NAPOLI UNIVERSITA' FEDERICO II: CENTRO DI ATENEO SINAPSI

Spazio di confronto e scambio di esperienze per chi ha superato la tempesta scolastica

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Avatar utente
liliana
Messaggi: 2604
Iscritto il: mer mar 18, 2009 3:58 pm
Scuola: Figlio 2° anno di università
Località: NAPOLI
Contatta:

NAPOLI UNIVERSITA' FEDERICO II: CENTRO DI ATENEO SINAPSI

Messaggio da liliana » mar nov 25, 2014 11:29 pm

NAPOLI Università Federico II : Il Centro SInAPSi mette a disposizione degli studenti con Disturbo Specifico dell'Apprendimento (DSA), percorsi individualizzati partendo dalle peculiarità e dalle esigenze di ogni studente.
Importante sapere che anche per i test di ammissione universitari si può usufruire degli strumenti compensativi e misure dispensative previste dalla Legge 170/2010.

Per chi fosse interessato ad usufruire del servizio del Centro SInAPSi, ecco di seguito il link:
http://www.sinapsi.unina.it/servizi_DSA

Ciao :wink:
Liliana

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: NAPOLI UNIVERSITA' FEDERICO II: CENTRO DI ATENEO SINAPSI

Messaggio da PINGHI » mer nov 26, 2014 9:14 am

MI accodo :lol: --- ARTICOLO DI QUESTA MATTINA DA varese news
Studenti con dislessia, laureati soddisfatti
Dal 2006, l'Università dell'Insubria ha sviluppato un percorso di accoglienza speciale per gli alunni con DSA. Tutte le facoltà sono aperte a chi ha problemi di apprendimento



Fino a 10 anni fa era quasi impensabile. Studenti con problemi di dislessia difficilmente arrivavano al tragrado più alto: la laurea.
Nel giro di pochi anni, la cultura e la legislazione hanno fatto passi da gigante e oggi, ragazzi con "DSA" possono accedere a qualsiasi facoltà di laurea e costruire un percorso adeguato. Se ne è parlato oggi all'Università dell'Insubria nel corso di un convegno dal titolo: “SAPER STUDIARE È IMPORTANTE! Difficoltà e risorse nella abilità di studio degli studenti universitari con certificazione DSA".

Dall'anno accademico 2006/2007, l'Università dell'Insubria si è dotata di un servizio di accoglienza per alunni con disabilità che, per ciò che attiene ai disturbi dell'apprendimento, ha di fatto anticipato la legge del 2010: « Lavoriamo sulla formazione e informazione di docenti, studenti e territorio - spiega la responsabile del servizio Francesca Zappa - e in questi anni abbiamo visto laurearsi diversi studenti con DSA».

Il servizio offre, innanzitutto, la possibilità di accedere a una nuova certificazione come vuole la legge: « La valutazione avviene con criteri nuovi perchè siamo in presenza di un adulto - spiega la responsabile - Una volta ottenuta la certificazione, si costruiscono progetti personalizzati: ogni esame prevede l'analisi di strumenti dispensativi o ausilii diversi. Il docente individua obiettivi e poi si decidono le modalità per sostenere l'esame».

L'Università dell'Insubria annovera studenti con DSA in tutti i corsi: « Abbiamo iscritti a giurisprudenza ed economia, biologia e mediazione linguistica. Ci sono studenti anche nei percorsi con test di ingresso, quali medicina, scienze infermieristiche. La legge, infatti, prevede percorsi specifici nelle prove di selezione: l'ultimo assegnava un tempo aggiuntivo, circa il 30% in più».

È ancora lunga la strada per l'accettazione della dislessia all'interno del mondo dell'istruzione. Si sono fatti passi da gigante ma ancora si trovano ostacoli: « In questa università abbiamo adottato subito la cultura dell'accoglienza - assicura Francasce Zappa - Ogni esperienza è importante per definire meglio strategie e opportunità. Dalla difficoltà nasce sempre l'occasione per migliorarsi».
25/11/2014
A.T. @alessandra_tonialessandra.toni@varesenews.it

Rispondi