E' quella giusta?

Scrivete qui i vostri primi messaggi se volete presentarvi e sieti nuovi

Moderatore: Moderatori

Rispondi
simonettad
Messaggi: 201
Iscritto il: ven ott 02, 2009 1:37 pm
Scuola: 1° media
Località: Roma

E' quella giusta?

Messaggio da simonettad »

Come faccio a capire se la logopedista che segue il mio bambino è "quella giusta"?
Mi spiego, non ha mai spiegato e aiutato mio figlio a fare le mappe, non lo stimola ad usare le tabelle compensative, ha detto che non era necessario fare il PEP, non ha richiesto alle maestre una diminuzione dei compiti o l'esonero dello studio delle poesie... e quando le ho fatto vedere una verifica di grammatica fatta malissimo (che però un mese fa mio figlio faceva benissimo) la sua risposta è stata: "ancora con l'analisi grammaticale!?! e poi gli ha rispiegato le cose che aveva sbagliato, (ma lo avevo fatto già io) lei non avrebbe dovuto insegnargli ad usare le tabelle compensative per aiutarsi alla prossima verifica?
Mi sto mettendo alla ricerca di un'altra figura, faccio male?
roberta
Messaggi: 2563
Iscritto il: sab ago 12, 2006 2:45 pm
Scuola: figlio università
Località: friuli
Contatta:

Re: E' quella giusta?

Messaggio da roberta »

direi che fai bene.
dott.ssadistefano
Messaggi: 44
Iscritto il: ven ott 01, 2010 3:57 pm
Località: Catania

Re: E' quella giusta?

Messaggio da dott.ssadistefano »

simonettad ha scritto:Come faccio a capire se la logopedista che segue il mio bambino è "quella giusta"?
Mi spiego, non ha mai spiegato e aiutato mio figlio a fare le mappe, non lo stimola ad usare le tabelle compensative, ha detto che non era necessario fare il PEP, non ha richiesto alle maestre una diminuzione dei compiti o l'esonero dello studio delle poesie... e quando le ho fatto vedere una verifica di grammatica fatta malissimo (che però un mese fa mio figlio faceva benissimo) la sua risposta è stata: "ancora con l'analisi grammaticale!?! e poi gli ha rispiegato le cose che aveva sbagliato, (ma lo avevo fatto già io) lei non avrebbe dovuto insegnargli ad usare le tabelle compensative per aiutarsi alla prossima verifica?
Mi sto mettendo alla ricerca di un'altra figura, faccio male?

Assolutamente bene...purtroppo da qunado i DSA sono diventati un "business", chiunque si è buttato a fare interventi abilitativi, anche senza possederne le competenze adeguate.
Bisogna stare molto attenti e, come giustamente stai dicendo tu, verificare se lo specialista in questione sta svolgendo bene il suo lavoro...anche perchè si rischia di perdere tempo e soldi inutili per colpa di persone poco preparate...in linea generale, il mio consiglio è quello di osservare i punti di partenza dei bambini/ragazzi che cominciano un percorso...se nel giro di tre/quattro mesi non ci sono miglioramenti significativi, allora qualcosa non sta funzionando!!!
In bocca al lupo.
Avatar utente
liliana
Messaggi: 2604
Iscritto il: mer mar 18, 2009 3:58 pm
Scuola: Figlio 2° anno di università
Località: NAPOLI
Contatta:

Re: E' quella giusta?

Messaggio da liliana »

simonettad ha scritto:Mi sto mettendo alla ricerca di un'altra figura, faccio male?
Assolutamente NO!!!!! :wink:
simonettad
Messaggi: 201
Iscritto il: ven ott 02, 2009 1:37 pm
Scuola: 1° media
Località: Roma

Re: E' quella giusta?

Messaggio da simonettad »

Ieri ho avuto un colloquio con un logopedista, su certi aspetti mi è parso OK, ha parlato del PEP, di un carico di lavoro più leggero, però... quando gli ho chiesto delle tabelle compensative mi ha domandato cosa fossero :shock: e quando gli ho spiegato che erano quelle tabelle per aiutarlo nell'analisi grammaticale o logica e in matematica, mi ha detto che per far quelle lo deve aiutare la maestra di sostegno che segue mio figlio.
Altra cosa che mi lascia in dubbio è la sua proposta di fare due ore di logopedia di seguito dalle 17.30 alle 19.30, così che il bambino non debba impegnare due pomeriggi, gli ho detto: "ma non sarà troppo, visto che già sta a scuola fino alle 16.30?" ...
Che mi dite? Ci provo o continuo la mia ricerca? E nel frattempo lascio la vecchia logopedista o è consigliabile lasciarla solo quando ne ho trovata un'altra?
Grazie... se non ci fosse il forum!!!
Avatar utente
liliana
Messaggi: 2604
Iscritto il: mer mar 18, 2009 3:58 pm
Scuola: Figlio 2° anno di università
Località: NAPOLI
Contatta:

Re: E' quella giusta?

Messaggio da liliana »

Se dovessi decidere per mio figlio, mi continuerei a guardare in giro per cercare un/a logopedista completo/a, perchè anche quest'ultimo mi sembra un pò carente visto che è caduto dal pero quando gli hai parlato di strumenti compensativi :roll:
e poi 2 ore di seguito....... a discapito di due sedute che potrebbero risultare più proficue, non saprei. :roll:
simonettad ha scritto:E nel frattempo lascio la vecchia logopedista o è consigliabile lasciarla solo quando ne ho trovata un'altra?
Anche se questa non è il massimo.....comunque non la lascerei prima di averne trovata un'altra, non penso possa essere positivo per tuo figlio rimanerne senza anche se solo temporaneamente.
simonettad
Messaggi: 201
Iscritto il: ven ott 02, 2009 1:37 pm
Scuola: 1° media
Località: Roma

Re: E' quella giusta?

Messaggio da simonettad »

Grazie =kisses
mari
Messaggi: 11
Iscritto il: ven nov 26, 2010 10:51 pm
Scuola: figlio seconda elementare
Località: milano

Re: E' quella giusta?

Messaggio da mari »

Ciao,
anch'io mi pongo questa domanda anche se di fatto sono ancora agli inizi.
Questa settimana ho avuto il primo colloquio con una logopedista privata ( le liste di attesa sono lunghe e siccome Leo e' agli inizi della seconda elementare abbiamo deciso di intervenire al più presto nella speranza ( me ce n'e' ? vado ad alti e bassi) che possa recuperare.
Questa logopedista lavora in un centro e siccome abita nel mio stesso paese ha libero un pomeriggio a settimana dopo le 17. Verrebbe a casa. Per certi aspetti mi sembra comodo
e poco sconvolgente per la vita quotidiana di Leo. Ma sarà efficace ?
La logo si e' fatta pagare per il primo colloquio per prendere contatti . E' normale ?
In ogni caso io ho acquistato un programma SW dell' Ericksonn sulle difficolta ortografiche (mi sembra ben fatto anche se ripeto io fino a qualche mese fa non conoscevo la disortografia) e sto impegnando Leo tutti i giorni.
Il programma prevede tra l'altro il memory sillabico ( molto carino) e lo facciamo insieme;
quando le sequenze di domande a cui rispondere sono lunghe ( tipo 206 quesiti) lo aiuto con il mouse ( lui si stanca).
Mi chiedo una logopedista privata che viene in casa fa gli stessi trattamenti che Leo avrebbe in un centro ?
maddalena66
Messaggi: 237
Iscritto il: gio dic 09, 2010 11:30 pm
Scuola: figlio 1^media
Località: Ciampino

Re: E' quella giusta?

Messaggio da maddalena66 »

Ciao,
Daniele è seguito da quasi 4 anni (ha 11 anni) in un centro di neuropsichiatria e la logopedista non lo segue scolasticamente, lei lavora prettamente sulle difficoltà specifiche.
Io lo seguo a casa e faccio il possibile per aiutarlo nello studio, anche sulla base delle indicazioni che ho letto sul forum. A scuola la maestra di sostegno sta seguendo un programma semplificato e le maestre stanno "collaborando" :evil: (leggi la mia lettera d presentazione) per seguire al meglio il bambino.
Ora mi chiedo....è così che deve essere? mi hai fatto venire un bel dubbio :?
Maddalena66
mari
Messaggi: 11
Iscritto il: ven nov 26, 2010 10:51 pm
Scuola: figlio seconda elementare
Località: milano

Re: E' quella giusta?

Messaggio da mari »

sono agli inizi e ho tanti dubbi e faccio anche fatica a comprendere le difficoltà di Leo.
Maddi ho letto la tua lettera di presentazione e anche l'intervento di pipo mi ha colpito tantissimo. Per il momento devo dire che la scuola mi sta dando supporto. Anzi sono state proprio le maestre a suggerimi delicatamente di approfondire le difficoltà di Leo. Al momento ho una diagnosi di disortografia ed e' stata riscontrata un difficoltà in lettura. Il mio piccolo ce la mette tutta per fare le cose per bene. Ma commette tantissimi errori di ortografia.
Alle maestre ho consegnato la diagnosi ( non l'ho fatta protocollare),del materiale sulla DSA e
una copia del DL del 2010. Si stanno attenendo ai consigli. Infatti fin da subito hanno detto a Leo di scrivere in stampatello ( la maestra ha notato che commette meno errori se non scrive in corsivo). Inoltre per non scoraggiarlo nei dettati nonostante gli innumerevoli voti gli danno anche 10. Leo e' fiero di questi dieci. In classe però i compagni lo prendono a volte in giro. Magari lo fanno con tutti. Ma il problema di Leo e' che lui e' consapevole delle sue difficoltà.E così sente come vere queste prese in giro. A volte mi chiede anche di prendere una medicina per guarire.
maddalena66
Messaggi: 237
Iscritto il: gio dic 09, 2010 11:30 pm
Scuola: figlio 1^media
Località: Ciampino

Re: E' quella giusta?

Messaggio da maddalena66 »

Ciao Mari,
purtroppo Daniele tiene tutto dentro di se e la psicologa sta lavorando per aiutarlo a tirare fuori e accettare queste difficoltà, gli atteggiamenti di contrasto e sfida verso gli insegnanti non lo aiutano a farsi voler bene.
Quest'anno in particolare sono (definizione di Daniele) infastidite ...molto infastidite!!
Certo una mamma FALCO che vigila sopra le loro testoline è fastidiosa come una zanzara!! 8)
Mi sono sentita tradita dal loro comportamento, ci hanno chiuso la porta in faccia, finchè ho lavorato da sola con il bambino riuscendo con immensa difficoltà a fargli raggiungere alcuni obiettivi è andato tutto bene, quando ho avuto bisogno della loro effettiva collaborazione .....sai comè andata a finire :x
Ma ripeto, il centro di neuropsichiatria è sempre rimasto estraneo a tutto questo, nei GLH spiegavano a grandi linee alle insegnanti delle difficoltà di apprendimento ma non si è mai parlato di metodi alternativi di studio, di mappe concettuali, di un PEP. Ho scoperto tutto solo in quest'ultimo periodo grazie a questo sito.
Devo continuare questa battaglia comunque da sola. Mi sento incoraggiata dai primi risultati ottenuti con schede fatte dal bambino del corpo umano, si è divertito e finalmente non sbadiglia sopra il libro :P
L'ansia della lettura è passata e quando giochiamo con il lettore vocale perchè sbaglia gli accenti sono felice perchè è sereno e coinvolto.
Rispondi