Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Software, audiolibri, computer, mappe...

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Mat
Messaggi: 667
Iscritto il: lun giu 04, 2012 2:19 pm

Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da Mat » sab ott 18, 2014 7:37 pm

Chiedo a voi un'opinione...
Secondo voi, l'uso mnemonico delle tabelline, in un alunno, rappresenta
una punta d'eccellenza? In particolare alle medie, dove la conoscenza a memoria
dovrebbe/potrebbe esserci.
Non mi sto riferendo in maniera specifica ai DSA (ad es ai ragazzi discalculici)
ma in generale...
Chiedo perchè ho spesso delle ''quasi'' discussioni con una collega di matematica
su questo punto: lei sostiene che è giusto far eseguire i calcoli a mente... io invece
dico che, alle medie, se un alunno non ha ancora imparato le tabelline molto
probabilmente non le memorizzerà più ed è inutile - se non disutile - insistere...
meglio puntare su aspetti piu' ''alti'' della matematica, come la capacità di svolgere
degli esercizi di algebra o dei problemi di geometria dimostrando di sapere
fare delle astrazioni...
Vedo invece ragazzi arrancare per fare i calcoli di fianco al foglio, invece di
mirare a ragionare sul procedimento, su quello che sta ''al di là'' della mera
conoscenza delle tabelline. Ma forse sbaglio.
Pero' mi interessa la vostra opinione. E, ripeto, NON mi riferisco ai ragazzi DSA per i
quali è prevista la calcolatrice...(su questo punto non si discute...) :)

Avatar utente
mamma Rosa
Messaggi: 3815
Iscritto il: lun lug 21, 2008 3:57 pm
Scuola: Alexander: 5° Alb Polovalboite
Località: Padova

Re: Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da mamma Rosa » dom ott 19, 2014 8:38 pm

Tu chiedi un parere ed io un parere ti do: noi tutti siamo portati ad memorizzare ognuno determinati tipi di cose. Ti faccio un esempio: mio figlio (con DSA) impara a memoria le poesie molto bene, nel senso che (a parte la fatica immane per impararle) una volta imparate gli restano a mente, non è così per altre cose come le tabelline.
Ci abbiamo provato, ancora non sapevamo nulla di DSA, le imparava, ma dopo qualche giorno o settimana piano piano, scivolavano nel dimenticatoio.

Con delle buone strategie e i giusti stimoli si possono imparare mooolte cose...con alcune, secondo me, la nostra mente si rifiuta, si mette sulle difensive...come fosse un pericoloso virus...e forse ha ragione lei! :lol:
Esser la mamma di un dislessico è inebriante!!!

Dare un nome alle cose è il primo passo per affrontarle.

Avatar utente
mb84
Messaggi: 1550
Iscritto il: mar mag 27, 2008 12:14 am
Scuola: 3a media Davide e IVel Francy
Località: Milano

Re: Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da mb84 » lun ott 20, 2014 8:48 am

Ciao

Mamma Rosa anche mio figlio Davide impara le poesie meravigliosamente (anche lui con una fatica immane!)

Per quanto riguarda le tabelline lui ha accettato di usare la calcolatrice perchè "mamma non è che io le tabelline non le so.... non le so per i tempi scolastici ma se ho più tempo le tabelline io le so!"

Guarda ieri mi sono resa conto di quanto è vero il fatto che una calcolatrice se non usi la testa è inutile. Il mio piccolo è portatissimo in matematica, le tabelline.... le sapeva ancora prima di studiarle. Fa calcoli a mente veloce ed è in quinta elementare. Ieri però aveva un es. da fare sul ricavo, spesa, guadagno.... e c'era una tabella da compilare con costo unitario, costo totale, etc... gli do la calcolatrice x fare prima e la prima era se non ricordo male : costo unitario 178 - numero pezzi 3 - costo totale ? beh cosa ha fatto?? 178-3? poi ci ha ragionato su e si è accorto della cavolata, ma questo mi ha fatto ragionare sul fatto che davvero se non sai le procedure la calcolatrice non serve a nulla e a quel punto, se un ragazzo alle medie ha ancora difficoltà a fare i conti veri e propri, è meglio fargli usare la calcolatrice così che si concentri sulle procedure e come dici tu a quello che sta oltre al calcolo vero e proprio....

spero di essere stata chiara e scusa la lungaggine
saluti
Barbara

"Tutto ciò che facciamo è solo una goccia nell'oceano ma se non lo facciamo l'oceano sarebbe privo di quella goccia"
Madre Teresa di Calcutta

Mat
Messaggi: 667
Iscritto il: lun giu 04, 2012 2:19 pm

Re: Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da Mat » mar ott 21, 2014 7:12 pm

Grazie, mi rendo conto che l'argomento è dibattuto.
Ho trovato una bella relazione del dott. Stella, in cui parla anche dell'aspetto mnemonico,
in vari ambiti.
Per chi fosse interessato:
http://www.ifra.it/idee.php?id=22

Avatar utente
gigi
Messaggi: 1094
Iscritto il: mer apr 19, 2006 7:27 pm
Scuola: Insegnante Mate+Fis Lic.Class.
Skype: gigi.o
Località: GENOVA

Re: Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da gigi » dom nov 02, 2014 11:09 am

Mat ha scritto:Chiedo a voi un'opinione...
Secondo voi, l'uso mnemonico delle tabelline, in un alunno, rappresenta
una punta d'eccellenza? In particolare alle medie, dove la conoscenza a memoria
dovrebbe/potrebbe esserci.
Secondo me, no.

E' solo una comodità, se si riesce ad automatizzare, come tutti gli automatismi: fa risparmiare tempo e fatica.

Se non si riesce, diventa necessario trovare dei mezzi alternativi.

Cari saluti.
:-) Gigi Oliva
GENOVA

Mat
Messaggi: 667
Iscritto il: lun giu 04, 2012 2:19 pm

Re: Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da Mat » lun nov 03, 2014 8:02 pm

Concordo ;)

Avatar utente
lorax
Messaggi: 307
Iscritto il: gio feb 21, 2013 11:16 am

Re: Conoscenza delle tabelline = eccellenza?

Messaggio da lorax » dom nov 09, 2014 9:35 am

Concordo anch'io con quello che ha detto Gigi.
Però nel tuo post mat sembra che associ conoscenza mnemonica delle tabelline al calcolo a mente, mentre sono cose distinte: si può fare benissimo calcolo a mente senza conoscere le tabelline a memoria, perché le moltiplicazioni si possono ricavare, c'è poi chi se le ricava lentamente (come me) e chi velocemente (come mio figlio). Mio figlio è ancora alle elementari (quarta) e a scuola si fa solo calcolo scritto, non è ammesso il calcolo a mente. Ma il calcolo scritto presuppone di aver memorizzato la procedura per eseguirlo, mentre il calcolo a mente è diverso ed entra di più nel significato dell'operazione, non mi so spiegare meglio ma ci sono delle linee guida sulla legge per i dsa ( forse quelle della regione Emilia Romagna) che lo spiegano e dicono proprio di privilegiare il calcolo a mente rispetto a quello scritto, naturalmente in assenza di disturbi (tipo discalculia) che lo impediscano.

Rispondi