Cambio scuola?

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Rispondi
marros
Messaggi: 5
Iscritto il: ven set 12, 2008 12:26 pm
Località: Rivoli (To)

Cambio scuola?

Messaggio da marros » gio apr 16, 2009 11:15 pm

Buongiorno a tutti!
Mi presento:
sono la mamma di un bimbo di 8 anni a cui è stata diagnosticata una dislessia nella lettura che lo porta a fare spesso errori di grammatica, confonde cia con ca, gia con ga, dimentica l'h quando sa che ci vuole, l'accento ecc. In prima elementare tendeva a scrivere al contrario e tuttora ha una lettura un po' lenta, con scarsa intonazione, ma grazie al supporto della logopedista è migliorato tantissimo (ogni tanto bleffa ancora sulla parola che non riesce a leggere bene ...) .
I problemi sono nati quest'anno, in terza elementare, quando la maestra d'italiano ha cominciato a chiamarlo "dormiente" per destare la sua attenzione (mio figlio affermava ostinatamente di essere attento).
Preciso che avevo già esposto all'insegnante le difficoltà di mio figlio e del particolare disagio che lui provava quando con certi attengiamenti e parole veniva riportato alla realtà (termine spesso usato dalla maestra), ma pare che questo atteggiamento da parte dell'insegnante non sia cambiato.
Mio figlio intanto ha maturato una scarsissima autostima (non posso farcela, è impossibile, sono l'ultimo della classe, ecc.) e ha manifestato vivo desiderio di cambiare scuola.
Io e mio marito ci siamo mossi in tal senso, ma da qualche tempo lui non è più così convinto, perchè riferisce che l'insegnante non lo tratta più in quel modo.
Aiuto! Cosa mi consigliate? Cosa fareste voi?
Grazie per le Vostra preziosa considerazione.

Avatar utente
mb84
Messaggi: 1550
Iscritto il: mar mag 27, 2008 12:14 am
Scuola: 3a media Davide e IVel Francy
Località: Milano

Re: Cambio scuola?

Messaggio da mb84 » ven apr 17, 2009 12:00 am

Ciao innanzitutto benvenuta!
Hai consegnato ufficialmente la diagnosi a scuola facendola protocollare? Prova a scaricare qualche guida fatta dalle ns. mamme veterane tipo Diamoci una mano o nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti e prova a riparlare dolcemente con la maestra, chiedendole con il cuore in mano aiuto per tuo figlio e intanto portale la guida. Con il tasto in alto a destra "cerca" prova a cercare "cambio scuola" mi ricordo che ci sonostate altre discussioni e magari trovi qualche consiglio utile, nel frattempo vedrai che le ns esperte ti daranno qualche consiglio! In primis stai molto vicino a tuo figlio, ci sono passata l'anno scorso con mio figlio davide 9 anni dislessico, disgrafico e disortografico.... si prendeva a pugni in testa dicendo che lui era scemo! ora a distanza di un anno va molto meglio, con la logopedia, l'aiuto a casa seguendo i consigli della neuropsichiatra e della logopedista (SANTA DONNA!!!!) e con il prezioso AIUTO DELLE MAESTRE, la loro collaborazione è indispensabile! A proposito, la logopedista che segue tuo figlio ha parlato con le maestre?
Da mamma a mamma un abbraccio forte forte e tieni duro!
Buona notte
Barbara

"Tutto ciò che facciamo è solo una goccia nell'oceano ma se non lo facciamo l'oceano sarebbe privo di quella goccia"
Madre Teresa di Calcutta

marros
Messaggi: 5
Iscritto il: ven set 12, 2008 12:26 pm
Località: Rivoli (To)

Re: Cambio scuola?

Messaggio da marros » ven apr 17, 2009 9:18 am

Grazie per il consiglio,
tuttavia non sono convinta che una diagnosi ufficiale possa cambiare un atteggiamento diffuso e generalizzato rivolto in generale a tutta la classe.
Si tratta infatti, a mio avviso, di un modo di esprimersi comunque errato nei confronti dei bambini, dislessici e non. Logico che ci sono sensibilità diverse .
Infatti c'è il bambino che non soffre affatto di questo .
Io e mio marito abbiamo parlato in più occasioni con l'insegnante con il "cuore in mano"... Mi è anche stato riferito che mio figlio è bugiardo !
Per me è veramente difficile ricrederle e lo spirito di protezione di mamma prende il sopravvento. Non sono una che vuole sottrarre tutte le difficoltà della vita ai miei figli perchè penso che ciò non aiuti a crescere, ma penso anche che un genitore debba capire quando è il momento di educare e quando è il momento di proteggere.
Cosa ne pensate?

Avatar utente
Elisabetta
Messaggi: 4453
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:23 pm
Skype: betty--
Località: Pesaro

Re: Cambio scuola?

Messaggio da Elisabetta » ven apr 17, 2009 10:21 am

Se l'insegnante è così poco sensibile di natura... non sperare che le cose cambino! Informati e cerca di capire in altre scuole che aria si respira!
Di dove sei?
Magari qualcuno della tua zona può consigliarti.
Per firmare la PETIZIONE
http://www.petitiononline.com/amicar01/petition.html

INDICE: http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=2345

nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti

Avatar utente
sabrina68
Messaggi: 1552
Iscritto il: ven lug 25, 2008 10:10 am
Località: Genova

Re: Cambio scuola?

Messaggio da sabrina68 » ven apr 17, 2009 10:25 am

Ho letto, e ti mando tutta la mia solidarietà !
In questo periodo purtroppo non so darti una mano, lunedì ho i colloqui con le maestre di mio figlio e anche sto prendendo in considerazione il cambio scuola...e sono molto confusa....
OSDislessia Genova e Tigullio Onlus
http://www.osdgenovaetigullio.it

The Matrix
Messaggi: 385
Iscritto il: gio set 11, 2008 1:03 pm
Località: Roma

Re: Cambio scuola?

Messaggio da The Matrix » ven apr 17, 2009 2:11 pm

marros ha scritto:
Mio figlio intanto ha maturato una scarsissima autostima (non posso farcela, è impossibile, sono l'ultimo della classe, ecc.) e ha manifestato vivo desiderio di cambiare scuola.
Io e mio marito ci siamo mossi in tal senso, ma da qualche tempo lui non è più così convinto, perchè riferisce che l'insegnante non lo tratta più in quel modo.
Aiuto! Cosa mi consigliate? Cosa fareste voi?
Grazie per le Vostra preziosa considerazione.
Io ti consiglierei di dar retta a tuo figlio e intanto responsabilizzarlo anche in tal senso, ovvero che sappia che può contare sul vostro appoggio qualora decida diversamente.
Poi vanno considerati altri fattori:
1 - in un'altra scuola non è affatto detto che non ci sarebbero analoghi problemi. Avete verificato se c'è sensibilità e come essa si traduce nei fatti?
2 - gli altri ragazzini già si conoscono e si frequentano da tempo, lui arriverebbe nuovo nuovo, non conoscendo nessuno e con in più la dislessia. Bhè, non è molto facile.
In aggiunta il bambino è da rassicurare: non è lui che non ce la fà, sono gli insegnanti che hanno serie difficoltà a capire.

Rispondi