Dubbi e…decisione da prendere

Spazio di confronto e scambio di esperienze per chi ha superato la tempesta scolastica

Moderatore: Moderatori

Rispondi
schi
Messaggi: 22
Iscritto il: gio dic 27, 2012 11:03 am

Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da schi » sab ott 04, 2014 9:22 pm

Ciao a tutti!!
Sono una ragazza dislessica. Ho fatto il test circa un anno fa e mi è stato diagnosticato dislessia e deficit di attenzione. Non ho ancora mai presentato la certificazione all'università. Appena ho saputo che sono dislessica ero convinta a depositare la mia diagnosi e far presente la situazione all'università ma non ho potuto perché l'anno accademico era già iniziato. Ora che però è arrivato il momento in cui è possibile depositarla mi sto ponendo tante domande e facendo tanti problemi. Insomma non so se voglio presentare la certificazione…Da una parte so che è la cosa giusta da fare, che depositarla mi potrebbe aiutare a svolgere la mia vita universitaria in maniera più serena ma c'è un ma!!! le mie "pipe mentali" (scusate il termine) iniziano.
Non voglio essere diversa, non voglio spiegare a tutti quelli che conosco perché ho bisogno di più tempo per gli scritti, non voglio che le persone mi facciano domande, non voglio essere notata.
Inoltre ho paura che certi professori non capiscano la situazione, che mi possano penalizzare in qualche modo, che pensino che sono semplicemente più stupida. Tutto ciò mi fa pensare che forse posso farne a meno, alla fine fin ora sono riuscita ad andare avanti con tutte le mie difficoltà con tanti sacrifici.
Voi cosa mi dite?? cerco un supporto morale e dei consigli sinceri.

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da PINGHI » dom ott 05, 2014 8:17 am

Ciao ...l'accettazione e la consapevolezza di ESSERE dislessica è per te GIÀ una grande vittoria... evidentemente ci sarà voluto del tempo per fartene una regione,avrai dovuto lavorare tanto con te stessa ... informarti e fartene una ragione....per chi ti sta vicino genitori,amici,insegnanti ...rimane un qualcosa di "immaginario",visto che non hanno proprio idea di cosa comporti o cosa sia ,questa difficoltà che ci portiamo appresso ... Non te la prendere se non riescono a capirti ...ci saranno senza dubbio 5 insegnanti che comprenderanno ,come altri 5 che "per mentalità chiusa" ignoreranno la tua diagnosi...la diagnosi è a tutela dei dsa ,hai tutti i diritti di presentarla...se poi quei 5 docenti ottusi ,ti guarderanno come una marzianina verde con le antennine ,imparerai a passare sopra ai loro sguardi ... Sono loro le pERSONE strane,non all'altezza del compito che gli è stato assegnato ( insegnare ) ...non certamente tu !!!ciao Bruna

makimura
Messaggi: 41
Iscritto il: gio set 18, 2014 5:15 am

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da makimura » dom ott 05, 2014 10:13 am

schi ti capisco benissimo ... pensa che io ho paura di andare a fondo sul (sono o non sono dislessica?) proprio per le tue stesse paure...

però sinceramente se fossi in te e se questo significa riuscire a raggiungere il tuo sogno "la laurea" io non ci penserei sopra... gli insegnanti e i "pseudoamici" ci saranno solo nel periodo universitario... i veri amici invece quelli rimarranno anche dopo...

poi ti dirò non presentare domanda significa per te dare più impegno e allo studio magari togliendolo ai tuoi amici e interessi... ne vale la pena? per me no quindi secondo me valuterei bene cosa è più importante essere considerata "diversa" da quei pochi insegnanti o trascorrere serenamente il tempo universitario??

schi
Messaggi: 22
Iscritto il: gio dic 27, 2012 11:03 am

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da schi » dom ott 05, 2014 12:47 pm

Grazie a tutti per l'appoggio morale.
So perfettamente che la cosa giusta da fare sarebbe consegnare la certificazione ma come ho già detto il mio cervello non pensa solo alle tante cose positive per il mio percorso universitario. Forse da quello che scrivo potrebbe sembrare che non ho ancora accettato di essere dislessica, ciò però non è vero. Sono consapevole di come sono e delle mie difficoltà e le persone che reputo veramente amiche sanno questa cosa e mi hanno sempre accettato. Non so il perché però mi blocca dirlo tranquillamente a tutti, insomma hai conoscenti e non. vorrei evitare di rispondere a domande stupide del tipo: perché hai bisogno di più tempo per i compiti? Perché fai solo l'orale? Perché te puoi usare la calcolatrice?
Sono una ragazza molto timida, a me non piace essere notata ne dai professori n'è dagli studenti e in questo modo, almeno i primi tempi, sarei al centro dell'attenzione di tutti.
Lo so che queste sono tutte motivazioni apparentemente molto stupide ma è ciò che mi blocca veramente!! Voi non avete mai pensato a queste cose?

Avatar utente
Africa
Messaggi: 1461
Iscritto il: mar ott 26, 2010 6:18 pm
Località: Frosinone

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da Africa » gio ott 09, 2014 12:23 pm

Schi, credo di capirti.
A volte ci sono cose nostre, con le quali noi ci troviamo a nostro agio fino a quando appartengono solo a noi, e non ci va di portarle fuori, di fronte a chi le può giudicare o non capire.
Forse abbiamo tutti paura di essere etichettati, di essere visti agli occhi degli altri come "la ragazza dislessica", perché sappiamo di essere molto di più.
RACCOLTA FIRME per il rispetto della legge n.170 ai test di ammissione universitari

"L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo". Albert Einstein

Avatar utente
gigi
Messaggi: 1094
Iscritto il: mer apr 19, 2006 7:27 pm
Scuola: Insegnante Mate+Fis Lic.Class.
Skype: gigi.o
Località: GENOVA

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da gigi » mar gen 06, 2015 11:03 am

schi ha scritto:... Sono una ragazza dislessica. Ho fatto il test circa un anno fa e mi è stato diagnosticato dislessia e deficit di attenzione. Non ho ancora mai presentato la certificazione all'università. Appena ho saputo che sono dislessica ero convinta a depositare la mia diagnosi e far presente la situazione all'università ma non ho potuto perché l'anno accademico era già iniziato.
Guarda che la prima diagnosi non ha un tempo limite per la consegna. Mai! In nessun ordine scolastico, neppure all'Università.
schi ha scritto:... Non voglio essere diversa, non voglio spiegare a tutti quelli che conosco perché ho bisogno di più tempo per gli scritti, non voglio che le persone mi facciano domande, non voglio essere notata.
E' una tua scelta che tutti devono rispettare!
schi ha scritto:... Inoltre ho paura che certi professori non capiscano la situazione, che mi possano penalizzare in qualche modo, che pensino che sono semplicemente più stupida.
Qualche professore lo penserà a maggior ragione se non vedrà alcuna diagnosi o certificazione; purtroppo le tue difficoltà ci sono e, se non sono imputabili a qualche motivo (e se non consegni la diagnosi, formalmente, i motivi non ci sono), porteranno i proff di turno a pensare che tu non sia adatta, che la tua preparazione è scadente, che commetti errori gravi e inaccettabili (tipo scambiare il seno col coseno, tipo sbagliare anche la derivata di una funzione polinomiale, ecc).
schi ha scritto:... Tutto ciò mi fa pensare che forse posso farne a meno, alla fine fin ora sono riuscita ad andare avanti con tutte le mie difficoltà con tanti sacrifici.
Voi cosa mi dite?? cerco un supporto morale e dei consigli sinceri.
Io la consegnerei.
Io non so che media hai, ma sono certo che se la tua media fosse, poniamo, 24, la tua conoscenza vera della matematica sarebbe valutabile almeno sul 27. Non parlo degli sforzi, che sicuramente sono da 30 e lode, parlo della conoscenza effettiva della disciplina. E' giusto accontentarsi di una valutazione inferiore a quella che ci si merita?
Otterresti risultati sicuramente migliori (intendo come voti ma anche come valutazione da parte dei proff che potrebbero cambiare idea su quella studentessa, molto volenterosa, ma molto limitata, che commette errori incomprensibili, un po' strana, ...) e, inoltre, aiuteresti anche altri studenti con caratteristiche analoghe alle tue che si trovassero a frequentare la tua facoltà.

Se nessuno avesse mai portato all'attenzione della società civile il problema dei DSA, accettando anche di essere additato come "diverso", oggi non avremmo una legge che garantisce dei diritti sacrosanti.

Nel mio insegnamento non manco mai di sottolineare che siamo TUTTI diversi (tra l'altro ci teniamo tutti molto alla diversità personale: ognuno, giustamente, pensa e pretende di essere unico e irripetibile), quindi ognuno ha un suo modo di apprendere e la scuola dovrebbe mettere ogni persona in condizione di trovare il suo modo e potenziarlo.
Quindi, almeno per i miei studenti, la "diversità" è la normalità: non valuto i miei studenti tutti allo stesso modo e loro lo sanno.
I latini dicevano: "summum ius, summa iniuria", ossia se applichi la norma alla lettera, se vuoi giudicare tutti gli studenti esattamente allo stesso modo, commetti le peggiori ingiustizie.

Non voglio convincere nessuno. Voglio solo dirti ciò che penso (così hai chiesto tu :wink: ).

Poi ... decidi tu, logicamente. Nessuno si permetterà di criticare la tua scelta quale che sia.

Qui comunque sai di essere sempre accolta per quello che sei e per come sei: una persona! Punto.

Cari saluti.
:-) Gigi Oliva
GENOVA

schi
Messaggi: 22
Iscritto il: gio dic 27, 2012 11:03 am

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da schi » ven gen 16, 2015 7:59 pm

Ciao!!
Ormai il tempo di riflessione è scaduto.
Conclusione: io sono una CODARDA! Non ho presentato la mia diagnosi.
Non so bene il perché ma sono proprio bloccata dal fatto di dire a tutti che sono dislessica! Io in teoria sono d'accordissimo con voi e so in teoria cosa sarebbe stato giusto fare ma c'è questa cosa che mi frena. Io so come sono fatta, so gli errori che commetto e so il perché li faccio ma non ho la forza di dire: "basta ora si cambia!"
So che, come diceva gigi, se tutti avessero fatto come me oggi giorno non sarebbe esistita una legge a tutela di noi persone dislessiche.
insomma a teoria me la cavo bene ma in quanto alla pratica zero spaccato!!
Ho un blocco psicologico, forse penso di essermi accettata ma in realtà ancora non mi accetto del tutto per quella che sono con i miei limiti e le mie qualità. Spero che tutti voi non mi giudicherete male per quello che non ho ancora fatto. Spero tanto di superare questa fase e andare avanti nel migliore dei modi!! =)

Avatar utente
Africa
Messaggi: 1461
Iscritto il: mar ott 26, 2010 6:18 pm
Località: Frosinone

Re: Dubbi e…decisione da prendere

Messaggio da Africa » lun gen 19, 2015 2:41 pm

Addirittura "codarda"? Mi sembri un tantino dura con te stessa :cry: .
Secondo me dovresti essere più tollerante e darti il tempo necessario per accettare la diagnosi, non solo razionalmente, come mi pare di capire hai già fatto, ma anche "emotivamente".
Per farci cosa... non lo so. Non è che devi per forza dirlo a tutti, puoi anche tenerlo nascosto, ma l'avrai davvero accettata quando ti sentirai completamente a tuo agio con questa cosa.
RACCOLTA FIRME per il rispetto della legge n.170 ai test di ammissione universitari

"L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo". Albert Einstein

Rispondi