Percentuale invalidità e tasse universitarie

Spazio di confronto e scambio di esperienze per chi ha superato la tempesta scolastica

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Franca88
Messaggi: 101
Iscritto il: gio dic 06, 2012 9:25 am

Percentuale invalidità e tasse universitarie

Messaggio da Franca88 » gio mar 03, 2016 11:16 am

Ciao a tutti era un po' che non scrivevo ma vi seguivo sempre. La mia bimba è finalmente all'ultimo anno di scuola superiore con alti e bassi ma siamo finalmente al traguardo.
La mia domanda è avendo ormai 18 anni il certificato di invalidità bisogna rifarlo? Perché finché sono minorenni non mettono una percentuale di invalidità mentre c'è per i maggiorenni.
Faccio questa domanda perché essendo in procinto del nuovo mondo l'università qui cambia tutto.
Abbiamo rifatto la certificazione perché avevo letto che non doveva essere più vecchia di tre anni.
Ma leggendo nei vari atenei per quanto riguarda le rate universitarie leggevo che gli studenti con disabilità pari o superiore al 66% hanno delle detrazioni così come è in possesso del riconoscimento di handicap art. 3 comma 1 della legge 104. Quest'ultimo noi lo abbiamo già ma non abbiamo il valore in percentuale quindi presumo dobbiamo rifare la richiesta di invalidità per poter avere la percentuale di disabilità.
Chi di voi ne sa di più? Spero di essere stata chiara.
Grazie

Avatar utente
Africa
Messaggi: 1461
Iscritto il: mar ott 26, 2010 6:18 pm
Località: Frosinone

Re: Percentuale invalidità e tasse universitarie

Messaggio da Africa » ven mar 04, 2016 9:50 am

E' consigliabile ripetere la diagnosi di DSA se è più vecchia di 3 anni e si deve affrontare l'esame di stato.
Questo non serve ad appurare al presenza del DSA, che ovviamente permane, ma è utile a monitorarne l'evoluzione e, di conseguenza, gli strumenti compensativi e dispensativi necessari.

Detto questo, qui mi fermo. Su diagnosi che non sono di DSA, o non lo sono totalmente, non mi sento preparata e preferisco si pronunci chi ne sa più di me.
RACCOLTA FIRME per il rispetto della legge n.170 ai test di ammissione universitari

"L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo". Albert Einstein

Franca88
Messaggi: 101
Iscritto il: gio dic 06, 2012 9:25 am

Re: Percentuale invalidità e tasse universitarie

Messaggio da Franca88 » ven mar 04, 2016 9:53 am

Ciao Africa, grazie. Diagnosi DSA rifatta proprio per l'università.
Volevo solo capire se qualcuno nel momento che è diventato maggiorenne e dovendo andare all'università ha rifatto la domanda di invalidità. Visto che fin quando sono minorenni non c'è una percentuale invece da maggiorenni c'è. E sapere come sono stati valutati.
Grazie

Avatar utente
Africa
Messaggi: 1461
Iscritto il: mar ott 26, 2010 6:18 pm
Località: Frosinone

Re: Percentuale invalidità e tasse universitarie

Messaggio da Africa » ven mar 04, 2016 12:07 pm

Le diagnosi di DSA fanno riferimento alla legge 170, non alla 104, pertanto non si parla di invalidità.

Chi è in possesso di diagnosi di DSA può richiedere, ma solo fino ai 18 anni di età (quindi fino al termine delle scuole superiori, non all'università), l'indennità di frequenza che dà diritto ad un assegno mensile, utile per sostenere i costi dei supporti tecnologici, dei cicli di logopedia...

Questo è tutto, per quanto riguarda i disturbi specifici di apprendimento.
RACCOLTA FIRME per il rispetto della legge n.170 ai test di ammissione universitari

"L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo". Albert Einstein

PINGHI
Messaggi: 1994
Iscritto il: mer apr 14, 2010 9:40 am

Re: Percentuale invalidità e tasse universitarie

Messaggio da PINGHI » ven mar 04, 2016 6:01 pm

Ciao Franca leggi quî....a fine articolo trovi la riposta al two quesito
http://www.aiutodislessia.net/legge-e-d ... -frequenza
Cosa succede al compimento della maggiore età

Abbiamo visto che l’indennità di frequenza viene concessa ai minorenni.

Al raggiungimento della maggiore età, è necessario procedere ad un accertamento delle condizioni sanitarie e degli altri requisiti previsti dalla normativa di settore.

La Legge n. 114/2014 ha introdotto importanti novità a favore del minore invalido poiché ha stabilito che costoro, presentando una domanda in via amministrativa entro i sei mesi antecedenti il compimento della maggiore età, ottengono in via provvisoria, già al compimento del diciottesimo anno di età, le prestazioni erogabili agli invalidi maggiorenni.

Prima di questa novità normativa, infatti, quando la persona compiva 18 anni, non riceveva in automatico alcuna prestazione economica e, se riteneva di avere diritto a percepire altre provvidenze economiche previste per i maggiorenni doveva presentare domanda all’INPS.
La nuova modulistica per presentare la domanda amministrativa sopraccitata è già disponibile online sul sito dell’INPS www.inps.it.

Rispondi