Esami Universitari

Rispondi
Avatar utente
Africa
Messaggi: 1461
Iscritto il: mar ott 26, 2010 6:18 pm
Località: Frosinone

Esami Universitari

Messaggio da Africa » gio feb 13, 2014 4:46 pm

La Legge 170/2010 prevede che anche in ambito universitario sia riconosciuto agli studenti con DSA il diritto di avvalersi degli strumenti compensativi e dispensativi, sia durante i corsi che in sede d'esame.


L'Art. 5, comma 4, Legge 170/2010 cita:

"agli studenti con DSA sono garantite, durante il percorso di istruzione e di formazione scolastica e universitaria, adeguate forme di verifica e di valutazione, anche per quanto concerne gli esami di Stato e di ammissione all'università nonché gli esami universitari".

Necessario affinché ciò avvenga è che l'Università sia in possesso della diagnosi come prevede l’art 3 della Legge 170/2010.

A differenza di quanto accade a scuola, il docente universitario non vive lo studente giornalmente, non ha quindi modo di conoscere e vedere le sue caratteristiche, perciò sarà premura dello studente informarlo preventivamente.

- Un utile consiglio è quello di richiedere un colloquio al professore già durante i corsi, per metterlo a conoscenza sia delle difficoltà che si riscontrano, quindi dei benefici che si traggono dall'utilizzo dei mezzi compensativi, sia delle particolari esigenze che si hanno in sede d'esame.

- Prima dell'esame, sarà utile richiedere un altro incontro per concordare con il prof la maniera migliore di svolgere la prova. E' bene non rimandare questo incontro a pochi giorni dalla verifica, per non mettere in difficoltà il professore che ha bisogno di tempo per organizzarsi, soprattutto se è necessario sostituire la prova scritta con una orale o nel caso si necessiti di tempo aggiuntivo o di una verifica differenziata (cioè una verifica contenente un minor numero di esercizi da svolgere nello stesso tempo dei colleghi). E' lo studente a dover manifestare le sue necessità, ma alcune volte la scelta della modalità di svolgimento della prova, come la scelta di donare un tempo supplementare a dispetto della verifica differenziata, può essere dettata dalle esigenze organizzative del prof.

N.B. Il modo migliore per richiedere un colloquio con il docente è quello di inviargli una mail in cui verranno anticipati i motivi per cui si richiede l'incontro.

Rispondi