Pagina 2 di 3

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 3:10 pm
da attilio
Chiedo scusa in anticipo se sembro non aver considerato questo aspetto: è chiaro che prima cerco aiuto e, dopo averlo ricevuto o quantomeno aver avuto le prime indicazioni su come muovermi, cerco di trasmettere questo aiuto ad altri che ne hanno bisogno. :wink:

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 3:21 pm
da Leonardo
cmq siete andati OT, quelle cose le avevo già dette io :roll:

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 3:45 pm
da ernestina
mettetevi nei panni di un genitore a cui hanno diagnosticato il figlio dislessico....
che di dislessia non ne sa niente.....come la maggior parte delle persone
certo sicuramente un'associato dovrebbe collaborare, offrirsi, come?
aiutare chi?
visto che al momento è lui che deve essere aiutato?

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 3:50 pm
da Leonardo
Non stanno parlando di quello che ha appena chiesto aiuto ma stanno parlando di dopo che l'aiuto lo ha ricevuto, è come nel forum molti si iscrivono magari scrivono "ciao sono ... ho un figlio dislessico di ... anni, aiutatemi perchè devo fare ... ecc" ricevono l'aiuto e poi spariscono o non ritornando mai oppure chiedendo a me di cancellarli completamente dal forum e ultimamente è successo dopo la mass email che ho inviato di gente che mi ha scritto "la prego di cancellarmi dal forum", direi che nemmeno questo comportamento è molto corretto o sbaglio?

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 4:01 pm
da Costanza
Sì Attilio, io sarei disposta a collaborare proprio per questo sto cercando altri iscritti nella mia zona, per sapere se si riuniscono e poter partecipare anch'io ma non soltanto per essere aiutata.
Io volevo contattare l'AID sez. Palermo ma non l'ho ancora fatto per i seg. motivi: 1) non mi sono ancora iscritta all'AID e lo farò quando noterò un segnale che mi dimostri che questa associazione "esiste" anche qui a Palermo; 2) guardando nel sito dell'AID ho trovato per Palermo solo il n. di tel. del presidente della sezione e il suo indirizzo e-mail e nessun altro evento o iniziativa che ho notato invece per altre città, quasi come se quel nome lì ci stesse giusto perchè ci doveva stare. Questo mi ha molto scoraggiata e mi ha fatto desistere dal telefonare anche perchè notando la poca partecipazione al forum da parte di miei concittadini e addirittura corregionali mi sono fatta l'idea, magari sbagliata, che qui la cosa non funzionasse.
Comunque è vero devo contattare l'AID di Palermo e solo allora potrò avere delle certezze e non solo sensazioni o supposizioni. Se mi sono sbagliata chiederò scusa con molto piacere. Posso contattare il presidente della sezione di Palermo anche se non sono iscritta vero?

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 5:36 pm
da ernestina
Rossella ha scritto:Mi viene in mente una cosa: avete mai visto il Manuale di Sopravvivenza, pubblicato proprio dai primi genitori e dislessici del forum nel 2005????
Se no, PROCURATEVELO! -->
penso che il confronto sia comunque importante, almeno si parla direttamente con persone
sicuramente quello che ognuno dirà sarà la cosidetta -scoperta dell'acqua calda-
pace...
non si vive di sole ..leggi..burocrazia....diagnosi....metodi compensativi e dispensativi.. certificazioni.....
esiste una cosa bellissima
siamo nel 2008, tre anni fa alcune persone non sapevano di essere dislessici, avere figli dislessici....allievi dislessici...
io sono contro i manuali - anche se li leggo tutti- anche perchè non esiste manuale alcuno che si adegui al modo di essere di una persona, interpreti il pensiero o il modo di essere
credevo di avere aperto un topic interessante, dove veramente si scrivesse di cose - stupidaggini anche- che si erano adottate e che ci avevano dato un minimo di risultato
ho creato solo polemica, mi dispiace...veramente...

le mie intenzioni erano altre.....

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 5:40 pm
da ernestina
non rileggo mai, se non quando ho inviato

esiste una cosa bellissima, il dialogo e il rapportarsi
ho omesso -il dialogo e rapportarsi-
scusate

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 5:45 pm
da attilio
Costanza ha scritto:Sì Attilio, io sarei disposta a collaborare proprio per questo sto cercando altri iscritti nella mia zona, per sapere se si riuniscono e poter partecipare anch'io ma non soltanto per essere aiutata.
Io volevo contattare l'AID sez. Palermo ma non l'ho ancora fatto per i seg. motivi: 1) non mi sono ancora iscritta all'AID e lo farò quando noterò un segnale che mi dimostri che questa associazione "esiste" anche qui a Palermo; 2) guardando nel sito dell'AID ho trovato per Palermo solo il n. di tel. del presidente della sezione e il suo indirizzo e-mail e nessun altro evento o iniziativa che ho notato invece per altre città, quasi come se quel nome lì ci stesse giusto perchè ci doveva stare. Questo mi ha molto scoraggiata e mi ha fatto desistere dal telefonare anche perchè notando la poca partecipazione al forum da parte di miei concittadini e addirittura corregionali mi sono fatta l'idea, magari sbagliata, che qui la cosa non funzionasse.
Comunque è vero devo contattare l'AID di Palermo e solo allora potrò avere delle certezze e non solo sensazioni o supposizioni. Se mi sono sbagliata chiederò scusa con molto piacere. Posso contattare il presidente della sezione di Palermo anche se non sono iscritta vero?
L'iscrizione non è necessaria: nella nostra sezione vengono spesso persone a chiedere informazioni, così come ne chiedono per telefono. L'iscrizione è un passo successivo; sta alla coscienza di ognuno mettersi una mano sul ... portafoglio e sganciare 30 euro. Da 5 anni sono iscritto e vi assicuro che, almeno da noi, le persone che "lavorano" utilizzano il loro tempo (che non chiamerei libero) e i loro soldi (viaggi, fotocopie, stampe, CELLULARI, ecc).

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 5:56 pm
da Costanza
ernestina ha scritto:credevo di avere aperto un topic interessante, dove veramente si scrivesse di cose - stupidaggini anche- che si erano adottate e che ci avevano dato un minimo di risultato
ho creato solo polemica, mi dispiace...veramente...

le mie intenzioni erano altre.....
Mi dispiace Ernestina la colpa è solo mia. Ho rovinato il tuo topic con le mie polemiche portando la discussione da tutt'altra parte. Devo imparare a controllarmi. Vorrei tornare indietro ma non posso. Il tuo topic è più che interessante soprattutto per me e per altri "alle prime armi" con la dislessia come me. Non volermene.....

Spero che non finisca qui..... :sad:

Ciao =blu

p.s.: grazie per le informazioni Attilio. Anche queste sono utili ma non avrei dovuto parlarne in questo topic....mi dispiace :sad:

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 6:01 pm
da attilio
Non mi sembra che ci sia bisogno di scusarsi :lol:
Si parla e si discute: ogni tanto fa bene anche non essere rigidi.

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 6:08 pm
da Costanza
Grazie =blu

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 6:30 pm
da Elisabetta
ernestina ha scritto:io sono contro i manuali - anche se li leggo tutti- anche perchè non esiste manuale alcuno che si adegui al modo di essere di una persona, interpreti il pensiero o il modo di essere
credevo di avere aperto un topic interessante, dove veramente si scrivesse di cose - stupidaggini anche- che si erano adottate e che ci avevano dato un minimo di risultato
ho creato solo polemica, mi dispiace...veramente...
Il topic è interessante ma si vede che non conosci il "manuale di sopravvivenza" che è una raccolta di metodi nata qui nel forum e che claudia cappa, con l'aiuto mio, di dnaiele e forse altri del forum ha pubblicato qualche anno fa.

Si tratta di strategie per così dire "casalinghe" prese dalle discussioni nate qui.
:wink:

Ecco perchè Rossella te lo ha indicato!

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 6:33 pm
da ti
Come dice Leo anche sul forum molti di noi sono più attivi e altri meno oppure lo siamo in modo altalenante. E' un pò come una staffetta, al nostro arrivo siamo stati supportati e aiutati e ad un certo punto ci viene passato il testimone, così anche noi aiutiamo e supportiamo. C'è una cosa però, che io ho fatto al mio arrivo sul forum un pò di anni fa, ed è stato leggere i messaggi dell'archivio, lì ho trovato le prime risposte, e ho evitato di parlare di cose che non so...
Il MANUALE DI SOPRAVVIVENZA, è esattamente quello che si fa in questo topic, non è un manuale scritto da medici, psicologi o chissà cosa, è un lavoro meraviglioso fatto da alcune mamme, MOSTRILLO e ELISABETTA in prima fila, raccogliendo dal forum proprio i sistemi e le furbizie (passatemi il termine) adottati dalle altre mamme per aiutare i propri figli. Il manuale è diffuso proprio come primo soccorso.
Io ritengo che prima di schierarsi contro i MANUALI, sarebbe stato bene chiedere almeno di cosa si trattasse ;)
Chiarito senza nessuna polemica questo punto, vorrei dire anche io 2 parole sull'altro argomento: io sono delegata di sezione, l'ho chiesto con molta speranza e l'ho fatto nel preciso momento in cui mia figlia si diplomava, quando cioè, potevo levarmi il peso dalle spalle, ho messo a disposizione i locali del mio lavoro e la linea tellefonica, faccio l'help line sul cellulare a qualsiasi ora e rispondo alle mail dei genitori, alcune giornate ricevo 20 mail dall'Aid e tante non faccio in tempo a leggerle, ma sinceramente non esiste un filo diretto quotidiano. Di recente ho dovuto affrontare grossi problemi di salute di un mio familiare e per questo mi sono disimpegnata totalmente. Devo ammettere però che le persone non si associano più, ma a me basterebbe che mi dessero una mano. Ogni tanto qualcuno si avvicina, sembra anche convinto, ma poi tutti tornano alle loro case e alle loro cose. Io ho le mail da marzo da leggere e nessuno mi aiuterà, nessuno mi aggiornerà, dovrei andare presso le scuole a promuovere l'associazione a portare le locandine per i cd per i libri digitali, ma quando? Sono una persona che lavora, ho una famiglia e nessuno si offre di dare una mano! Posso dire che sono amareggiata? Se io faccio una locandina la faccio a mie spese, se spedisco una lettera la spedisco a mie spese.
Il collega di Palermo ha solo una mail e un numero di telefono? Prima non sarebbe meglio scrivere una mail? Giudicare il suo operato prima ancora di averlo contattato mi sembra uguale a giudicare il manuale di sopravvivenza senza sapere cos'è. Magari il collega non aspetta altro che trovare persone disposte a stargli vicino in questa missione che ha scelto e vi assicuro che non è certo una passeggiata.
Ci sono persone come Paola Gavotto che hanno messo l'anima per il forum, i bambini e l'Aid, ne hanno fatto una missione e una guerra che porta avanti con grinta da vendere e ci sono tante altre persone di valore nell'Aid, alcune hanno tempo e possono dedicarsi a tempo pieno, altre hanno buona volontà e bisogno di soci attivi. Io dovrei fare la riunione periodica? E a chi? prima eravamo 25 adesso ci sono 3 o 4 iscritti e io non posso metter le mani in tasca a nessuno, soprattutto di questi tempi!
Fatte queste considerazioni, lascio lo spazio all'origine del topic, allo scambio di esperienze delle mamme, magari presto uscirà il secondo MANUALE DI SOPRAVVIVENZA e sarebbe anche questo positivo.
Buon proseguimento.
Ti

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 6:58 pm
da ernestina
io non mi schiero contro niente, volevo solo dire una cosa, un conto è un manuale, un conto rapportarsi direttamente con una persona
mi sono sicuramente espressa male
la dislessia essendo una cosa così diversa da ragazzo a ragazzo, essendo noi così diversi come persone che la vivono, non si può inquadrare in un manuale
non perchè il manuale no esprima le tecniche che abbiamo usato tutti, ma perchè parlando direttamente con chi le ha applicate o le applica forse ne esce qualcosa di buono, o si chiariscono meglio concetti
mi dispiace rimango ancora convinta che potrebbe essere una discussione utile

Re: metodi adottati

Inviato: ven set 12, 2008 7:07 pm
da Elisabetta
Certo che il dialogo è molto importante ma Rossella (credo) ha suggerito il manuale (che di manuale ha solo il nome) per portare a conoscenza di te e nuovi iscritti della sua esistenza... non per chiudere il discorso qui! :wink: