INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Scrivete qui i vostri primi messaggi se volete presentarvi e sieti nuovi

Moderatore: Moderatori

giuseppe.cirianni
Messaggi: 46
Iscritto il: mer dic 16, 2009 9:59 pm
Scuola: VALLAGARINA DI QUARTO OGGIARO
Località: SARONNO VA

INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da giuseppe.cirianni » mer dic 16, 2009 10:12 pm

Salve,

mi chiamo Giuseppe e sono un docente di scuola primaria.

sono un dislessico - discalculico riconosciuto, con diagnosi presso l'ospedale di Reggio Emilia, in età adulta.

gentilmente ho bisogno di sapere se esiste una LEGGE che vieta ad un dislessico la possibilità di essere un insegnate!

il mio numero di telefono è XXX/yyyyyyy.
Ho provveduto a rimuovere il numero di telefono cellulare che potrai inviare a chiunque te ne facesse richiesta in messaggio privato (per evitare usi impropri di dati privati). Inoltre evita il cross posting: non è consentito - Gigi -.

Vi prego gentilmente di aiutarmi perchè sono stanco di essere sottoposto a umiliazioni varie pur avendo dimostrato le mie capacità professionale in 7 anni di insegnamento ed in possesso dell'attestato (corso DM 85/05 riconosciuto dallo Stato), di "abilitazione all'insegnamento scuole primarie" con un voto riportato di 90/100.

Se esiste una legge che afferma l'impossobilià ad un dislessico di insegnare, desidero saperlo per sapere come muovarmi.

grazie Giuseppe :sad:

Avatar utente
Popatilla71
Messaggi: 1036
Iscritto il: gio dic 11, 2008 2:40 pm
Scuola: 2° Media e 4° elementare
Località: Piemonte

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da Popatilla71 » gio dic 17, 2009 7:24 am

Ciao Giuseppe,
quello che leggo è allucinante...
Non penso proprio che ci siano dei divieti per i dislessici...a questo punto non avrebbero neanche dovuto darti l'abilitazione non credi???
Sono sicura che arriverà qualche "esperto" a darti delucidazioni.
Quello che posso dirti io è denuncia questi atteggiamenti a chi di dovere...è assurdo anche solo pensarla una cosa del genere!
ImmagineImmagineImmagineImmagine

Avatar utente
Elisabetta
Messaggi: 4453
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:23 pm
Skype: betty--
Località: Pesaro

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da Elisabetta » gio dic 17, 2009 8:15 am

Caro Giuseppe,
tu hai l'abilitazione all'insegnamento e questo è tutto!
Non esistono assolutamente leggi che vieta ad un dislessico di insegnare. Nel nostro forum ci sono diversi insegnanti dislessici che svolgono la loro professione senza problemi!
Credo al contrario che, proprio per la tua particolarità, sarai più capace di altri aiutare i ragazzi con difficoltà simili alle tue nel compensare i propri problemi!

Ci puoi raccontare quale tipo di umiliazione ti viene riservata?

E se vogliamo andare a vedere in letteratura......PENNAC INSEGNA!

FAI VALERE I TUOI DIRITTI!
Per firmare la PETIZIONE
http://www.petitiononline.com/amicar01/petition.html

INDICE: http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=2345

nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti

Avatar utente
Costanza
Messaggi: 2843
Iscritto il: gio mag 22, 2008 8:26 pm
Scuola: Eevee Universit Supernick 3med

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da Costanza » gio dic 17, 2009 9:57 am

Ecco, vedi, ha ragione Elisabetta...Pennac insegna!

Tu puoi veramente realizzare quello che noi chiediamo ai tuoi colleghi e cioè una didattica che garantisca il successo formativo di tutti i ragazzi, compresi gli alunni dislessici. Spiega ai tuoi colleghi dove sbagliano!!! Tutti i loro errori li pagano cari i nostri bambini.
Continua a scriverci.
Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini. (G. Falcone)

Avatar utente
danj
Messaggi: 1224
Iscritto il: sab ott 02, 2004 4:32 pm
Scuola: FINITA!!!:-)
Skype: danicap1
Località: roma

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da danj » gio dic 17, 2009 2:28 pm

ciao collega!!

VERISSIMO quel che dice elisabetta!!

PENNAC INSEGNA!!! :P

sei assolutamente una risorsa, una marcia in più per la scuola...che deve sostenere TUTTI GLI ALUNNI nella motivazione ad apprendere e insegnare strategie per superare le difficoltà.

CHI MEGLIO DI TE PUO' FARLO?????

BENVENUTO FRA NOI....e raccontaci se ti va, qualcosa di più di quel che stai passando!!
In alto a destra del monitor con la funzione del tasto "CERCA", contrassegnato anche dall'icona di una piccola lente, si può ricercare inserendo una parola chiave d'interesse, quel che è già stato detto su un argomento in precedenti discussioni.

Avatar utente
anna68
Messaggi: 4495
Iscritto il: ven dic 16, 2005 12:37 pm
Scuola: 1°UNIVERSITA -3 LINGUISTICO

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da anna68 » gio dic 17, 2009 5:19 pm

Intanto ben venuto.
Ti consiglio di cercare qui nel forum il vademecum per insegnanti, sicuramente troverai molte cose utili.
Inoltre esistono i quaderni di italiano e di matematica di Milli che magari ti possono aiutare.
Qui ci sono alcuni colleghi proprio nelle primarie c'è Milli, Polly, Alice ecc. sicuramente potranno aiutare.
Una legge non esiste però c'è il regolamente valutazione studenti approvata il 19 agosto 2009
dpr 122 art. 10 per i ragazzi dislessici.
Sicuramente una cosa utile che le insegnanti elementari hanno fatto per il passaggio alle medie è stato elencare tutti gli strumenti compensativi che usava e che doveva usare.
Questa lettera con indicazioni fatta da loro è servita molto.
E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio. (Albert Einstein)
Sito: Sito: http://www.dislessia-passodopopasso.it/
Blog: http://www.dislessia-passodopopasso.blogspot.com/
https://sites.google.com/site/spagnoloinregole/

giuseppe.cirianni
Messaggi: 46
Iscritto il: mer dic 16, 2009 9:59 pm
Scuola: VALLAGARINA DI QUARTO OGGIARO
Località: SARONNO VA

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da giuseppe.cirianni » gio dic 17, 2009 7:23 pm

Ringrazio tutti per la calorosa accoglienza.

posso garantire che non ho nessuna intenzione di molare la presa.

Mi racconto:
Fin dalla scuola primaria sono stato marchiato come un bambino strano, svogliato, ritardato, pigro ecc....., idem presso le scuola media, uscendo con un giudizio di quasi sufficienza ed il vivo consiglio di un avviamento al mondo del lavoro o al massimo la frequenza di un istituto professionale (ai tempi considerata la scuola meno impegnativa).
Ringrazio il Signore della "forza di volontà" che mi ha donato con il suo prezioso amore senza del quale nulla di ciò che sono si sarebbe mai realizzato.
Ho scelto di frequentare il Liceo Classico, ed ogni anno, per cinque anni, puntualmente rimandato almeno in tre materie: latino, greco, storia e filosofia ecc....
Umiliato da parte dei professori, in presenza dei miei compagni, con frasi pesanti ed atteggiamenti tipo: tema di italiano con votazione di uno meno, meno, meno, meno, meno. mi domando e dico! non faceva prima a strapparlo?
Sono stato isolato e considerato un incapace (da parte dei compagni e degli insegnanti) e la cosa brutta è stata il convincermi di essere un fallito, menomato e inutile per se e per gli altri.
Al quinto hanno delle superiori fui presentato con il non sufficiente ma grazie alle raccomandazioni di mio padre (anche lui ormai convinto di avere un figlio con problemi di capacità) presi il diploma con il minimo dei voto 36/60.
Finito il periodo di studi, per raccomandazioni di mio padre entrai nei carabinieri come ausiliario, ma stanco di essere raccomandato, nella necessità di sentirmi uguale agli altri riuscì a non farmi riconfermare come effettivo, tirandomi contro l'ira di mio padre.
Andai via di casa, imparando a contare solo sulle mie forze, in quanto avevo il forte desiderio di dimostrare a tutti di cosa è capace un fallito.
Ho sofferto ma sarei pronto a ricominciare da 0.
Oggi sono in possesso dei seguenti titoli di studio:
Maturità Classica; diploma Magistrale; Diploma di Ragioneria; quattro anni di Dirigente di comunità; Abilitazione all'insegnamento DM 85/05 presso l'Università la Bicocca di Milano con una votazione di 90/100; Qualifica di Dirigente Tecnico Settore trasporto su gomma" che mi da la possibilità di dirigere un'azienda al livello tecnico come l'A.T.M. di Milano; Attestato di Operatore Informatico; Istruttore di scuola guida; Tutte le patenti (e questa si che è stata la più grande vittoria in quanto dislessico); autista di autobus; bilici; auto cisterne ecc...; patente nautica oltre le 12 miglia marine e molte altre qualifiche professionali e non solo.

Tutto ciò realizzato lavorando di giorno e studiando di notte.
Un Dislessico, per rimanere alla pari con gli altri ha la necessità di lavorare (nelle fasi d'apprendimento) tre volte in più degli altri.
Inizialmente è difficilissimo ma poi se il desiderio di farcela è presente, si va lisci come l'olio.
Le strategie e le metodologie da usare con il tempo diventano sempre più mirate ed efficaci grazie ad un lavoro che deve necessariamente partire da un'attenta "OSSERVAZIONE" di tutto ciò che ci circonda, esule da schemi di ragionamenti prefissati, ovvero "osservare senza rimanere intrappolati dai ragionamenti risolutivi che spingono tutti, con estrema facilità, a dare una risposta preconfezionata da conoscenze statiche e pregiudizi".
E' necessario seguire uno schema ben preciso: osservare (colori, forme, parole e numeri), analizzare (elementi utili e non), selezionare (elementi ritenuti utili dalle nostre pre-conoscenze), ipotizzare (una soluzione il più possibile vicina alla verità), in fine dare la risposta.
Spesso, si sottovalutano questi passaggi importanti, ed è così che si arriva a dare risposte sbagliate, dando un ruolo dominate alla teoria come unica e rapida soluzione al problema ovvero ragionare senza osservare, quasi istintivamente.
Ho lasciato il mio lavoro di responsabile di direzione in qualità di "dirigente tecnico settore trasporti", per dedicarmi a tempo pieno al problema della dislessia nelle scuole statali.
Insegno dal 1999 con incarichi annuali fino a ad oggi nella scuola primaria.
Le ostilità sono nate per mezzo di colleghi e dirigenti pronti a sbandierare una professionalità, che spesso è priva di umanità e obiettività soggettiva e professionale.
Esempi:
1) Compilazione del verbale di interclasse a turno; nel momento in cui arrivava il mio turno realizzavo il verbale con il pc e poi tale foglio veniva incollato sul registro verde. Operazione pienamente contestata in quanto il registro deve essere obbligatoriamente redatto a penna.
2) Compilazione lettere e documenti a penna ma con scrittura in stampatello maiuscolo (ottima per il dislessico), anche questa contestata o che ha portato al sospetto di incapacità nello scrivere in altre forme;
3) Uso della calcolatrice per la correzione dei compiti, contestato in quanto diseducativo per i bambini;
4) Uso di metodologie personalizzate per l'insegnamento della matematica, partendo dall'aspetto pratico per poi giungere al concetto teorico (lasciare spazio e sfogo alle idee altrui), dopo aver invitato gli alunni al tentativo di soluzione dell'esercizio, con proprie strategie, all'oscuro del concetto teorico.
Vi chiederete, questo perchè?
Molte volte siamo convinti che i nostri alunni, in riferimento ai nuovi argomenti, risultano tabula rasa! non c'è niente di più falso! con questo sistema spesso e volentieri veniamo a conoscenza di strategie, ideate e realizzate dagli stessi, non presenti sui nostri libri e di sicura validità.
La lista è lunga e per il momento mi fermo con un invito a chi insegna ma anche rivolto ai genitori.
I bambini non sono dei vasi da riempire forzatamente con concetti spesso astratti presenti sui libri.
Hanno la necessità di creare in cooperazione con l'insegnate il proprio percorso culturale.
E' necessario creare un ambiente in cui tutti possono dire la propria giusta o sbagliata che sia.
E' in queste occasioni che interviene l'insegnante e come per magia, deve essere in grado di trasforma una affermazione o situazione apparentemente inutile e sbagliata, in utile e possibilmente più vicina a quella giusta, mantenendo alta l'autostima di ogni membro del gruppo.
Solidarietà, cooperazione, rispetto e valorizzazione di ogni capacità diversa.
Non trasformare mai una DIVERSITA' in una non capacità, bensì in un'opportunità di ampliamento del proprio sapere.
Per sapere ciò che è una diversità bisogna conoscerla, per conoscerla bisogna saper essere diversi, per saper essere diversi bisogna saper fare cose diverse. Tutto ciò per non chiudersi nell'astrattezza di concetti che tali sono e tali restano se non gli si da la giusta attenzione, il giusto interesse.

Spero di non aver scritto male nei concetti e nella forma.

grazie Giuseppe

Avatar utente
roberta
Messaggi: 2561
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da roberta » gio dic 17, 2009 8:29 pm

giuseppe.cirianni ha scritto:E' in queste occasioni che interviene l'insegnante e come per magia, deve essere in grado di trasforma una affermazione o situazione apparentemente inutile e sbagliata, in utile e possibilmente più vicina a quella giusta, mantenendo alta l'autostima di ogni membro del gruppo.
Solidarietà, cooperazione, rispetto e valorizzazione di ogni capacità diversa.
Non trasformare mai una DIVERSITA' in una non capacità, bensì in un'opportunità di ampliamento del proprio sapere.
Per sapere ciò che è una diversità bisogna conoscerla, per conoscerla bisogna saper essere diversi, per saper essere diversi bisogna saper fare cose diverse. Tutto ciò per non chiudersi nell'astrattezza di concetti che tali sono e tali restano se non gli si da la giusta attenzione, il giusto interesse.
puoi diventare l'insegnante di mio figlio anche subito.
non aggiungo altro, come direbbe lui "ti stimo fratello"!
Roberta

laura72
Messaggi: 174
Iscritto il: mar nov 11, 2008 4:49 pm
Scuola: II° media
Località: Bergamo

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da laura72 » gio dic 17, 2009 8:53 pm

A Giuseppe:

=kisses


sono commossa per quello che hai subitoin passato e molto arrabbiata per quello che i tuoi colleghi ti stanno facendo passare!

Tieni duro! Tu hai il diritto di insegnare!

Avatar utente
Elisabetta
Messaggi: 4453
Iscritto il: gio ott 21, 2004 6:23 pm
Skype: betty--
Località: Pesaro

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da Elisabetta » gio dic 17, 2009 8:56 pm

Grazie Giuseppe per la bellissima presentazione che percepisco un po' sofferta ma tanto bella nella sua autenticità!
Grazie per essere qui con noi e per fare quello che probabilmente pochi insegnanti sanno fare:
giuseppe.cirianni ha scritto:Solidarietà, cooperazione, rispetto e valorizzazione di ogni capacità diversa.
e ad Anna rispondo che quanto riporti
anna68 ha scritto:Ti consiglio di cercare qui nel forum il vademecum per insegnanti, sicuramente troverai molte cose utili.
Inoltre esistono i quaderni di italiano e di matematica di Milli che magari ti possono aiutare.
Qui ci sono alcuni colleghi proprio nelle primarie c'è Milli, Polly, Alice ecc. sicuramente potranno aiutare.
non credo sia necessario a Giuseppe perchè lui può far mangiare polvere a molti suoi "illustri" colleghi!!!!
Per firmare la PETIZIONE
http://www.petitiononline.com/amicar01/petition.html

INDICE: http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?t=2345

nel sito www.dislessiainrete.org ci sono 3 guide scaricabili per insegnanti, per genitori e per studenti

Avatar utente
Popatilla71
Messaggi: 1036
Iscritto il: gio dic 11, 2008 2:40 pm
Scuola: 2° Media e 4° elementare
Località: Piemonte

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da Popatilla71 » gio dic 17, 2009 9:31 pm

Sono senza parole!
Sei un grande!!!!
Fortunati i tuoi allievi...non smettere mai di batterti! Mai e poi mai...hai visto cos'hai ottenuto con la sola forza di volontà!!!!
ImmagineImmagineImmagineImmagine

Avatar utente
cristina.ligotti
Messaggi: 461
Iscritto il: lun giu 22, 2009 1:04 am
Località: savona
Contatta:

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da cristina.ligotti » gio dic 17, 2009 10:01 pm

:wlc collega!!!

Non vi è nessuna legge che vieta di insegnare ai dislessici!!!

Complimenti per il percorso personale e scolastico, ma soprattutto per la forza di volontà...è quella che fa la differenza!
Vai avanti a testa alta e sii sempre determinato...non ti curar di loro, ma guarda e passa!
Cristina

Avatar utente
maggie
Messaggi: 699
Iscritto il: ven ott 23, 2009 10:23 pm
Scuola: II^ Agrario
Località: Grosseto

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da maggie » gio dic 17, 2009 10:17 pm

TI STIMO FRATELLO ANCH'IO...sono senza parole per quello che sei e per quello che gli altri non hanno voglia di vedere oltre il loro naso...tu a loro vai stretto ecco cos'è..li costringi a prendere atto di didattiche che loro non intendono attuare,li costringi a guardarsi dentro e non tutti sono all'altezza di mettersi in discussione..continua come hai sempre fatto..denti stretti e testa alta con tutta la tua fede..siamo con te
Gabriella

giuseppe.cirianni
Messaggi: 46
Iscritto il: mer dic 16, 2009 9:59 pm
Scuola: VALLAGARINA DI QUARTO OGGIARO
Località: SARONNO VA

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da giuseppe.cirianni » gio dic 17, 2009 11:45 pm

Grazie per le risposte.

desidero sintetizzare alcuni punti con un'atteggiamento che sicuramente caratterizza che vuole aiutare il prossimo:

"non competizone ma cooperazione".

L'insieme nella diversità può rendere forti.

E' importante tener presente che ogni bambino ha le sue caratteristiche e non sempre un sistema o schema prefissato è idoneo in mode generalizzato.

Sono del parere che una volta analizzata la situazione del gruppo classe, prima in modo collettivo ed in seguito individualmente, solo a quel punto si può attuore in ricerca, creatività e in cooperazione con gli stessi bambini, gli strumenti, le metodologie e quant'altro mirate alla soluzione, possibilmente, dei problemi che camin facendo si presentano durante l'anno scolastico.
Cercare di costruire il sapere in cooperazione attuando tutto ciò che tutti offrono.

Avatar utente
gloria
Messaggi: 2273
Iscritto il: ven ott 01, 2004 1:02 am
Località: Roma e Viareggio

Re: INSEGNANTE DISLESSICO SOTTOPOSTO A CONTINUE UMILIAZIONI

Messaggio da gloria » ven dic 18, 2009 7:29 am

....magari averti trovato quando mio figlio era alle elementari :lol:

...immagino che avrai un bel rapporto con i tuoi alunni e credo che i tuoi colleghi siano invidiosi :twisted:

Bloccato