Non so più cosa fare.

sfoghi, richieste di aiuto, consigli

Moderatore: Moderatori

Dario67
Messaggi: 42
Iscritto il: mer dic 22, 2010 11:03 am
Località: Varese

Non so più cosa fare.

Messaggio da Dario67 »

Sono un genitore dislessico di 43 anni, mio figlio frequenta la terza media. Già in terza elementare, le maestre si sono accorte che nelle prove scritte mio figlio aveva problemi, mi hanno parlato di una possibile dislessia e discalculia. Ho portato mio figlio da uno psichiatra, gli ha rilasciato un certificato dove semplicemente diceva di valutare i suoi scritti tenendo conto delle sue difficoltà.
Le maestre ne hanno preso atto e non consideravano più di tanto i suoi errori di italiano e di calcolo matematico.
Per noi sembrava risolta la cosa, ne io e mia moglie ne tanto meno le maestre sapevamo cosa fare.
Il problema è iniziato alle medie.
Abbiamo consegnato il certificato fatto in terza elementare. Nel primo anno delle medie sono stato chiamato dal Professore di Italiano, dove mi ha speigato le difficoltà del ragazzo. Io gli ho spiegato che era dislessico e ho accennato al certificato. Anche il professore non sapeva cosa fare, non capiva come mai negli orali era bravo e negli scritti un disastro. Secondo lui il bambino era immaturo. Non sapevamo ne noi ne l'insegnate cosa fosse realmente la dislessia. Devo dire però che nel consiglio di classe di fine prima media questo professore ha lottato per la promozione. Tre insegnati avevano votato per la bocciatura. Le insegnati erano di inglese, francese e matematica.
Inizo anno seconda media. Faccio seguire a casa mio figlio da una ragazza per fargli fare i compiti un oretta tutti igiorni. I miglioramenti nello scritto non avvengono.
A novembre sempre nel secondo anno delle medie. Il professore di italiano e la professoressa di inglese mi fanno richiamare.
Secondo loro c'è qualcosa di pià che una dislessia. Le lacune grammaticali sono notevoli e non sono semplici errori di confondere una lettera con un'altra. Non capisce l'analisi logica non parliamo di quella grammaticale... mi dicono. Forse ha qualche problema mi dicono, sarebbe i lcaso di fare un incontro con la psicologa della scuola.
Parlo con la psicologa, gli spiego tutto. La psicologa, finalmente mi spiega che secondo lei il ragazzo è un D.S.A e mi spiega che i lcertificato che avevo fatto fare non andava bene: serve una certificazione specifica... Perfetto finalemte ho portato mio figlio a fare i test da uno specialista di Varese. Lo porto per diversi giorni e ottengo una certificazione lunga, approfondita e dettagliata di ben 5 pagine: dislessico, discalculo, disgrafico, disortografico. Consegno la certificazione a scuola con gli allegati compensativi e dispensativi. La faccio protocollare.
Inizio una serie di colloqui con tutti i professori. Dove spiego per bene il tutto e consegno a tutti una copia della certificazione.
Nel frattempo mio figlio inizia a fare due ore al giorno tutti i giorni con due insegnati per le ripetizioni.
Fin qui sembra tutto bene. Forse ho risolto il problema.
Spero che lo interroghino di più e tengano meno conto delle verifiche scritte.
In storia e geografia, in tre anni di medie non è ma istato interrogato una volta, nonostante ai colloqui ho insistito con l'insegnate di interrogarlo.
Fanno verifiche scritte in tutto, religione, musica, arte, storia , geografia, cittadinaza, insomma nache in quelle materie dove potrebbero farne a meno. Capisco che per un insegnate è più comodo fare una verifica scritta... in un sol colpo valutano 23 ragazzi... però potrebbero fare un'eccezione? NO?!

Cosa posso fare per evitargli le prove scritte in quelle materie dove non è prevista la prova scritta all'esame di terza media? Cioè posso esonerarlo dalle verifiche scritte di: Storia, geografia, musica, artistica, ginnastica, religione, scienze ecc.? Posso pretendere che sia solo interrogato usando degli schemi?

E' ormai un anno esatto che è certificato, ma il PEP non l'ho mai avuto e fino ad oggi non sapevo neppure cosa fosse. Visto che deve fare gli essami di terza media, cosa posso fare per tutelarlo? Sono ancora in tempo per il PEP?
per ora gli strumenti compensativi che attuano i professori è quello di dargli più tempo nelle verifiche. L'insegnate di Italiano nell'analisi logica gli fa usare le regole dei complementi. Il professore di matematica gli fa usare la calcolatrice e le regole. Difatti ora ha la sufficienza piena in matematica.

Parlando con tutti gli insegnati, sembrano non capire perchè a volte va bene prendendo anche 8 e a volte va male prendendo 4. Parlo sempre delle prove scritte.
Un docente mi ha detto che non ha ancora capito se ci fa o se ci è... sono rimasto allibito :(

Non ultimo. Consiglio di classe per orientamento scuole superiori: Viste le difficoltà del ragazzo consigliamo una scuola professionale. Mio figlio vuole fare lo scentifico, scienze applicate (quello senza latino) ha in mente poi di fare o l'insegnate di sotegno o lo psichiatra per bambini e ragazzi. Non vi dico come ci è rimasto male quando un professore gl iha detto: ma cosa vuoi fare tu lo psichiatra... ma non sai che ci sono dei test d'ingresso... impara un lavoro... ci sono aziende che fanno richieste di operai specializzati e non l itrovano.

Scusate se sono stato lungo, ma avevo bisogno di sfogarmi.

Nelle verifiche scritte di francese e inglese, posso chiedere una verifica differenziata in modo tale che mio figlio possa capirla? oppure se la verifica scritta va male può interrogarlo oralmente e non tenere conto del voto scritto se per esempio nell'orale mi prende 7?

Ho letto alcuni topic del vostro forum e mi riprometto di leggere il più possibile. So che devo lottare e l ofarò con tutte le mie forze. Vorrei solo capire in modo chiaro cosa possiam ofare di specifico.

Grazie se vorrete aiutare un papà
Nnon voglio che mio figlio subisca quello che ho subito io dalla scuola. Se mio figlio vuole fare lo scentifico credo che sia un suo diritto provarci e non ritengo giusto indirizzarlo verso una scuola professionale per imparare un mestiere.
Dislessia: stufo di
Video realizzato da mio figlio Andrea.
http://www.youtube.com/watch?v=oFIwaOoOJ5w
Avatar utente
lucia17
Messaggi: 2784
Iscritto il: sab gen 26, 2008 10:40 am
Scuola: figlio Roby 96 2*ITIS 11/12
Skype: Filibertona
Località: Italia prov. di Roma

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da lucia17 »

Ciao e benvenuto, intanto ti dico che anche a mio figlio hanno suggerito una scuola professionale, nonostante è uscito dalla terza media con 8, ma lui ha preso l'ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE e non ha intenzione di cambiare.
E' dsa, ma è il metodo delle verifiche che deve essere impostato in maniera adeguata alle proprie difficoltà.
Potresti chiedere per iscritto un incontro tra gli specialisti che ti hanno fatto la diagnosi e i professori e stabilire un PDP, piano didattico personalizzato, come prevede la nuova legge n. 170 sui dsa del 2010.
Cerca di far in modo che tuo figlio faccia verifiche a scelta multipla anzichè a risposta aperta, se pensi sia meglio. Comunque dovrebbe usare le mappe anche durante le verifiche dove non le usa, tipo storia ecc...
per i materiali per aiutarsi con lo studio guarda la raccolta che stiamo facendo qui http://www.librodiscuola.altervista.org ... liano.html

Facci sapere.
Avatar utente
mb84
Messaggi: 1550
Iscritto il: mar mag 27, 2008 12:14 am
Scuola: 3a media Davide e IVel Francy
Località: Milano

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da mb84 »

Non ultimo. Consiglio di classe per orientamento scuole superiori: Viste le difficoltà del ragazzo consigliamo una scuola professionale. Mio figlio vuole fare lo scentifico, scienze applicate (quello senza latino) ha in mente poi di fare o l'insegnate di sotegno o lo psichiatra per bambini e ragazzi. Non vi dico come ci è rimasto male quando un professore gl iha detto: ma cosa vuoi fare tu lo psichiatra... ma non sai che ci sono dei test d'ingresso... impara un lavoro... ci sono aziende che fanno richieste di operai specializzati e non l itrovano.
Innanzitutto io questo lo manderei a spalare .... altro che fare il professore! Ma stiamo scherzando davvero? se fanno i test di ingresso e li fanno come devono essere fatti per i DSA vedi che anche tuo figlio li passa questi test di ingresso! E poi comunque se tuo figlio vuole fare questo percorso non vedo come si possa permettere di rispondergli in questo modo! Poi non è detto che ce la fa, anche i non DSA magari partono con l'idea dell'università e si fermano prima ma direi che non sta a lui giudicare che tuo figlio abbia solo l'alternativa di fare l'operai, senza nulla togliere agli operai, ma ci sono modi e modi di dire le cose!

Innanzitutto ti consiglio, proprio perchè mi pare di capire che tuo figlio è in 3a media ed avrà l'esame di mettere sempre tutto per iscritto, anche la richiesta del PEP. Se vai nel sito dell'aid trovi anche delle lettere standard, ma se hai bisogno, contattami pure anche in MP (MP è messaggio privato in basso a sinistra a questo mio messaggio trovi MP clicca sopra e mi arriva un messaggio privato).

Nelle verifiche di inglese e francese se tuo figlio fa la verifica scritta (non so come possa essere differenziata, mio figlio per ora è solo alle elementari e per ora le difficoltà sono solo nello scrivere male la parola) e va male, il professore dovrebbe dare la possibilità di compensare con l'orale, questo se non sbaglio è scritto in qualche circolare ministeriale se non addiritura nella legge per valutazione alunni DSA di agosto 2009 (mi sembra art.10).

Ciao
Barbara

"Tutto ciò che facciamo è solo una goccia nell'oceano ma se non lo facciamo l'oceano sarebbe privo di quella goccia"
Madre Teresa di Calcutta
Dario67
Messaggi: 42
Iscritto il: mer dic 22, 2010 11:03 am
Località: Varese

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Dario67 »

Grazie Lucia. Complimenti per l'8 di tuo figlio.
Con le risposte a scelta multipla va meglio. Ma a volte anche nelle altre. Per questo alcuni prof non capiscono. Anche se è certificato, è quasi assurdo, ma se va bene in alcune verifiche poi pretendono che debba sempre andare bene, altrimenti pensano ceh quando va bene è perchè studia. Eppure lo sanno ceh studa tuti i santi giorni per due ore e a volte finito con le insegnati di ripetizione continua con me o con mia moglie.

Grazie mb84.

Ho visto la lettera del PDP, ma sono confuso, ho letto un post di un utente ceh diceva che se si mette la parola didattico e quindi si richede un PDP poi è un problema far modificare i contenuti. Mentre il PEP dove l otrovo? Oppure sono la stessa cosa?
Ma devo stamparlo io e consegnarlo a scuola per farlo completare?

Per le verifiche di inglese e francese, se la verifica va male la settimana dopo lo interrogano ma fanno media con la verifica. Capisci che se mi prende 4 nella verifica e 7 nell'orale la media è 5,5 :(
Posso pretendere che se va bene nell'orale non devono tenere conto della verifia scritta? Se fosse così potrei richiederlo anche per l'esame di terza media?


Mentre per le prove invalsi un D.S.A. come deve comportarsi?


Scusate se vi stresso, ma mi devo armare per combattere.

Grazie per tutto quello che fate.
Dislessia: stufo di
Video realizzato da mio figlio Andrea.
http://www.youtube.com/watch?v=oFIwaOoOJ5w
roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da roberta »

pep o pdp... ce lo siamo chiesti molte volte ... da me per un po' l'hanno chiamato PSP il che mi fa molto ridere. comunque sia è il documento che dice QUALI strumenti utilizzare
ecco una delle discussioni

http://www.dislessia.org/forum/viewtopi ... pdp#p91215

ecco la legge
http://www.governo.it/GovernoInforma/Do ... /legge.pdf
e la circolare ministeriale per gli esami dell'anno scorso, quella di quest'anno dovrebbe uscire a maggio i prof di mio figlio hanno scritto tutto perfino quello che usa a casa
...
ciao
Dario67
Messaggi: 42
Iscritto il: mer dic 22, 2010 11:03 am
Località: Varese

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Dario67 »

Grazie roberta :)

Una cosa non mi è ancora chiara. Il Modello lo devo stamapre e consegnarlo a scuola? o devo semplicemente richiederlo a loro e me lo devono consegnare già compilato per farmi vedere cosa hanno scritto?

In caso che la scuola il PEP non l'ha ancora fatto. Mi potete dire cosa devo scrivere nella lettera per richiederlo?

Grazie.
Dislessia: stufo di
Video realizzato da mio figlio Andrea.
http://www.youtube.com/watch?v=oFIwaOoOJ5w
roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da roberta »

in teoria il pep o pdp dovrebbero farlo gli insegnanti con chi segue tuo figlio (lo specialista di Varese? la logopedista?) e la famiglia.
Gli insegnanti dovrebbero aver avuto un incontro con il tecnico oppure potrebbero dedurre che strumenti usare dalla diagnosi se fatta bene. per mio figlio la prof coordinatrice si è regolata così:
ha incontrato la logopedista in prima media, abbiamo avuto diversi colloqui in cui abbiamo condiviso le strategie, poi lei ha redatto un pdp che riporta la diagnosi, il comportamento in classe di mio figlio, le mie osservazioni. poi materia per materia hanno elencato che strumenti può usare (calcolatrice, pc, dizionari digitali, libri digitali .... ecc.) e ogni prof ha firmato il pdp.
Ora è in terza media e io sono molto contenta perchè sta studiando da solo, i prof meno perchè quando lo seguivo dimenticava meno roba, era più pntuale nei compiti...
il mio obbiettivo ora è l'autonomia e non posso fare sempre da stampella....
ma questa è un'altra storia.
Robi

p.s. mio figlio fa i compiti scritti di ginnastica ecc ecc ma se va male lo interrogano a voce. devo dire che sono molto in gamba e molto pazienti i suoi prof. e non valutano nè grafia nè ortografia. (l'ordine sì - e lì cade il palco-). Devo dire che si trova bene anche con la prof di Inglese che lo fa copiare e imparare a memoria, (cosa che non avrei mai creduto fosse in grado di fare) ma con lei ce la fa (a suo modo). Poi i compiti in classe sono semplificati (non sempre) ...
... è importante stabilire un buon rapporto con i prof. magari parlando insieme si possono trovare le soluzioni più adatte... potresti portare il pdp da compilare insieme, ti consiglio però un colloquio dove portare tutte le tue perplessità, e dove comunichi la tua decisione di mandare una richiesta scritta perche hai letto la circolare dell'anno scorso dove c'è scritto che gli sturenti da usare all'esame sono quelli che ha usato durante l'anno... (per esempio) per la lettera di richiesta la trovi su "diamoci una mano" trovi il link anche qui a fondo pagina http://www.strategiedimamma.altervista.org/guide.html
ma ti consiglio di cercare sotto la firma di Elena44 perchè forse ha messo in rete una guida più aggiornata...
ri ciao
Avatar utente
lucia17
Messaggi: 2784
Iscritto il: sab gen 26, 2008 10:40 am
Scuola: figlio Roby 96 2*ITIS 11/12
Skype: Filibertona
Località: Italia prov. di Roma

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da lucia17 »

Grazie dei complimenti.
secondo me, tu potresti in un certo senso suggerire come fare il pdp secondo la tua esperienza di genitore, completando il tutto insieme ai prof e agli specialisti...non so.
Avatar utente
Pipo
Messaggi: 1000
Iscritto il: gio ott 22, 2009 11:07 pm
Scuola: 3° Secondaria di primo grado
Località: Ascoli Piceno

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Pipo »

Art. 2 Finalità
1. La presente legge persegue, per le persone con DSA, le seguenti finalità:
a) garantire il diritto all'istruzione;
b) favorire il successo scolastico, anche attraverso misure didattiche di supporto, garantire una formazione adeguata e promuovere lo sviluppo delle potenzialità;
c) ridurre i disagi relazionali ed emozionali;
d) adottare forme di verifica e di valutazione adeguate alle necessità formative degli studenti;


Ciao Dario, benvenuto!
Quello che leggi qui sopra è un piccolo stralcio della nuova Legge 170.
Come puoi leggere, specialmente alla lettera d) comma 1 dell'art.2, è evidente che gli insegnanti devono adottare un metodo di verifica e quindi di valutazione, in grado di permettere al ragazzo di esprimere ciò che sa, nel modo a lui più congeniale e non nel modo più comodo all'insegnante!
Questo significa che se fanno fare una prova scritta ed una orale di compensazione, il voto finale non può essere la banale media matematica tra i due voti assegnati perchè questo sarebbe come dire che ha fatto due prove distinte, una negativa ed una positiva; è assurdo e veramente stupido! Non è così!
La prova va considerata come unica e, se nell'orale ottiene un buon risultato, questo deve prevalere sull'esito dello scritto poichè, la prova orale, dimostra la vera preparazione del ragazzo mentre l'esito dello scritto, dimostra soltanto che quel tipo di verifica, non consente al ragazzo di esprimere le sue conoscenze.
Su questo puoi e devi lavorare con la scuola, chiedendo il supporto sia al dirigente scolastico, sia al referente DSA se è presente nella scuola.
Fossi in te, comincerei con mettere subito per iscritto queste considerazioni ed inviale al Dirigente passando per l'ufficio protocollo, ovviamente.
Per le prove INVALSI e gli scritti di lingua straniera all'esame di terza media, c'è da aspettare che siano emanati i decreti attuativi poichè esistono ancora delle contraddizioni che devono essere risolte. Speriamo al più presto!

Non ti scusare se hai bisogno di sfogarti, qui sei in buona compagnia. :wink:

Ciao, Pipo.
Se potessi tornare bambino, avrei un unico desiderio, rivivere nelle vesti di mio figlio per provare l'emozione di diventare grande, accanto ad un piccolo papà.

http://www.youtube.com/watch?v=m26lrY8lWS8
Avatar utente
Elisabetta
Messaggi: 4453
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:23 pm
Skype: betty--
Località: Pesaro

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Elisabetta »

Benvenuto Dario... ti mando in mp la lettera che ho scritto proprio in questi giorni per una mamma della mia città. Guarda se può fare al caso tuo!
Per firmare la PETIZIONE
http://www.petitiononline.com/amicar01/petition.html

INDICE: http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=2345

nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti
Dario67
Messaggi: 42
Iscritto il: mer dic 22, 2010 11:03 am
Località: Varese

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Dario67 »

Grazie Pipo. In settimana inizierò un'altra volta i colloqui con tutti i professori. Mi porterò dietro l'intera legge e stamperò i passi da te evidenziati. Lascerò una copia a tutti i professrosi, compreso il simpatico opuscolo (ho trovato il link su questo forum) dove spiega ai proff. cosa è la dislessia. E altro materiale che ho trovato qui e che ho stampato. Dirò loro che dopo due settimane ritornerò, per accertarmi che abbiano letto il tutto. (voglio proprio vedere se studiano... nonostante sono stati avvisati)

Grazie Elisabetta per la lettera, Lunedì stesso la consegnerò in segreteria per farla protocollare.

Spero di non perdermi d'animo e di avere sempre la forza di lottare... ma quanto è dura.
Dislessia: stufo di
Video realizzato da mio figlio Andrea.
http://www.youtube.com/watch?v=oFIwaOoOJ5w
mami
Messaggi: 230
Iscritto il: lun dic 22, 2008 12:13 am
Scuola: scuola sup 2°anno

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da mami »

http://www.invalsi.it/snv1011/documenti ... llievi.pdf

questo è l'indirizzo relativo ad alunni con bisogni speciali :
da quest'anno su richiesta della scuola si possono avere le prove invalsi in formato cartaceo,informatico,audio per alunni con dsa certificato .

le scuole lo dovrebbero sapere,ma sollecitare non fa mai male anche perchè ci sono tempi a cui attenersi per fare le richieste.
Dario67
Messaggi: 42
Iscritto il: mer dic 22, 2010 11:03 am
Località: Varese

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Dario67 »

Grazie mami :) stampata la consegnerò a scuola.

Siete tutti famtastici.
In particolar modo Elisabetta che mi ha dedicato tempo via PM e mi ha sistemato la lettera in base a ciò che volevo scrivere. Grazie di cuore.
Dislessia: stufo di
Video realizzato da mio figlio Andrea.
http://www.youtube.com/watch?v=oFIwaOoOJ5w
Dario67
Messaggi: 42
Iscritto il: mer dic 22, 2010 11:03 am
Località: Varese

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da Dario67 »

Sono stati 10 giorni faticosi per mio figlio.
In questi ultimi 10 giorni di scuola tutta la classe di mio figlio è stata sottoposta a innumerevoli prove scritte. Ovvio sta scadendo il quadrimestre. provate a immaginare cosa significa per un ragazzo DSA questa mole di lavoro.
Verifica scritta di geometria.
Verifica scritta di francese
Verifica scritta di arte
Verifica scritta di scineze
Verifica scritta di algebra
Verifica scritta di ingelse
Verifica scritta di storia
verifica scritta di geografia
Verifica Tema: sui promessi sposi
Interrogazione poesia 5 maggio
Interrogazione di inglese
Interrogazione di matematica
Interrogazione di musica (flauto)
Lunedi avrà interrogazione di musica o forse verifica scritta (dipende da cosa decide la prof.)

é capitato che ha dovuto fare due prove nello stesso giorno.

Da quando ho consegnato la certificazione e protocollata ormai un anno fa, non è mai stata fatta un'interrogazione programmata la dove fosse andata male una verifica scritta, ad eccezione di inglese e francese che però fanno media e anche qui dovrò spiegare bene che non devono fare media, come mi ha scritto gentilmente l'utente pipo.

Ho scritto sul diario che vorrei un colloquio urgente con il prof. di lettere, che insegna anche geografia e storia, è anche il cordinatore scolastico.
Ho l'appuntamento martedì.
COn tanta serenità, spiegherò di nuovo il tutto. Ma sottolineerò che, nell'ipotesi che mio figlio avesse qualche materia sotto, tipo geografia, storia, arte, ecc. dove è stato solo valutato con verifiche scritte senza averlo mai interrogato, ma soprattutto senza mai aver avuto un'interrogazione programmata di compensazione, mi rifiuterò di firmare la pagella, perchè ci sono state delle inadempienze e se necessario farò un esposto.
Mi consigliate se è il caso di dire questo? o mi prendo le eventuali insufficienze e me ne sto zitto?

QUello che mi fa rabbia è che dicono, visto le attitudini del ragazzo si consiglia una scuola professionale.
Ma santa pazienza, dico io, ma le attitudini di alcuni prof? Di insegnare come si deve? Di fare ciò che sta scritto nella certificazione?

Scusatemi, ma davvero non so più come comportarmi e come difendere i diritti di mio figlio.
Dislessia: stufo di
Video realizzato da mio figlio Andrea.
http://www.youtube.com/watch?v=oFIwaOoOJ5w
Avatar utente
mb84
Messaggi: 1550
Iscritto il: mar mag 27, 2008 12:14 am
Scuola: 3a media Davide e IVel Francy
Località: Milano

Re: Non so più cosa fare.

Messaggio da mb84 »

Io penso che non solo devi dirlo
Ma sottolineerò che, nell'ipotesi che mio figlio avesse qualche materia sotto, tipo geografia, storia, arte, ecc. dove è stato solo valutato con verifiche scritte senza averlo mai interrogato, ma soprattutto senza mai aver avuto un'interrogazione programmata di compensazione, mi rifiuterò di firmare la pagella, perchè ci sono state delle inadempienze e se necessario farò un esposto.
ma dovresti metterlo anche per iscritto! E magari, ma forse qui ti suggerirà qualche genitore più esperto (noi siamo solo in 5a elementare) mettere già in copia l'USP, MIUR o chi di competenza.
e... in bocca al lupo!
Ciao
Barbara

"Tutto ciò che facciamo è solo una goccia nell'oceano ma se non lo facciamo l'oceano sarebbe privo di quella goccia"
Madre Teresa di Calcutta
Rispondi