metodi adottati

Qui potete parlare anche di cose al di fuori della dislessia

Moderatore: Moderatori

ernestina
Messaggi: 167
Iscritto il: dom nov 27, 2005 8:40 pm
Località: parma
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

metodi adottati

Messaggio da ernestina » gio set 11, 2008 6:52 pm

vorrei aprire una discussione, sicuramente già fatta, sui metodi che noi, genitori, insegnati, tecnici abbiamo adottato per fare sì che l'apprendimento fosse migliore indipendentemente dai sistemi -compensativi e dispensativi-
in parole povere per fare apprendere una cosa, trovare la chiave d' accesso (parola di cui abuso) al di fuori dei sistemi compensativi, che spesso non tutti accettano - leo fa storia -
penso che ognuno di noi sia riuscito a trovare una chiave d'accesso per alcune cose, sarà poca cosa o forse importantissima, servita solo a noi, non si sa mai, potrà servire forse a qualcuno che naviga nella nebbia più fitta
servirebbe sicuramente a me, forse la mia servirà a qualcuno, forse a nessuno
comunque sia, provarci non costa niente
le nostre esperienze possono servire a nessuno, è sufficiente che servano ad una sola persona, e diventano importanti

Leonardo
Messaggi: 2609
Iscritto il: mar gen 03, 2006 9:44 pm
Scuola: 5° anno ITIS Informatica
Skype: leonardo88ro
Località: Dueville(VI)
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da Leonardo » gio set 11, 2008 7:07 pm

Per me per fare apprendere una cosa ci deve essere la pratica che molte volte funziona più di ore e ore sui libri a studiare.
Ad esempio anche con le lingue straniere, a scuola praticamente le studi e basta ma non le usi per questo è preferibile andare direttamente nello stato in cui si parla quella lingua perchè così sei costretto ad impararla ad usare se vuoi farti capire.
A me ad esempio per l'inglese è servito molto il gioco su internet, giocando in server americani dove il 99% delle persone parlavano inglese molte volte ero costretto a farlo anche io cercando di farmi capire.

P.S: tanto per chiarire io non è che non accetto sistemi compensativi ma non accetto che devono essere dati solo ai dislessici, secondo me certe cose come pc o calcolatrice dovrebbe essere dato a tutti.

alice33
Messaggi: 323
Iscritto il: gio gen 18, 2007 9:44 pm
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da alice33 » gio set 11, 2008 11:06 pm

Siccome il mangiare sanza voglia fia dannoso alla salute, così lo studio sanza desiderio guasta la memoria, e non ritien cosa ch’ella pigli. (Leonardo Da Vinci) :P
Creare la motivazione, la curiosità, il desiderio di imparare... non risolve i problemi dei DSA ma fa bene a tutti...:wink: poi è necessario anche "fare" come dice Leo. Ed essere gratificati da quello che si impara e che si fa.

ernestina
Messaggi: 167
Iscritto il: dom nov 27, 2005 8:40 pm
Località: parma
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da ernestina » ven set 12, 2008 12:31 am

alice33 ha scritto:Siccome il mangiare sanza voglia fia dannoso alla salute, così lo studio sanza desiderio guasta la memoria, e non ritien cosa ch’ella pigli. (Leonardo Da Vinci) :P
Creare la motivazione, la curiosità, il desiderio di imparare... non risolve i problemi dei DSA ma fa bene a tutti...:wink: poi è necessario anche "fare" come dice Leo. Ed essere gratificati da quello che si impara e che si fa.
non stavo parlando di motivazioni, solo di quello che ognuno di noi a volte ha usato per fare apprendere una cosa e dopo vari tentativi ha trovato la strada giusta
un semplice e banalissimo scambio di opinioni, come quando ci si scambiano siti di vario genere

Avatar utente
Costanza
Messaggi: 2843
Iscritto il: gio mag 22, 2008 8:26 pm
Scuola: Eevee Universit Supernick 3med
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da Costanza » ven set 12, 2008 1:10 am

ernestina ha scritto:penso che ognuno di noi sia riuscito a trovare una chiave d'accesso per alcune cose, sarà poca cosa o forse importantissima, servita solo a noi, non si sa mai, potrà servire forse a qualcuno che naviga nella nebbia più fitta
servirebbe sicuramente a me, forse la mia servirà a qualcuno, forse a nessuno
comunque sia, provarci non costa niente
le nostre esperienze possono servire a nessuno, è sufficiente che servano ad una sola persona, e diventano importanti
Fare tesoro delle vostre esperienze è il motivo più importante che spinge a iscriversi e consultare questo forum. Senza di esso sarebbe stato tutto più difficile specie nella mia città dove l'AID (mi dispiace dirlo) quasi non esiste e riguardo alla dislessia si sa e si fa poco o niente. Ma perchè qui è sempre così? Anche l'AID, perchè è così attiva in alcune città e quasi non esiste in altre (non necessariamente del sud)? Forse i soci pagano in maniera diversa? Forse i dislessici o anche i genitori di dislessici di alcune città hanno meno bisogno di altri? Potrei continuare con altre domande del genere ma credo di aver reso l'idea di quelle che sono le mie perplessità o diciamo pure lamentele (anche se non mi piace il termine).

Comunque ringrazio questo forum per il sostegno morale e soprattutto per l'aiuto nel cercare di capire cos'è la DSA e come affrontarla.

A Ernestina volevo dire che certo ognuno è una storia a sè e quello che va bene per uno potrebbe non andar bene per un altro ma leggere le vostre esperienze potrebbe essere molto utile a tutti.

Ciao a tutti :fun
Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini. (G. Falcone)

Leonardo
Messaggi: 2609
Iscritto il: mar gen 03, 2006 9:44 pm
Scuola: 5° anno ITIS Informatica
Skype: leonardo88ro
Località: Dueville(VI)
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da Leonardo » ven set 12, 2008 9:15 am

Costanza ha scritto:Ma perchè qui è sempre così? Anche l'AID, perchè è così attiva in alcune città e quasi non esiste in altre (non necessariamente del sud)? Forse i soci pagano in maniera diversa? Forse i dislessici o anche i genitori di dislessici di alcune città hanno meno bisogno di altri? Potrei continuare con altre domande del genere ma credo di aver reso l'idea di quelle che sono le mie perplessità o diciamo pure lamentele (anche se non mi piace il termine).
Da quello che ho capito la differenza la fa semplicemente i genitori che ne fanno parte, insomma se ad esempio l'AID della città di "pinco pallino" è più attiva di un'altra è perchè i genitori della città di "pinco pallino" sono più attivi dell'altra città.
Come sempre tutto dipende dalle persone e si può anche vedere nel forum, ci sono quelli che partecipano sempre, quelli che seguono e basta senza mai scrivere e quelli che scrivono perchè hanno bisogno di aiuto e appena lo ricevono chiedono di farsi cancellare oppure non entrano più nel forum.

Avatar utente
roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da roberta » ven set 12, 2008 9:40 am

ciao a tutti,
ha ragione Leonardo: un'associazione è formata dagli associati e sono loro il motore delle iniziative. d'altra parte chi si associa ha bisogno di aiuto ed è difficile per molti riuscire ad aiutare gli altri se non si riesce ad aiutare se stessi. condividere le esperienze è un buon passo avanti.
Per aiutare mio figlio ad imparare a leggere ho fatto così: coloravo sul libro tutte le lettere difficili (quelle che per lui erano difficili) per esempio avevamo deciso insieme che le p erano tutte blu e le b tutte rosse, le a tutte gialle e le e verdi...
non so dire se io l'abbia letto da qualche parte o se me l'ha suggerito qualcuno so che era un fare qualcosa insieme per cercare di risolvere il problema della lettura e allentava la tensione (all'epoca non sapevamo fosse dislessico, pensavamo fosse pigrizia o immaturità)...ciao
Roberta

Avatar utente
Rossella
Messaggi: 5471
Iscritto il: gio giu 01, 2006 1:13 pm
Località: Potenza
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da Rossella » ven set 12, 2008 9:43 am

E' un metodo che si utilizzava tempo fa, e per quanto empirico può funzionare!
IL MIO BLOG E I MIEI LIBRI: http://www.rossellagrenci.com

ernestina
Messaggi: 167
Iscritto il: dom nov 27, 2005 8:40 pm
Località: parma
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da ernestina » ven set 12, 2008 10:50 am

un grande problema che avevo era quello della sequenza nell'esposizione delle cose, le idee erano tante, affollate e di conseguenza esposte come si presentavano
io ho cercato di fare si che che si creasse un'ordine mentale, non solo per quello che riguarda l'italiano ma per qualsiasi materia
la teoria delle mappe mentali
la prima mappa mentale che ho cercato di creare è stata quella di organizzare le idee in modo logico, cronologico nella testa, creare una sequenza di pensiero
ho iniziato facendo scrivere in ordine cronologico i punti fermi di una giornata
-mi sono alzato
-ho preso l'autobus
-sono arrivato a scuola
eccetera
su questa sequenza scrivere poi una frase ad esempio
-mi sono alzato- mi sono alzato alle 6, ....
-ho preso l'autobus , ho incontrato .....
-sono arrivato a scuola, ........
e da questo sono passata a fare questo discorso rapportato a qualsiasi cosa creando una sequenza logica per tutto
a me è servito

Roberta, il metodo di usare colori diversi è sicuramente non solo valido, ti dirò che io una cosa del genere non l'ho mai presa in considerazione, ma utilissimo
Marco se l'è studiata di suo, lui scrive le domande con un colore, le risposte con un'altro, viaggia con tre colori di biro -per scelta e riciesta sua non per suggerimenti miei- e vedo che le utilizza in modi diversi, probabilmente gli creano associazioni d'idee, come alcune cose le scrive in stampatello, altre in corsivo

Avatar utente
Rossella
Messaggi: 5471
Iscritto il: gio giu 01, 2006 1:13 pm
Località: Potenza
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da Rossella » ven set 12, 2008 11:43 am

Mi viene in mente una cosa: avete mai visto il Manuale di Sopravvivenza, pubblicato proprio dai primi genitori e dislessici del forum nel 2005????
Se no, PROCURATEVELO! -->
IL MIO BLOG E I MIEI LIBRI: http://www.rossellagrenci.com

Avatar utente
Costanza
Messaggi: 2843
Iscritto il: gio mag 22, 2008 8:26 pm
Scuola: Eevee Universit Supernick 3med
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da Costanza » ven set 12, 2008 11:56 am

Leonardo ha scritto:Da quello che ho capito la differenza la fa semplicemente i genitori che ne fanno parte, insomma se ad esempio l'AID della città di "pinco pallino" è più attiva di un'altra è perchè i genitori della città di "pinco pallino" sono più attivi dell'altra città.
Come sempre tutto dipende dalle persone e si può anche vedere nel forum, ci sono quelli che partecipano sempre, quelli che seguono e basta senza mai scrivere e quelli che scrivono perchè hanno bisogno di aiuto e appena lo ricevono chiedono di farsi cancellare oppure non entrano più nel forum.
Non sarà che anche il presidente AID di una città dovrebbe fare qualcosa tipo organizzare riunioni anche solo mensili dei soci o dei genitori di dislessici soprattutto per aiutarci l'uno con l'altro e magari intervenire quando i diritti dei dislessici (ad es. in una scuola) non sono rispettati? Si sa che l'unione fa la forza.
In effetti Leonardo devo darti ragione, anche se a malincuore. Devo dire infatti che il mio appello nel topic "Iscritti siciliani cercasi" non ha avuto molta fortuna. Sarà che i siciliani hanno problemi più importanti dei genitori delle altre regioni (ridicolo) o sarà colpa del troppo caldo :roll: .

Sicuramente dovremmo fare qualcosa, noi siciliani e specialmente palermitani genitori di dislessici (spero che qualcuno legga), perchè altrimenti qui non cambierà mai niente e noi saremo sempre più "terzo mondo" perchè ripeto: a Palermo per i dislessici non c'è NIENTE!

Ringrazio Ernestina che ha aperto questo topic utilissimo dove sto trovando tanti suggerimenti utili specie per il mio piccolo che deve cominciare la seconda elementare. L'anno scorso è stato da incubo per lui e per tutta la famiglia (anche per la maestra credo) anche se non si sa se è dislessico, finora è stato considerato da tutti, me compresa :sad:, solo svogliato e potete immaginare le conseguenze, non a caso lui adesso mi ha detto di "odiare la scuola".
Cercherò, alla luce di tutto quello che ho imparato frequentando il forum ( grz ) di capirlo di più e magari di usare alcune delle tecniche da voi adottate sperando di ottenere qualche buon risultato.

Speriamo che il topic non si chiuda qui perchè noi genitori confusi e un pò demoralizzati abbiamo bisogno di aiuto.

Ciao a tutti.
Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini. (G. Falcone)

Avatar utente
roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da roberta » ven set 12, 2008 1:04 pm

mi è venuto in mente che quest'anno mio figlio ha avuto buonissimi risultati in tutte le materie orali (scienze, storia, geografia... tranne inglese) lui fa come Leonardo: sta molto attento in classe, inoltre segue avidamente i documentari che gli ritornano utili nell'esposizione orale (ha una buona memoria visiva) per aggiungere notizie ecc.
Di aiuto sono anche i vari giochi didattici (si trovano indicazioni in quantità nel forum), oppure le presentazioni in power point che si trovano sui siti delle varie scuole. gli ho scaricato il programma del MIT "scratch" e sta creando dei giochini che pubblica sul suo sito, non hanno niente di didattico e sono veramente dei giochini-ini però il programma lo aiuta a sviluppare la logica e a risolvere problemi (per ottenere questo risultato devo compiere questa azione...)
ciao.
r.

ernestina
Messaggi: 167
Iscritto il: dom nov 27, 2005 8:40 pm
Località: parma
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da ernestina » ven set 12, 2008 1:52 pm

io ho scaricato PERSONAL BRAIN, è gratuito e per me ha una funzione molto interessante, non quella di creare mappe mentali per lo studio ma utilizzarlo per cercare di aumentare l'elasticità mentale
io faccio una sfida a due , si prende una parola, un nome qualsiasi, un timer da cucina -si fissa un tempo limite - ognuno deve associare qualcosa entro un termine di secondi che si stabilisce e scriverlo
posso garantirvi
-si divertono
-imparano ad associare le idee
-perderete spesso!!!!!
soprattutto non è legato per loro ad un discorso scolastico -e questo sicuramente è più che positivo -anche se ha un grosso valore a livello di associazione di idee e quindi si ripercuote poi sullo studio
chiaramente i secondi devono essere studiati in base all'età -visto che devono scrivere-

Avatar utente
attilio
Messaggi: 1087
Iscritto il: sab nov 26, 2005 1:25 pm
Scuola: insegnante, genitore DSA
Skype: attiliomilo
Località: Viggiù VA
Contatta:

Re: metodi adottati

Messaggio da attilio » ven set 12, 2008 2:25 pm

Costanza ha scritto: Non sarà che anche il presidente AID di una città dovrebbe fare qualcosa tipo organizzare riunioni anche solo mensili dei soci o dei genitori di dislessici soprattutto per aiutarci l'uno con l'altro e magari intervenire quando i diritti dei dislessici (ad es. in una scuola) non sono rispettati? Si sa che l'unione fa la forza.
In effetti Leonardo devo darti ragione, anche se a malincuore. Devo dire infatti che il mio appello nel topic "Iscritti siciliani cercasi" non ha avuto molta fortuna. Sarà che i siciliani hanno problemi più importanti dei genitori delle altre regioni (ridicolo) o sarà colpa del troppo caldo :roll: .

Sicuramente dovremmo fare qualcosa, noi siciliani e specialmente palermitani genitori di dislessici (spero che qualcuno legga), perchè altrimenti qui non cambierà mai niente e noi saremo sempre più "terzo mondo" perchè ripeto: a Palermo per i dislessici non c'è NIENTE!
Scusa Costanza, ma hai provato a contattare l'AID sez PALERMO?
Tu ti metteresti a disposizione per collaborare?
Non voglio essere polemico ma ricordo che le sezioni provinciali e la maggior parte degli organi centrali dell'Associazione sono composti da genitori VOLONTARI!
Quindi non pensiamo all'AID come a degli uffici o a personale stipendiato.
L'AID siamo noi: dislessici, genitori, insegnanti, tecnici, medici.
Se il bambino dislessico non può imparare la strada che insegniamo, può insegnarci la strada per farlo imparare.
da "The dyslexia handbook" - Smythe

Avatar utente
Elisabetta
Messaggi: 4453
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:23 pm
Skype: betty--
Località: Pesaro
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Re: metodi adottati

Messaggio da Elisabetta » ven set 12, 2008 2:57 pm

attilio ha scritto:Quindi non pensiamo all'AID come a degli uffici o a personale stipendiato.
L'AID siamo noi: dislessici, genitori, insegnanti, tecnici, medici
Hai perfettamente ragione Attilio!

Credo però che il primo compito dell'associazione sia quella di soccorrere i genitori che si trovano di punto in bianco proiettati in questo mondo senza capirci nulla.
Purtroppo non sempre questo accade.
Una volta sentito l'appoggio è chiaro che un genitore responsabile si mette in gioco in prima persona, per far crescere l'associazione e per cooperare.
Ma io vedo questo un secondo passaggio... credo che Costanza abbia ancora bisogno di sentirsi aiutata prima di riuscire a contribuire.
Per firmare la PETIZIONE
http://www.petitiononline.com/amicar01/petition.html

INDICE: http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=2345

nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti

Rispondi
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1275: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable