul fatto che è andato bene fino alle medie :?: ; le difficoltà iniziano alle superiori da quanto ho capito! Signora SilviaGi, io le consiglio più che una visita neuropsichiatrica, una valutazione neuropsicologica per fare una fotografia completa di suo figlio dal punto di vista del linguaggio, della memoria, cognitiva, dell'attenzione, delle funzioni esecutive, degli apprendimenti scolastici, degli aspetti prassici e visuo-motori. Questa valutazione è importante perchè in questo modo si può effettivamente avere un quadro di funzionamento del ragazzo, non si spaventi, sono prove semplici, a volte anche divertenti (con i bambini noi li chiamiamo giochini!) :lol: .
Salutoni, ed in bocca al lupo, ovviamente anche al suo ragazzo!

SilviaGi
Messaggi: 18
Iscritto il: dom dic 14, 2008 6:18 pm

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da SilviaGi » mar dic 16, 2008 10:11 am

Grazie mille a tutti per i vostri preziosi consigli, comincio ad orientarmi un pò.
Mio figlio è un ragazzo molto collaborativo, ama moltissimo tutti i test ed i giochi di logica.
Spero di trovare al più presto un bravo specialista che lo segua, ho appena scritto alla Sig.ra Cappa.
Grazie ancora a chi mi ha scritto privatamente, vi farò sapere gli sviluppi.

SilviaGi
Messaggi: 18
Iscritto il: dom dic 14, 2008 6:18 pm

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da SilviaGi » sab gen 24, 2009 9:27 pm

Sono ancora qui per ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato con i loro consigli e la loro esperienza.
Mio figlio sta facendo in questi giorni la valutazione: mi sembra di avere trovato il capo di una matassa ingarbugliata...siamo tutti più sereni e fiduciosi.
Ma ho nel cuore una grande amarezza...immagino che la storia di mio figlio sia stata la storia di molti di voi:
definito dagli insegnanti come svogliato, poco studioso, uno "che non ci arriva proprio"...(Invece rè risultato più intelligente della media dei coetanei)
Avevo parlato anche con lo psicologo scolastico, manifestandogli i miei dubbi, ed ero stata consigliata "di non impicciarmi degli affari di mio figlio, ormai grande"; ho anche scoperto che la sua insegnante di lettere (3 anni che è con lei) con la quale ho fatto non so quanti colloqui in cui si era detto che mio figlio scrive male, che si esprime male, che non ricorda le cose, che non sa fare collegamenti e che quindi è meglio che si sposti in una scuola più facile...è la referente per la dislessia! Ma non si è accorta di nulla...?!
E una conoscente insegnante, a cui parlavo di questi problemi, ha pensato bene di "aiutarmi" dicendo "Tuo figlio dislessico? Ma figurati! Adesso sono tutti dislessici! La dislessia è un tappeto che copre tutte le magagne...!"

Avatar utente
Elisabetta
Messaggi: 4453
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:23 pm
Skype: betty--
Località: Pesaro

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da Elisabetta » sab gen 24, 2009 11:55 pm

Sono contenta che tu abbia trovato il bandolo della matassa ma, preparati a combattere perchè, come hai potuto notare tu stessa, molti insegnanti sono ancora molto ignoranti. Mi pare comunque che le cose stiano piano piano cambiando..... hai firmato la petizione? Siamo convinti che un cambiamento più tangibile lo potremo vedere quando ci sarà una legge a tutela dei nostri figli. :wink:

Attendiamo tue notizie riguardo la valutazione di tuo figlio!
Per firmare la PETIZIONE
http://www.petitiononline.com/amicar01/petition.html

INDICE: http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=2345

nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti

Avatar utente
mamma Rosa
Messaggi: 3815
Iscritto il: lun lug 21, 2008 3:57 pm
Scuola: Alexander: 5° Alb Polovalboite
Località: Padova

Re: Cosa posso fare per mio figlio?

Messaggio da mamma Rosa » dom gen 25, 2009 6:03 pm

Intanto benvenuta, anche se con un mese di ritardo...
Come dice giustamente Elisabetta: preparati a combattere, aiuta tuo figlio a chiedere, a pretendere i suoi diritti in fatto di apprendimento...firma e fai firmare la petizione per la legge sulla dislessia...
Purtroppo c'è tanta confusione e ignoranza che fa comodo a chi fa il proprio lavoro con trascuratezza e non si rende conto che quelli che ha per le mani sono bambini e ragazzi, le creature + preziose per ogni genitore degno di essere chiamato tale...
Tienici informati degli sviluppi e se hai bisogno...sai già...ciao!
Esser la mamma di un dislessico è inebriante!!!

Dare un nome alle cose è il primo passo per affrontarle.

Rispondi